Materazzi squalificato: squallido ponziopilatismo della Fifa

Dovevano essere i mondiali del fair play e all’insegna di un falso fair play, ponziopilatesco, tartufesco, ipocrita, fariseo questi Mondiali di calcio si sono conclusi, dopo il nostro meritato trionfo italiano, con la stravagante, ma quanto mai attesa, decisione della commissione disciplinare della Fifa di punire sia l’ex calciatore francese che il centrale dell’Inter per il brutto episodio avvenuto nella finale del Mondiale, quando il transalpino aveva colpito con una testata al torace il giocatore della nazionale italiana.
I protagonisti della vicenda sono stati ritenuti entrambi colpevoli, quindi, anche se la reazione di Zidane alle provocazioni del difensore è stata considerata più grave.
Tre giornate a Monsieur Zidane (quello la cui cara mamma esigeva gli attributi di Materazzi sul piatto per riparare alle offese) e due giornate a Marco Materazzi, che nel corso della finale era stato proditoriamente colpito con una violenta testata dal giocatore francese, sono una decisione che si commenta da sola tanto é stupida, priva di senso, originata da una concezione della giustizia sportiva che qualsiasi sportivo riterrebbe assurda.
Materazzi, alla luce delle due giornate di squalifica ricevute, contro le tre attribuite all’ex capitano della nazionale francese, é evidentemente stato ritenuto colpevole quasi quanto Zidane, come testimonia anche l’ammontare della multa in denaro, che nel caso di Zidane sarà circa 6.000 dollari, mentre Materazzi dovrà sborsarne circa 4.000.

Spero che Materazzi non faccia ricorso e accetti senza commentare questa sentenza (un capolavoro di falsità e di cerchiobottismo, teso quasi a risarcire i francesi per l’affronto di essere stati battuti in finale dall’Italia e di aver visto il loro capitano fare la squallida figura che ha fatto) che rimarrà negli annali dell’umana stupidità e soprattutto provocherà un bel risultato: invitare i violenti a continuare a fare i violenti, a dare testate, gomitate, calci, a sputare in faccia all’avversario.
Tanto poi, con la comoda scusa, l’alibi pronto all’uso, di essere stati provocati, troveranno delle belle attenuanti e vedranno il loro gesto diventare meno grave.
Ci lamentiamo, e giustamente, degli scandali del calcio in Italia e del marcio che é emerso, anche a livello di Federazione, da intercettazioni e indagini, ma questa presunta giustizia europea fa ancora più schifo...
E se facessimo capire ai sepolcri imbiancati della Fifa e alla "banda Blatter" quello che pensiamo di loro e delle loro assurde decisioni ?
Perché non inviare loro qualche mail ? Ecco gli indirizzi cui scrivere:
mail 1
mail 2

p.s. segnalo altri due commenti alla scandalosa e vergognosa sentenza dei soloni della Fifa:
il pensiero dell’ex arbitro Daniele Tombolini sul suo blog Tombo
un articolo apparso sull’edizione Web de Il Giornale di oggi
ovviamente li condivido in pieno entrambi
p.s. 2 ed ecco la precisazione perfettamente ipocrita dei politici

0 pensieri su “Materazzi squalificato: squallido ponziopilatismo della Fifa

  1. personalmente Materazzi non mi è stato mai simpatico, però questa decisione ha dello scandaloso.
    Adesso siccome uno si chiama Materazzi e l’altro Zidane vanno trattati così?

    E se fosse stato il contrario? Materazzi sarebbe stato incarcerato?

    Ma per favore!

  2. Ho visto alla TV la tappa odierna del Tour de France. Tappa, peraltro, bellissima, con l’americano Landis che dopo la debacle di ieri si è ripreso parecchi minuti sulla maglia gialla ed è rientrato in corsa per la vittoria finale. Ebbene, i pochi e non brillanti corridori italiani, venivano, stando a quanto riferito dai telecronisti, chiamati dal pubblico francese: “Materasì” (Materazzi).
    Il fatto è che il giocatore dell’Inter e della nazionale azzurra (meschinetto) non ha insultato un avversario ma ha compiuto un delitto di lesa maestà (e, questo, vista la sentenza della Fifa, non solo per i Francesi).
    Provate ad immaginare cosa sarebbe successo se la testata l’avesse data Materasì e Zizou, sarebbe stata aperta una inchiesta da parte della Fifa?
    Luciano

  3. A ciascuno il suo . Il calcio è una commedia/gioco delle parti come tristemente sappiamo in Italia per scandali passati e recenti. Materazzi ha avuto il suo: provocando, è riuscito nell’intento di innervosire Zidane, che reagendo si è tolto di mezzo tempestivamente prima dei calci di rigore.
    Zidane: capitano, è riuscito a dare una testata a Materazzi, senza prendere un cazzotto (e qs. è una notizia), è stato espulso, facendo la figura del cioccolataio, si prende 3 giornate di squalifica, ma merita la qualifica di miglior giocatore dei modiali. I Francesi: hanno finalmente l’uomo nero (autore del gol, provocatore, squalificato garantito FIFA) col quale prendersela per non essere riusciti a vincere. Gli Italiani : chissenefregaabbiamovintoimondiali. La FIFA: si gode la fama di giudice equanime, lontano da condizionamenti. A ben vedere resta una sola persona che resterà delusa: maman Zidane. Ma se Materazzi sarà disponibile ad effettuare un piccolo sacrificio per la Patria, l’euro, eurolandia, rapporti diplomatici…….

  4. Ora, dopo quest’inqualificabile sentenza e dopo che il presidente Blatter non si era degnato di premiare come suo dovere la Nazionale Italiana, abbiamo la conferma che la FIFA e tutto il suo establishment non hanno gradito la vittoria dell’Italia. La festa era pronta, la Fifa, lo sponsor del picchiatore, ecc.
    E’ la conferma che all’estero non ci amano, anzi ci invidiano e ogni occasione è buona per scagliarsi contro le nostre realtà.
    Spiace che il ritrovato orgoglio italiano non abbia contagiato anche i nostri politici, sempre pronti per salire sul carro dei vincitori ma costantemente assenti quando si tratta di difendere il nostro popolo.
    Materazzi andava difeso, ha insultato ma la provocazione che ha subito dopo una semplice trattenuta e figlia della più grande slealtà sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *