Rosados de España: Vina Aljibes Indicación Geográfica Vinos de la Tierra de Castilla

Riassunto delle puntate precedenti. Lo scorso anno, in piena estate, con l’amico e collega wine blogger catalano Joan Gomez Pallarès animatore di uno dei più vivaci e competenti wine blog spagnoli, De Vinis Cibisque, avevamo dato vita ad un divertente scambio.
Appassionati entrambi di rosati ci eravamo detti: perché non confrontare/incrociare le nostre impressioni di degustazione su tre vini di nostra scelta, invitando Joan a degustare e commentare tre rosati italiani da me scelti e lasciando a me il compito di degustare e raccontare tre rosati de España selezionati da Joan ?
Detto fatto, solo che io, non so per quale oscuro motivo, mi ero dimenticato di degustare e raccontare il terzo vino e avendolo improvvisamente avvistato oggi in cantina eccomi qui a completare, riservandomi di proporre a Joan di ripetere l’esperienza, il compito.
Il rosato che non avevo ancora stappato è un vino particolarissimo, che già dal colore rivela la sua assoluta eterogeneità, presentando, con il suo rubino intenso, granato, un cerasuolo acceso, un corallo “abbronzato”, un colore più da rosso che da rosato in senso stretto.
Questa tonalità all’insegna del rubino è sicuramente dovuta alle uve utilizzate, che sono uve Syrah in purezza, (rosati a base Syrah in Italia confesso di non conoscerne e penso non esistano), ma anche alla provenienza del vino che non è una D.O., ma una
Indicación Geográfica Vinos de la Tierra de Castilla, ovvero una zona calda posta al centro della Spagna, dove la Bodega los Aljibes, posta nell’area della Chinchilla de Monte Aragón (Albacete), conta su 250 ettari di vigneto, anche ad altezze elevate, sino a 900 metri, dove oltre al Tempranillo sono allevate le più note varietà internazionali come Cabernet, Merlot e appunto Syrah. Il risultato, questo rosado 2005, é un vino di non facile abbinamento ai piatti che di solito si pensa siano il complemento ideale di un rosato, ma più adatto a mariage a piatti di carne, a preparazioni a base di pesce molto saporite e speziate, oppure un carpaccio di tonno o di pesce spada, ma non certo primi con verdure o antipasti freddi.
Il vino in sé non é niente male, gustoso, con i suoi profumi accentuati di frutta matura (ciliegia, fragola, ribes nero, mora di rovo), di pepe nero, caldi, densi, compatti, di notevole impatto tendenti al selvatico e allo speziato, con leggere sfumature balsamiche, e si conferma di notevole impegno, goloso, sostanzioso, molto mediterraneo, con il suo frutto carnoso rotondo, al gusto, molto piacevole, succoso (un vino che potrebbe piacere al teorico del “vino frutto”), potente nel suo modo di porsi, anche se indubbiamente equilibrato e piacevole.
Insomma, un’idea dei vini rosati molto particolare e sicuramente diversa da quell’idea dei rosati italiani, save the date, che il prossimo 25 settembre cercheremo, insieme agli amici dell’A.I.S. Modena, di proporre nella città della Ghirlandina, in una manifestazione, un grande banco d’assaggio di 35 rosati d’Italia, che speriamo costituisca un momento qualificante e, perché no, un punto di partenza, per una comunicazione ed un modo di presentarsi, insieme, dei tanti, buoni vini rosati, prodotti nell’Enotria tellus.

0 pensieri su “Rosados de España: Vina Aljibes Indicación Geográfica Vinos de la Tierra de Castilla

  1. Franco, solo per segnalarti il Syrah rosato dell’Azienda Leone Conti di Faenza, che oltre ad una bellissima etichetta ha anche una certa personalità. E’ in effetti un caso molto raro di vinificazione in rosato del Syrah, e l’unico che io conosca in Italia.

  2. Caro Franco,
    grazie mille per le tue parole! Credo che hai capito benissimo la intenzione e “spirito” di questo tipo di vino rosato (non isolato nella Spagna dei rosé contemporanei: Pago del Vicario Petit verdot o il rosé di Bàrbara Forés sono vini simili nella sua concezione) che ha, in fondo, un pochino l’anima di un vino abbastanza tannico, rosso, di muscolatura assai importante.
    Tante belle cose appena rientrato delle vacanze di agosto.
    Joan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *