Presentazione Centro per le rarità ampelografiche cuneesi martedì a Saluzzo

Martedì 19 dicembre alle 11.30 a Saluzzo in provincia di Cuneo presso la Sala Conferenze dell’Antico Palazzo Comunale ospitato presso la fortezza medioevale della Castiglia, è in programma la conferenza stampa di presentazione del Centro per le Rarità Ampelografiche Cuneesi intitolato alla figura del Conte Giuseppe di Rovasenda, nativo di Verzuolo nel Saluzzese e riconosciuto come uno tra i più autorevoli ampelografi dell’Ottocento, soprattutto grazie al suo Saggio di Ampelografia Universale del 1877.

Il Centro vuole rappresentare un importante punto di riferimento per la salvaguardia delle biodiversità ampelografiche della provincia di Cuneo e del Saluzzese e intende operare, a disposizione di Istituzioni, ricercatori, tecnici, produttori, per organizzare mostre, incontri tematici, convegni, incontri di formazione e di studio, con particolare riferimento alle rarità vitivinicole cuneesi.

Il Centro per le Rarità Ampelografiche Cuneesi ha elaborato un articolato progetto di comunicazione che sarà presentato nel corso della conferenza stampa e che avrà il suo primo momento importante, il prossimo 25 gennaio 2007, con un convegno, dal titolo “La viticoltura cuneese alla ricerca delle proprie radici: ipotesi di recupero di antiche varietà”, cui prenderanno parte importanti personalità del mondo scientifico e giornalistico.

Il convegno vuole essere un momento di confronto sulle cultivar rare e poco conosciute della provincia di Cuneo ed in particolare su vitigni quali Pelaverga di Saluzzo, Chatus, Doux d’Henry, Ramié e altri ancora, che danno vita ai vini della Doc Colline Saluzzesi e della Doc Pinerolese.

Per informazioni: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *