Pagine Web di Nebbiolo grapes ? I produttori, allineati e coperti, tacciono

Ero convinto, dopo aver denunciato in diversi articoli la scandalosa scomparsa delle pagine Web di Nebbiolo grapes e dopo aver formulato l’augurio che altre persone si facessero “a loro volta sentire per sollecitare un riscontro” perché “una risposta chiara, sincera, onesta” è doverosa e dovuta” e dopo aver invitato “tutti i soci del Consorzio vini Valtellina, che si sarebbero molto volentieri risparmiati una così brutta figura, compiuta da quell’ente che dovrebbe tutelarne gli interessi e rappresentarli, difendendo la loro immagine, al meglio” a dire la loro, ero certo, dicevo, che al mio ritorno dalla lunga e bellissima trasferta di lavoro in Langa, a Serralunga d’Alba, avrei trovato riscontri, commenti, prese di posizione da parte degli uomini del vino valtellinesi.
Invece, e la cosa mi amareggia molto, ma purtroppo non mi sorprende, ho scoperto che molto probabilmente per non crearsi dei problemi (che in questo particolare contesto equivale a farsi dei.. “nemici”) nessun produttore, tranne uno ( che ringrazio, ma il cui nome non rivelerò, diciamo così per non metterlo “in difficoltà”) ha pensato “bene” sinora di farsi sentire per rendere pubblico il proprio rammarico per quanto è accaduto, la propria richiesta di conoscere i motivi di questo “incidente di percorso”, per spingere insomma i responsabili del Consorzio Valtellina (sul cui sito Internet fa ancora bella mostra il banner che rinvio ad un sito, quello di Nebbiolo grapes… che non c’è più) a parlare e spiegarsi.
Di fronte ad un comportamento del genere due sono le spiegazioni possibili: o ai produttori valtellinesi del sito Internet del convegno internazionale Nebbiolo grapes e della sua scomparsa non gliene può fregare di meno (e se fosse così complimenti per la sensibilità dimostrata), oppure, come ho detto sopra, esiste una tale situazione oggi, nella Valtellina del vino, che induce i vari protagonisti a guardarsi bene, come sarebbe legittimo in una situazione normale, dall’esprimere una qualsivoglia forma di critica, di dissenso, nei confronti della politica e delle scelte dei responsabili dell’ente consortile.
Infine, com’è più probabile, esiste una terza soluzione, ovvero che al mondo del vino valtellinese quello che fa il Consorzio e che io, come giornalista indipendente senza padroni, ho ritenuto opportuno ed in maniera circostanziata criticare, va benissimo. E che, in fondo, abbiano il Consorzio e la dirigenza del Consorzio che si meritano.
Perché dunque continuare a fare delle battaglie di libertà, nel loro interesse, quando loro liberi e indipendenti non dimostrano in alcun modo di voler essere?

0 pensieri su “Pagine Web di Nebbiolo grapes ? I produttori, allineati e coperti, tacciono

  1. a questo punto non rimane altro da dire e da fare che lanciare un appello pubblico e aprire una colletta per una donazione al consorzio valtellinese ed alla sua dirigenza per ripristinare il sito nebbiolograpes.org
    diamogli una chance: bastano pochi euro per ridare vita ad un nobile deceduto(intendendo il sito del convegno)

  2. la risposta al quesito di Ziliani è semplice e cruda: se secondo le aziende il sito di nebbiolograpes servisse a fargli vendere anche solo una sola bottiglia in più, magari al posto di un’altra casa vinicola della valle, correrebbero in difesa del sito. dato che non lo pensano e secondo loro non gli viene in tasca nulla non si esprimono perchè tutti temono o meglio hanno il terrore di Maule e poi perchè farsi male quando magari il direttore-enologo della Negri tra qualche anno va in pensione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *