Clamoroso: gourmet “pentito” Raspelli si ritira in convento ?

Dobbiamo proprio ringraziare Paolo Massobrio che nella sua Notizia del giorno del Club di Papillon di oggi, riferendoci che "nasce la versione episcopale della guida Michelin” e che “ad averla stilata, secondo la notizia ripresa in prima pagina da Il Secolo XIX” è nientemeno che l’arcivescovo di Genova, il cardinale Tarcisio Bertone” che “al termine di un anno di visite pastorali, da vero gourmet, ha commentato la cucina dei suoi parroci assegnando loro da una a cinque stelle”, ci regala un’ulteriore chicca.


La “notizia” (ma lo è davvero ?) che Edoardo Raspelli (do you remember l’ex Savonarola della buona tavola, l’ex critico gastronomico più autorevole d’Italia, l’ex ghiottone che fa opinione e soprattutto l’ex garante – o piuttosto “sgarante” come l’ha efficacemente definito qualcuno – nella disastrosa avventura della rivista Buffet) nel commentare la notizia del cardinale che in qualche modo gli ha sottratto il ruolo d’ispettore gastronomico, avrebbe espresso “il desiderio di realizzare una guida dedicata alle cucine dei conventi”.

Capisco benissimo lo sconforto dell’Edoardo cronista istrione di Melaverde che dopo l’autogol clamoroso, il megaflop, il fallimento assoluto della sua rivista – autocelebrativa, e dopo le figuracce fatte con un gruppo di amici (in buona parte oggi ex) incautamente indotti a collaborare e abbandonati a se stessi, come se lui non dovesse farsi nei loro confronti “garante”, e soprattutto con quel ristretto mannello di lettori affezionati che gli sono rimasti, non sa più che pesci pigliare.
A che santo votarsi, cosa dire e soprattutto cosa fare, quali segnali di visibilità lanciare, quali dichiarazioni rilasciare, per tentare (impresa ardua) di recuperare l’antica credibilità.

Che il Raspelli pensasse addirittura di gettare giacca e cravatta e gilet alle ortiche e di prendere il saio, per giudicare, da frate gaudente quale in fondo è sempre stato, la cucina di conventi e monasteri e dedicarsi alla vita contemplativa, alla preghiera e all’espiazione per i molti peccati compiuti, beh, questo non l’avevamo previsto proprio…
Accidenti di un Raspelli: vuoi vedere che per tentare di far parlare ancora di sé s’inventerà editorialista e inviato dell’Almanacco di Frate Indovino ?     

10 pensieri su “Clamoroso: gourmet “pentito” Raspelli si ritira in convento ?

  1. Caro Franco pensa che proprio domani mattina, a Milano, incontrerò il cardinale Bertone, coincidenza.
    Chiederò a lui di persona e ti farò sapere.
    Ciao.

    Lorenzo di Pianogrillo

  2. Caro Franco pensa che proprio domani mattina, a Milano, incontrerò il cardinale Bertone, coincidenza.
    Chiederò a lui di persona e ti farò sapere.
    Ciao.

    Lorenzo di Pianogrillo

  3. Caro Franco pensa che proprio domani mattina, a Milano, incontrerò il cardinale Bertone, coincidenza.
    Chiederò a lui di persona e ti farò sapere.
    Ciao.

    Lorenzo di Pianogrillo

  4. vista l’affluenza nel mio monastero di ragazze perdute donne di vita e peccatrici essendo un rompiballe pubblichero’ “cento ricette di donne di malaffare”
    adriano liloni
    vi stupirete della semplicita’ della cucina delle meretrici dell’est e della floridita’ di piatti delle fanciulle cubane….:-O)

  5. Il cardinale mi ha detto che la cosa è vera, nel senso che nasce da una sua battuta circa le visite pastorali, ma che , appunto, si trattava solamente di battuta…:-)
    Quindi niente guide.
    Una cosa è certa , Sua Eminenza mangia che è un piacere…
    🙂

    L.

  6. Il cardinale mi ha detto che la cosa è vera, nel senso che nasce da una sua battuta circa le visite pastorali, ma che , appunto, si trattava solamente di battuta…:-)
    Quindi niente guide.
    Una cosa è certa , Sua Eminenza mangia che è un piacere…
    🙂

    L.

  7. Il cardinale mi ha detto che la cosa è vera, nel senso che nasce da una sua battuta circa le visite pastorali, ma che , appunto, si trattava solamente di battuta…:-)
    Quindi niente guide.
    Una cosa è certa , Sua Eminenza mangia che è un piacere…
    🙂

    L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *