Perché non possiamo non essere nostalgici…

Cara Inter, quanta divorante nostalgia, quale canina malinconia pensando a quello che siamo stati e a quello che siamo oggi !

Ieri
Presidente: Angelo Moratti
Allenatore: Helenio Herrera
Formazione: Sarti, Burgnich, Facchetti, Tagnin, Guarneri, Picchi, Jair, Mazzola, Peirò, Suarez, Corso.
 
Oggi
Presidente: Massimo Moratti
Allenatore: Roberto Mancini
Formazione: Toldo, Cordoba, Materazzi, Samuel, J. Zanetti, Figo, Veron, Cambiasso, Stankovic, Recoba, Adriano

Ieri dei campioni, degli uomini veri, un grande presidente, un vero allenatore, il Mago, un grande manager ed esperto di calcio, Italo Allodi.

Oggi il figlio di un grande presidente, che grande presidente non sarà mai, una scommessa di allenatore, una società senza idee, un’accozzaglia di "uomini" (quelli di questa formazione, ma si potrebbero aggiungere tanti altri mediocri che formano la rosa) che ignorano cosa sia lo spirito di gruppo, l’unità d’intenti, il coraggio e disonorano la maglia nerazzurra.
Una “squadra” apallica come l’avrebbe definita il grande Gioan Brera, senza carattere, senza dignità, senza vergogna.
E così, noi che l’Inter nonostante tutto amiamo, continuiamo non solo a soffrire, in silenzio, ma a far ridere il mondo intero, barzelletta in forma di "squadra"

Povera cara Inter, quanta nostalgia !

0 pensieri su “Perché non possiamo non essere nostalgici…

  1. Penso sempre al nostro Vicepresidente scomparso, l’alpino e avvocato Prisco. Ci manca il suo cuore, ci manca il suo stile. La squadra può anche giocare un buon calcio e perdere, oppure un calcio noioso e vincere all’ultimo minuto, come ci aveva abituato Don Helenio. Ma senza cuore e senza stile non sarà mai più grande. Mai più. Esattamente come un vino senz’anima, che può ricevere consensi soltanto dai crostacei rossi, ma non sarà mai un gran vino. Cosa fare? Dare spazio al vivaio. Siamo ricchi di ragazzini che danno l’anima quando scendono in campo. Fuori i campioni che hanno perso le palle (quelle che stanno sotto la terza gamba, non solo quelle di cuoio) e mettiamo in campo i bebè. Lo fece polemicamente Don Helenio a Torino credo nel ’61, e quel giorno si scoprì un vero talento come Sandro Mazzola. Un abbraccio da Mario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *