Pecorino del Casentino: un’altra espressione

Valida espressione del Pecorino dell’Alto Casentino é anche l’azienda agricola Il Fosso che Mario Fioravanti e la sua famiglia conducono a Pratovecchio. La formula, vincente, é quella comune ad altre realtà produttive della zona, ovvero allevamento di pecore (200 capi che pascolano nell’area del Castello di Romena sulle alture sopra Pratovecchio), e trasformazione diretta del latte, che diventa Pecorino con tre diverse modulazioni.

La prima é quella del Pecorino fresco, con stagionatura variante dai 20 ai 30 giorni, la seconda quella del Pecorino stagionato, con una stagionatura che può protrarsi sino ad un anno, e poi, più recente, l’Abbucciato Aretino, del cui Consorzio Il Fosso fa parte, che per disciplinare deve presentare una stagionatura minima di 60 giorni. La stagionatura dei diversi Pecorino avviene in speciali locali sotterranei in pietra e le pezzature dei formaggi possono variare da 1,2 chilogrammi sino ai due e tre chilogrammi.

L’azienda produce inoltre ricotta e raviggiolo e la vendita del prodotto finale avviene, oltre che nel punto vendita diretta aziendale, anche in alcune botteghe convenzionate a Stia e Scarpaccia.

Azienda agricola Il Fosso (via Fiorentina 28 Pratovecchio AR tel. 0575 583972)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *