Full immersion nel Morellino a Magliano in Toscana: 24 – 26 agosto

Con l’avvicinarsi della fine di agosto – e l’approssimarsi di una vendemmia che da molti segnali si annuncia anticipata e precoce – cominciano a fiorire in giro per l’Italia una serie di appuntamenti vinosi destinati a richiamare l’attenzione degli appassionati.
Per i fan della Toscana e per i sostenitori della Maremma più vera, meno mondana e glamour (e sopravvalutata) di Bolgheri e dintorni, per chi ama una zona vinicola insomma che mentre altrove imperano i soliti vitigni internazionali continua a mantenersi fedele a quel vitigno profondamente e intrinsecamente toscano che è il Sangiovese, si raccomanda, a Magliano in Toscana, uno dei principali centri di produzione del Morellino di Scansano (vino Doc e dalla vendemmia 2007 Docg) la rassegna Vinellando, che da venerdì 24 a domenica 26 celebrerà i fasti di questo vino ottenuto da una percentuale minima dell’85% di Sangiovese più un 15 per cento massimo di altri vitigni, non aromatici, “idonei alla coltivazione nella regione Toscana”.
La manifestazione, che curiosamente non sembra avvalersi del patrocinio del Consorzio del Morellino di Scansano, ma della Strada del Vino e dei sapori dei Colli della Maremma, prevede un programma che si inaugura il 24 sera, alle 20.40, presso il Centro Enoturistico in Magliano in Toscana, con la premiazione dei i migliori tre vini Morellino di Scansano annata 2005 ed il Morellino più tipico degustati in mattinata da una giuria formata da sommeliers, enotecari, ristoratori e giornalisti.
Sabato 24 e domenica 25 dalle 21 alle 24 sono poi previste degustazioni aperte al pubblico, situate in Piazza della Repubblica e Piazza Libertà, mentre venerdì, sabato e domenica dalle 21 si svolgerà una esposizione di prodotti tipici presso il Palazzo del Podestà di Corso Garibaldi.
Ancora degustazioni di vini del territorio, ma questa volta guidate dai sommelier dell’A.I.S. sabato 25 e domenica 26 a partire dalle 18.30 presso il Centro Enoturistico.
Per informazioni: tel. 0564 593431, e-mail.
Il programma completo, con le aziende presenti ed i vini in degustazione, in questo articolo di presentazione pubblicato nella sezione delle news del sito Internet dell’A.I.S., Associazione Italiana Sommeliers.

7 pensieri su “Full immersion nel Morellino a Magliano in Toscana: 24 – 26 agosto

  1. Per quanto riguarda il fatto che in Consorzio di Tutela non aderisca a quella che in fondo ancor oggi è l’unica manifestazione di un certo spessore organizzata sul Morellino di Scansano, che dire? C’e’ bisogno di spiegarlo, o basta ricordare il fatto che siamo pur sempre nella terra dei Guelfi e dei Ghibellini, e che fondamentalmente non è cambiato nulla in questo aspetto del carattere da 500 anni a questa parte? Qual’e’ il segreto del successo di un vino, di una denominazione, di una certa zona viticola? Il terroir, certamente, la tradizione, pure. Ma sopratutto vincono quelle zone che hanno la fortuna di trovare al loro interno persone illuminate e di buon senso, pronte a lavorare compatti per obiettivi comuni, e non di dividersi per un nulla.

  2. gianpa’ non ti crucciare, vuolsi cosi cola’ dove si puote cio’ che si vuole e piu’ non dimandare…

    Si vede che c’e’ qualcuno che ha paura che vengano vitati tutti gli ettari a disposizione di questa DOC e fa di tutto per seminar zizzania e mantenere la DOC al minimo

  3. Beh, grazie! Ma si puo’ parlare appena di supposizione? Prova a contare gli ettari disponibili per la viticoltura DOC del Morellino di Scansano e ti si raddrizzeranno i capelli. Se venissero coltivati tutti, sono centinaia di milioni di bottiglie, che a qualcuno fanno paura, anche in Toscana, o forse soprattutto in Toscana…

  4. Dimenticavo di aggiungere quanto si trova scritto nella presentazione alla stampa di Vinellando, che riporto:

    Alcuni dati sul Morellino
    Su un’estensione totale del territorio di circa 58 mila ettari, erano iscritti all’albo vigneti “Morellino di Scansano” DOC, al giugno 2000, poco meno di 400 ettari.
    La situazione al 17 giugno 2002 è notevolmente cambiata: la superficie vitata è di oltre 761 ettari con 298 aziende iscritte.
    Secondo i rilevamenti al 5 agosto 2003, la superficie vitata iscritta alla DOC del Morellino ha raggiunto i 979 ettari, per un totale di 334 aziende produttrici.
    La produzione di uve è stimata in poco meno di 12 milioni di chilogrammi, per oltre 8 milioni di litri di vino.
    I dati forniti dalla Provincia di Grosseto consentono comunque di rilevare che la superficie vitata salirà nei prossimi cinque anni a mille e 400 ettari che corrispondono ad una produzione stimabile in circa 13 milioni di bottiglie, contro i 3 milioni del 2000.
    Per quanto riguarda il comune di Magliano, le aziende iscritte alla DOC del Morellino sono 150 per un totale di oltre 400 ettari; secondo le stime più recenti la produzione di uve dovrebbe sfiorare i 5 milioni di chilogrammi per un totale di oltre 3 milioni di litri di vino.

  5. Che cosa sono 13 milioni di bottiglie nel mercato mondiale? Una goccia, neanche capace di avere un minimo di massa critica.
    E’ il solito discorso, molto italiano anche se non esclusivo nostro: invece di darsi da fare per promuovere il nostro vino e creare le condizioni perché si affermi a livello internazionale, è molto meglio impedire ad altri di produrlo e fare diminuire l’offerta. Insomma, chi c’e’ c’e’, e chi non è entrato al momento giusto si arrangia.

  6. Pingback: Ritorno a Magliano in Toscana per Vinellando 2013 | Blog di Vino al Vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *