Il paesaggio culturale di Tirano in Valtellina nel Patrimonio mondiale Unesco

Venerdì 16 febbraio alle 20.30 presso la Sala riunioni della Banca Popolare di Sondrio (p.za Cavour 20) a Tirano si segnala l’interessante convegno, organizzato dalla vitale Fondazione Provinea – Vita alla vite di Valtellina – dal titolo Il paesaggio culturale di Tirano e la Valtellina nel Patrimonio Mondiale Unesco. Impegni, prospettive e potenzialità.

Provinea è stata costituita nel 2003 per volontà dei produttori associati al Consorzio di Tutela dei Vini di Valtellina, con lo scopo di tutelare, senza fini di lucro, il territorio, il paesaggio e l’ambiente viticolo terrazzato della provincia di Sondrio, dove si sviluppa l’area viticola terrazzata di montagna più estesa d’Italia, e di tutelare e valorizzare le tradizioni storicoculturali,i beni culturali ed ambientali. Questa fondazione Onlus nel primo anno di gestione ha contribuito attraverso uno speciale fondo di rotazione per il territorio a finanziare la sistemazione di oltre 4000 metri quadrati di terrazzamenti e muretti di sostegno.

Patrocinato dalla Commissione Europea, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal Cantone dei Grigioni, dalla Ferrovia Retica, nonché dalla Provincia di Sondrio e dal Comune di Tirano, il convegno farà il punto sulla candidatura della zona dei vigneti terrazzati del versante retico della Valtellina per il Patrimonio Mondiale Unesco presentata lo scorso giugno nonché sulla più recente altra candidatura, sempre sostenuta da Provinea, relativa alla Ferrovia retica nel paesaggio culturale Albula/Bernina, presentata nel dicembre 2006 e sostenuta congiuntamente da Svizzera e Italia.

Più che un convegno in senso stretto l’incontro intende favorire un incontro – scambio di opinioni con la cittadinanza di Tirano e di tutti i valtellinesi su progetti tanto importanti e decisivi per lo sviluppo e la tutela della splendida vallata lombarda.

Sull’esempio della Confederazione Elvetica, che da tempo si sta adoperando per far diventare Patrimonio dell’Umanità una linea unica al mondo, la trasversale alpina più alta d’Europa e una delle ferrovie ad aderenza naturale più ripide al mondo, tocca ora alla Valtellina e alla provincia di Sondrio fare la propria parte per conseguire un obiettivo così qualificante ed in grado, non solo per Tirano ma per tutta la vallata, di delinearne il futuro economico, culturale e di costume.

Al convegno, che si aprirà alle 20.30 e sarà coordinato da Edoardo Cerini, caporedattore della Provincia di Sondrio, prenderanno parte:

Pietro Del Simone Sindaco di Tirano
Fiorello Provera Presidente della Provincia di Sondrio
Claudio Lardi Direttore Dipartimento dell’educazione della cultura e della protezione dell’ambiente del Cantone dei Grigioni
Tino Zanetti Podestà di Poschiavo
Silvio Briccola Vicedirettore e responsabile finanze della Ferrovia Retica
Adele Cesi Ufficio Lista del Patrimonio Mondiale Unisco Ministero per i beni e le attività culturali
Sandro Faccinelli Direttore della Fondazione Provinea

Per chiunque abbia la possibilità di salire nella bellissima Tirano un’occasione di dibattito e di approfondimento assolutamente da non perdere.

Per informazioni: tel. 0342 214426 E-mail

0 pensieri su “Il paesaggio culturale di Tirano in Valtellina nel Patrimonio mondiale Unesco

  1. Franco, vai a mangiare e a bere buoni vini a Madonna di Tirano, al ristorante-hotel-tabaccaio Altavilla. Poi, per digerire, ti puoi fare una bella passeggiata per la stradina comunale (non per la provinciale) da lì fino alla tenuta La Gatta dei fratelli Triacca, e vedrai che per strada troverai qualche locale di raccolta dei grappoli dello sforzato con le porte aperte. Io un paio di acini non me li farei sfuggire… Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *