Bandol rouge 2000 Château Ste Anne

Magnifica notizia per chi li ha scoperti, com’é accaduto a me, durante la rassegna di Villa Favorita svoltasi lo scorso aprile vicino a Vicenza.
I fantastici Bandol dello Château Ste Anne del Marquis Dutheil de la Rochère di Evenos sono ora disponibili in Italia, distribuiti dalla società La Flute di Delphine Veissière, selezionatrice di ottimi Champagne.

Una disponibilità in Italia che merita di essere segnalata, perché soprattutto i vini rossi (ma anche il bianco ed i rosé non scherzano) espressione di questa storica (risale al 1941) AOC della Provence e da questa tenuta di 14 ettari, dove i vigneti (che vanno da un minimo di 30 ad un massimo di 80 anni d’età) vengono coltivati con un sistema rigorosamente biologico, sono straordinari ed hanno una tenuta nel tempo, da veri “vin de garde” importante.

Basta provare, per credere, il magnifico Bandol rouge 2000, (60% di Mourvèdre, 20% di Grenache e 20% di Cinsault), oppure la “Cuvée Collection” 2001, dove accanto ad un 95% di Mourvedre c’é un 5% di Grenache, per capire come questi vini abbiano ancora una lunga vita davanti a sé e si stiano avvicinando al momento ideale per essere degustati (a Bandol si dice che sette anni rappresentano “l’age de raison”, l’età della ragione per un grande rosso).

E con il loro lungo affinamento, da 20 a 23 mesi, non in barrique, bensì in botte di rovere da 50 ettolitri, riescano a raggiungere un equilibrio invidiabile ed una grandissima personalità, con un bouquet aromatico inebriante, dolce e fitto, che dalle note di carne e cuoio, pepe nero, liquirizia e spezie, di ciliegia sotto spirito, di “garrigue”, ovvero la macchia mediterranea provenzale, svariano a note di violetta e menta.

E con un gusto che conquista il palato grazie ad un frutto stupendo, ben polputo e succoso, a tannini ben sostenuti ma levigati e perfettamente fusi con il frutto, sempre in una cornice di grande equilibrio, bella ampiezza e freschezza, assoluta piacevolezza.

Vino fantastico con un unico neo: il prezzo finale in enoteca intorno ai 40 euro

0 pensieri su “Bandol rouge 2000 Château Ste Anne

  1. Ciao Franco

    Peccato che i prezzi in Italia arrivino a tali cifre da ladri! Al domaine si paga intorno ai 20 euro o meno, e quindi grazie agli accordi intelligenti che i vignerons francesi praticano con i “cavistes”, lo trovi allo steso prezzo in qualsiasi enoteca francese. Il che vuol dire che l’impoortatore italiano, che probabilmente paga 13 Euro, si fa un margine del 75% !!!

    Nota che il Marquis non c’è più da anni, oggi si tratta della mia amica la Marquise Françoise Dutheil de la Rochère, e del figlio che ha preso in mano questa bella azienda familiare.

    Nota pure cha a Bandol praticamente nessuno fa legno piccolo. Spero che verrai presto dalle mie parti cosi ti faccio fare un giro, soprattutto presso i 3-4 che contano (incluso Ste Anne). Ci sono molti giovani che lavorano bene.

    bye

    Mike

  2. Mike, grazie per il tuo commento. Sono consapevole del prezzo eccessivo (e proibitivo) praticato in Italia dal distributore e ho informato io stesso l’enologo del domaine, che ho conosciuto lo scorso aprile a Villa Mattarana, e con cui sono in contatto, della discutibile politica dell’importatore italiano… E’ rimasto stupefatto e molto incavolato…
    Spero davvero di poter venire presto a Bandol e visitare qualche domaine che lavora bene, con la tua guida
    ciao
    Franco

  3. Sono stato a visitare recentemente la zona di Bandol facendo visita ad alcuni chateau con altrettanti degustazioni.
    Il 2000 di chateau st. Anne è stato forse il migliore assaggio insieme al loro collection 1990 e ai 2003 di tempier. Lo chateau più bello, con la vista migliore è Pibarnon senza dubbio, Pradeaux invece è troppo potente per i miei gusti.
    riguardo al prezzo, prendendo in considerazione un altro Chateau di Bandol, non St. Anne ho trovato una differenza di circa 10 euro in meno tra un’enoteca per yacht non lontano da Montecarlo ed un’enoteca dove mi capita di aquistare in quel di Milano.
    La cosa non mi scandalizza, sempre in costa azzurra il Ramitello lo vendono a 16 euro. Io lo pago la metà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *