Il mio primo anno da blogger: bilancio positivo

Ricorre giusto oggi un anno (lo ricordo bene, era la domenica mattina del 2 ottobre 2005), dalla nascita del mio primo blogIl taccuino del Franco tiratore pensieri e parole in libertà sul mondo del vino. Il punto di vista di Franco Ziliani – ospitato, molto spartanamente, sulla piattaforma di Virgilio.

“Orfano” da qualche mese di WineReport, che avevo lasciato (con molta sofferenza) dopo sei anni di “onorato servizio” che mi avevano valso la fama (la nomea secondo alcuni), di franco tiratore del giornalismo del vino sul Web, avevo desiderio di avere ancora una presenza sulla Rete, di godere di uno spazio tutto mio dove continuare ad esprimere, come avevo fatto sempre liberamente su WR, le mie opinioni, spesso controcorrente, su vino e dintorni.

L’esperienza fu subito piacevole e simpatica e notevole il conforto di lettori, molti arrivati dal sito che avevo abbandonato, e quella del blog, vetrina da affiancare alle mie collaborazioni giornalistiche professionali, su carta e su Internet, mi apparve subito una misura adatta alle mie corde, un modo spontaneo, vivace, divertente, di intervenire in un dibattito sul vino troppo spesso ingessato, prevedibile, monocorde. E soprattutto nient’affatto libero e indipendente.

Dopo il Taccuino del Franco tiratore, dal marzo del 2006 fu la volta di questo blog, Vino al Vino, con l’arrivo nella Simplicissimus Blog Farm di Antonio Tombolini, e di tanti sviluppi, dal dibattito sui blog al Vinitaly da cui nacque l’idea di creare una libera associazione dei blog del vino alla nascita della Wine Blog Association, alla rubrica Il Rosso e il Nero condotta in tandem con Fiorenzo Sartore sul blog Peperosso di Massimo Bernardi (do you remember?) alla conduzione, in tandem con il gastronomo Luigi Cremona, del Blog Café di Squisito e poi a tanti altri progetti, dall’esperimento consistente nel seguire in diretta con i nostri blog, insieme all’amico e blogger Roberto Giuliani, la manifestazione Sapori del Casentino in programma questo fine settimana, alla prossima nostra presenza, parlo della WBA, in una grande kermesse enoica prevista il mese prossimo e ad un’altra, ancora più importante, programmata per la primavera 2007.

Insomma, volendo tirare le prime somme dopo questo primo anno, e tentare un primo bilancio, quella di wine blogger mi sembra un’attività (alla quale dedico fin troppo tempo) molto interessante, da ascrivere nel registro delle cose valide e positive. Quelle che vale la pena di continuare, magari mettere a punto ancora meglio, perché quella dei blog e dell’informazione (nel mio caso sul vino) fatta attraverso i blog non è di certo una moda passeggera, ma un modo diverso, non so se alternativo o complementare, ma assolutamente diverso, come spirito e come motivazioni, di fare informazione e guardare le cose del vino rispetto a quello proposto dalla stampa tradizionale, su carta e su Internet.

Piaccia o meno ad alcuni con i wine blogger dovrete ancora fare i conti (e non è una minaccia…) per molto tempo…  

0 pensieri su “Il mio primo anno da blogger: bilancio positivo

  1. Complimenti, amico Franco! Quanto lavoro, che lunga la strada percorsa in solo un anno… è vero che i limiti e la sensazione di passo del tempo nella rete è molto diverso di quello che conoscevamo.
    Ti scrivo già a Roma. Speriamo che ci sarà l’opportunitàa di vederci. Oggi, nella follia che comincia delle guide, dei rankings, dei tops, ho fatto il mio debut come blogger a Roma, assaggiando e commentando un semplice ma, per diversi motivi, emozionante Corvo.
    Cordiali saluti del nuovo “ciuis Romanus”.
    Joan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *