Nuove uscite per Bibenda e Vinum

Bibenda, sempre più elegante
Elegantissimo nella veste grafica e nella scelta delle immagini, e ricco di argomenti interessanti per ogni cultore di Bacco, ecco il nuovo, numero, il 19, di Bibenda, (per rendere più seducenti la cultura e l’immagine del vino, il sottotitolo), la rivista dell’A.I.S. Roma (www.bibenda.it).

Le circa 130 pagine, a grande formato, impreziosite dalle magnifiche foto di Stefano Segati, offrono un menu vastissimo e ricco di sapori.
Si parte da un servizio sul Pinot nero in Italia, corredato da una degustazione dei migliori esemplari, per approdare ad un dossier sulla Calabria a tavola ed in cantina, per spostarsi in Piemonte e occuparsi di Gavi, e quindi, ancora, in Alto Adige, con l’obiettivo puntato sui bianchi di Terlano e Termeno, ed infine in Toscana, a Carmignano.
Puntata poi all’estero, in Bourgogne, con un ottimo articolo di Armando Castagno su un grandissimo bianco come il Corton Charlemagne, in Australia, con uno speciale sul New South Wales ed i suoi vini.
Interessanti, poi, un articolo su un vino rosso dolce passito poco conosciuto, il Moscato di Scanzo, firmato dal delegato A.I.S. di Mantova Luigi Bortolotti, un altro sulla mostarda, con i consigli di abbinamento dei vini a piatti che la vedano come ingrediente, e poi rubriche su oli, distillati, vini dall’eccellente rapporto qualità prezzo, la seconda parte di un grande compendio dedicato ai vitigni autoctoni, o tradizionali, italiani.

Da non perdere, infine, l’editoriale del direttore, Franco M. Ricci, che lancia una parole d’ordine pienamente condivisibile: “guerra agli stupidi spot e agli slogan che si basano sull’ignoranza del consumatore” e guerra alla “imbecillità” che affligge, ahinoi, molti protagonisti della comunicazione, che dicono tranquillamente, ed in pubblico, “stupidità e corbellerie”.
Come non condividere questa sacrosanta battaglia di Bibenda ?

Vinum Italia: il vino secondo la più celebre rivista svizzera

Nuova uscita per Vinum Italia, edizione italiana della celebre rivista del vino svizzera (in vendita in edicola o disponibile in abbonamento, 6 numeri a 18 euro, numero verde 800001199).
Tra le molte cose interessanti comprese nelle 100 pagine si segnalano un bilancio della vendemmia 2005 nelle principali zone vinicole europee e mondiali, uno speciale dedicato a Napoli e alla cucina partenopea, un reportage nel magico mondo del mitico Chambertin, grand cru de Bourgogne, un itinerario alla scoperta del Marocco e dei suoi vini.
Completa il tutto un grande focus sul Chianti Classico, con degustazione di vini delle annate dal 2003 al 2000, un wine tasting di Barbera (Asti e Alba) 2003 ed un servizio sulla Valle d’Aosta.
Buona lettura !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *