Ma c’è anche il linguaggio del blog per comunicare, e con modernità il vino !

Bene, ora che la Wine Blog Association è nata, con il suo bel nucleo originario di aderenti- fondatori, e con gli altri wine blog che, se vorranno, e se si riconosceranno nel nostro codice etico, potranno a loro volta aderire, una delle prime risposte che dovremo dare è questa: cosa avete intenzione di fare ?

Come si evince chiaramente dal nostro programma è contribuire a diffondere la “cultura del blog”, affermare la validità e diversità dell’informazione sul vino offerta dai wine blog rispetto ai mezzi di comunicazione, su carta e su Internet, tradizionali, facilitare il dialogo tra chi il vino lo produce e chi lo consuma, colloquiare con il lettore – appassionato – consumatore.

E dire la nostra, in ogni occasione in cui ci sia consentito, quando ci verrà chiesto di farlo, quando verremo invitati, come gruppo, ad esprimere il nostro punto di vista, ma anche autonomamente, quando di fronte ad un determinato tema, anche se non sarà facile, visto che alle nostre individualità ci teniamo e vogliamo continuare ad essere pluribus in unum, proveremo ad esprimere una nostra posizione comune.

Tanto per abituare interlocutori di ogni tipo a fare, amichevolmente beninteso, i “conti” con noi, a prenderci in considerazione, perché siamo finalmente un gruppo e perché, uniti, possiamo davvero contare su un bel numero di lettori che ci seguono. E su una certa capacità di fare opinione.

Ad esempio la Wine Blog Association avrebbe potuto, ma volendo c’è sempre tempo per correggere il tiro e fare una piccola modifica al programma e aggiungere il nome di uno di noi al ricchissimo elenco di relatori previsti, essere presa in considerazione dal Comitato Mostra Valle di Cembra, ovvero l’annuale Rassegna del Müller Thurgau che si svolgerà a Cembra in Trentino dal 5 al 9 luglio, come soggetto da coinvolgere nel talk show culturale intitolato Il fascino del vino. Quali linguaggi per comunicare la modernità, in programma venerdì 7 luglio alle 17.30 presso il Palacurling di Cembra.

Difatti a questo dibattito che affronterà il tema “attuale e nello stesso tempo complesso come quello della comunicazione nel mondo del vino.
Comunicazione che deve confrontarsi con una moltitudine di linguaggi ciascuno riconducibile a differenti target di riferimento”, ci saranno un po’ tutti.

Ci sarà la televisione, rappresentata da Lamberto Sposini, ex direttore di quel TG 5 che propone ogni giorno la rubrica Gusto, e da Adua Villa, sommelière che partecipa alla trasmissione di Antonella Clerici La prova del cuoco.

Poi ci sarà la radio, con Federico Quaranta e l’Inutile Tinto, conduttori della trasmissione Decanter su Radio Due, e poi il mondo delle guide, con Enzo Vizzari, direttore delle Guide dell’Espresso, e poi il mondo scientifico con il professor Attilio Scienza, il mondo produttivo, con Lamberto Frescobaldi, il mondo del giornalismo che comunica via Internet, ovvero Alessandro Regoli deus ex machina del sito Internet Wine news e l’inglese Michèle Shah.

All’appello manca solo il più moderno degli strumenti che sta raccontando, diffondendo, comunicando, con un linguaggio originale e nuovo, il mondo del vino, ovvero il blog, che in Italia sta conoscendo un interessante sviluppo. E di cui la Wine Blog Association intende essere, ora che è nata, interprete, portavoce e simbolo.

Ecco un buon motivo, se non ce ne fossero molti altri, per creare la W.B.A. e per ricordare, anche agli organizzatori della Rassegna del Müller Thurgau di Cembra che esistiamo anche noi e che anche noi, parlando di comunicazione e linguaggio del vino vorremmo dire, rispettosamente parlando, la nostra…

0 pensieri su “Ma c’è anche il linguaggio del blog per comunicare, e con modernità il vino !

  1. Complimenti per la velocità con la quale avete sviluppato l’ottima idea originale.

    Ti / Vi vorrei fare una domanda:

    Sapete dare un valore, un numero alla vostra importanza?
    Cioe’ sapete i vostri blog ogni quanto vengono visti, da chi, quante visite hanno al mese, ecc.ecc.

    Ciao
    Carlo

    Spero che rimaniate sempre fedeli alle vostre ottime intenzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *