Meraviglie gastronomiche di Langa: due americani “castellani” a Sinio

Clicca per ingrandire Che tesoro inesauribile é la Langa albese e quali straordinarie sorprese é in grado di offrire a chi la sappia percorrere con cuore puro, curiosità, volontà di conoscerne anche gli angoli meno noti ! Allontanandovi dalle località più celebrate, ma restando pur sempre a venti chilometri da Alba e a 14 da Barolo, una volta saliti da Gallo (celebre anche per lo squisito torrone Sebaste) e Grinzane Cavour potete arrivare nel piccolo, raccolto villaggio medioevale di Sinio, al cui centro fa spicco un vero e proprio castello, o meglio un’imponente costruzione che venne fatta erigere, in sostituzione del maniero medioevale, dal marchese Franceschino del Carretto dopo il 1448, realizzando così un munito palazzo tardo gotico.

Clicca per ingrandire Variazione di percorso, un salto a Sinio, che vale dunque la pena di fare comunque. Ancora di più, però, se si considera che da meno di un anno il Castello di Sinio, per opera di un duo d’intraprendenti americani, Denise Pardini e Jay Russell, innamorati dell’Italia, dei nostri vini e della nostra cucina, é diventato un magnifico, accogliente piccolo Relais Château.

Un ristorante e albergo (18 camere tutte diverse tra loro e arredate con ogni cura in stile antico, con prezzi variabili dai 130 euro della singola ai 182 della Suite euro executive, prezzi per una notte, ricca colazione inclusa) che, cari amici italiani, non possiamo lasciare che resti appannaggio esclusivo della clientela internazionale che l’ha già scoperto e adottato, ma che vi raccomando (il posto e’ davvero emozionante) di visitare per regalarvi una parentesi di sogno.
Magari in occasione del prossimo ponte del primo maggio, o anche dopo, perché il posto è magnifico in ogni stagione.

L’hotel é di quelli, eleganti, ma senza inutile sfarzo, accoglienti, confortevoli, di gran gusto e stile, dove vale la pena sostare concedendosi un po’ di relax, godendosi i giardini fioriti, la piscina all’aperto nella bella stagione e le “coccole” che Denise e James riservano ai loro ospiti.

Bellissimi l’albergo ed il paesino, ma anche per chi non abbia occasione di soggiornare al Castello consiglio una visita, ovviamente prenotando, al ristorantino nel castello (aperto la sera dal giovedì alla domenica) dove spendendo il giusto (dai 30 ai 40 euro, ovviamente vini esclusi per 4 piatti, e la scelta dei vini ed i ricarichi sono di quelli giusti), dove Mrs. Pardini e le sue aiutanti propongono, in una cornice incantevole, una cucina dove la tradizione locale, seppur leggermente rivista, é protagonista.

E dove potrete dunque gustare piatti come sformati di peperoni e cardi con crema di bagna caoda, sfogliatine di zucca caramellata con fonduta, cipolla al forno ripiena di salsiccia di Bra, tajarin con sugo di coniglio, ravioli del plin con sugo di arrosto, lasagnette di porri e topinambur, risotto ai cardi e toma di Roccaverano, quaglia al Barolo Chinato, baccalà mantecato con polenta, soufflé di amaretti e cacao, o la panna cotta, ma con gelatina di lamponi.

Bene, se avete una moglie da (ri)conquistare o una ragazza dei sogni (ovviamente entrambe gourmet e appassionate del bello) da far innamorare, cari amici, questo é proprio il posto adatto ! Galeotto sara’ il Castello…

Hotel Castello di Sinio
Vicolo Castello 1 12050 Sinio (CN)
Tel. 0173.263.889 fax 0173.263.958
e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *