Radici: festival dei vitigni autoctoni pugliesi e lucani a Minervino Murge

Giunge alla seconda edizione Radici, festival dei vitigni autoctoni pugliesi e lucani, previsto nella giornata di lunedì 18 giugno, a partire dalle 16, presso la Masseria Barbera di Minervino Murge in provincia di Bari.
Promossa dall’Associazione del Gusto Pro-Papilla e dalla Dolce Guida, la manifestazione propone una singolare degustazione del vino più rappresentativo di alcune delle aziende più importanti di Puglia e Basilicata, che verrà proposto ad una doppia giuria, la prima formata da ristoratori ed enotecari e la seconda da sommelier, giornalisti e addetti ai lavori.
Nella prima giuria si trovano ristoratori e giornalisti come Peppino Colamonaco, giornalista dell Guida dell’Espresso e del quotidiano Repubblica, ristoratori come Peppe Zullo, Beppe Schino, Antonio Romano, il giornalista di Rai 3 Michele Perugine. Nella seconda, presieduta da Bruno Gambacorta, conduttore di Eat Parade, rubrica di enogastronomia di Rai 2, figurano Pasquale Porcelli, giornalista del Corriere del Mezzogiorno, della Guida dell’Espresso e del sito Internet Wine-Surf, Enzo Scivetti, relatore e sommelier di A.I.S. Puglia, direttore editoriale della rivista A.I.S. Puglia, Teodosio Buongiorno, degustatore della guida “Vini d’Italia”, Paolo Costantini, degustatore ufficiale e relatore O.N.A.V.
A presentare Radici Vincenzo Rizzi, giornalista delCorriere del Mezzogiorno e curatore di Dolce Guida, Nicola Campanile, direttore e coordinatore di Pro-Papilla e Dolce Guida e Eustachio Cazzorla, conduttore della trasmissione televisiva A.I.S. Sommelier.
Nel corso della giornata i visitatori potranno conoscere e apprezzare l’ampia gamma di vini da vitigni autoctoni pugliesi e lucani e prendere parte al seminario dal titolo “la cultura vinicola delle nostre terre ed i suoi vitigni identitari” cui prenderanno parte giornalisti ed esperti, proponendo una serie di approfondimenti circa le tematiche più attuali relative all’universo dei vitigni autoctoni italiani.
Per informazioni:
e-mail


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *