Save the date: il 30 ottobre a Roma Banco d’assaggio dei vini di Castiglione Falletto

Siete appassionati del Barolo e dei vini di Langa, siete persuasi che c’è Barolo e Barolo e che in questo magnifica denominazione le differenze siano quantomeno pari alle analogie, e volete dunque sfruttare una grande occasione per cogliere tutte le particolarità, le sfumature, le molteplicità (che sono segno di grandezza) di uno dei più importanti terroir di questa storica Docg piemontese ?

In altre parole, volete fare una full immersion, della durata di cinque ore, e scandita da qualcosa come 50 vini diversi, in quel mondo affascinante, sintesi di eleganza e fragranza aromatica, di tannini ben presenti ma soffici, di aromi di cacao e rosmarino e rosa che é Castiglione Falletto, centro perfetto dell’area produttiva del re dei vini italiani ?

Bene, anche se mancano ancora circa due settimane, segnatevi questa data e questo indirizzo, lunedì 30 ottobre invece e Hotel Parco dei Principi (via Frescobaldi 5) a Roma, e non perdetevi, l’ingresso è libero, il grande banco d’assaggio dedicato ai vini, Barolo, Barbera d’Alba, Dolcetto d’Alba, Langhe Freisa, Langhe Nebbiolo, di 19 produttori che hanno vigneti e cantine in Castiglione Falletto.

Da un’idea della Cantina comunale di questo bel villaggio di Langa, prontamente recepita da A.I.S. Roma Bibenda, ovvero Franco Ricci ed i suoi collaboratori, che hanno accettato con entusiasmo di accogliere nella location sede delle loro iniziative questa manifestazione, nasce questo banco d’assaggio, aperto dalle 16.30 alle 21.30, che vede per la prima volta insieme, in trasferta, e nella qualificatissima cornice di Roma, aziende di differente storia e notorietà, tutte impegnate nel tentativo di fare grande qualità e vini rispettosi del territorio d’origine, dei vitigni su cui i viticoltori operano.

Ai nastri di partenza, direttamente presenti di persona, oppure rappresentati dai vini (da un minimo di uno ad un massimo di tre) che hanno scelto, gli appassionati troveranno queste aziende: Azelia, Brovia, Cantine Oddero, Cascina Bongiovanni, Cavalier Bartolomeo, Cavallotto, Ceretto, Gigi Rosso, Livia Fontana, Mascarello Giuseppe, Monchiero, Monfalletto Cordero di Montezemolo, Paolo Scavino, Pugnane, Sobrero, Sordo, Tenuta Montanello, Terre del Barolo, Vietti.

Che vini troveranno gli appassionati che affolleranno le sale del Parco dei Principi ? Troveranno ben 23 Barolo diversi (per vigneto, stile del produttore, identità), di annate varianti dal 1999 sino al 2002.
Ovvero il Barolo 2002 di Gigi Rosso (il cru Castelletto),
i Barolo 2001 di Terre del Barolo e di Monchiero, ed i seguenti crus di Barolo 2001:
Bricco Boschis di Cavallotto, Bricco Fiasco di Azelia, Bricco Rocche Bricco Rocche di Ceretto, l’Enrico VI (Villero) ed il Monfalletto di Cordero di Montezemolo, Il Monprivato di Giuseppe Mascarello, il Pernanno di Cascina Bongiovanni, il Rocche di Castiglione Falletto di Oddero, il Rocche ed il Villero di Brovia, il Rocche di Castiglione di Sordo, il Solanotto e Altinasso di Cavalier Bartolomeo, il vino di Tenuta Montanello.

A rappresentare i Barolo 2000 saranno il Villero di Livia Fontana, e le riserve Pernanno di Sobrero e Vignolo di Cavalletto, mentre la classica annata del Barolo 1999 vede schierati il Bric del Fiasc di Paolo (Enrico) Scavino, il Rocche di Vietti, il Villero di Pugnane, oltre al riserva di Sordo.

Per i patiti del Barbera d’Alba (ne cito solo alcuni) il Sorì del Drago 2004 di Brovia, il 2004 di Oddero, il Vigneto Punta 2003 di Azelia, il Vigna del Cuculo 2003 di Cavalletto, il Villero 2003 di Sobrero, il 2003 di Paolo Savino, mentre il Dolcetto d’Alba sarà ben rappresentato dal Bricco 2004 di Giuseppe Mascarello, il Rossana 2005 di Ceretto, il 2004 di Pugnane e di Cantine Oddero, il 2005 di Terre del Barolo.
Non mancherà nemmeno il Langhe Nebbiolo, ad esempio il 2004 di Tenuta Montanello e di Giuseppe Mascarello, il 2005 di Cordero di Montezemolo, oppure il Langhe Freisa (ad esempio la 2005 Vigna del Sole di Gigi Rosso), o ancora Langhe bianco come il Rapujé 2005 di Sordo, il Langhe Chardonnay Vigneto Sarso 2005 di Sobrero, e qualche Langhe rosso tipo l’Insieme 2003 di Livia Fontana, l’Enfant di Cavalier Bartolomeo.

Come si può capire, la varietà, la diversità d’espressione, e tutte quelle sfumature del gusto che rendono i vini appealing e una degustazione affascinante, sono assicurate.
Save the date dunque: il 30 ottobre Castiglione Falletto ed i suoi vini sono di scena a Roma !

Per informazioni: 06 8550941 e 0173 62938 mail e mail

0 pensieri su “Save the date: il 30 ottobre a Roma Banco d’assaggio dei vini di Castiglione Falletto

  1. Grazie per la infrmazione, Franco. Per me, queste occasioni sono privilegiate perchè posso assagiare molte cose in poco tempo (come succederàa, spero, con la giornata degli spumanti del 21 prossimo).
    Tante belle cose,
    Joan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *