Cambi vs Bonilli: il Gambero rozzo spara su Gambero rosso & Slow Food

Lo dico subito, anche se qualche imbecille dirà che non è vero: un articolo del genere, come quello, scomposto come un intervento spaccagambe a piedi uniti, o un’entrata da dietro alla Montero, che Carlo Cambi ha pubblicato oggi, sul quotidiano milanese Il Giornale, proprietà della famiglia Berlusconi, contro Stefano Bonilli, patron del Gambero rosso, non l’avrei mai scritto.
E sebbene a questa società editrice non abbia risparmiato di certo critiche (spero di ben altro stile) non posso certo che manifestare una sincera solidarietà a Bonilli. Perché c’è modo e modo di criticare, di interrogarsi come ho fatto io per anni in solitudine, mentre Carlo Cambi, che lavorava a Repubblica, non mi risulta dicesse nulla in merito, sui misteri dei “tre bicchieri” arrivati a vini che non li meritavano assolutamente, su sinergie con enologi di fiducia, e su una disinvolta abilità diciamo così “di marketing” nel presentarsi e accreditarsi, insieme ai compagnucci di Slow Food, come il termine di riferimento assoluto per il discorso vino e cibo in Italia.
Occupando spazi, accaparrando collaborazioni, diventando il “prezzemolo” dell’universo enogastronomico. Ma c’è modo e modo per criticare, con ironia corrosiva, con sfottò (come quando coniai quell’epiteto di Robert Parker der Tufello che oggi lo stesso destinatario, Daniele Cernilli, rivendica), con accenni sfumati, dicendo e scrivendo quello che si poteva dire senza correre il rischio, suicida, di essere citati in giudizio per danni. Com’è capitato, purtroppo, a colleghi stimati come Sandro Sangiorgi e Guelfo Magrini.
Si può, anzi si deve, criticare l’interventismo petriniano, gli stretti legami dell’associazione golosa con il mondo politico economico – finanziario, la capacità bipartisan di farsi dare dané a destra e manca. Si possono registrare le contraddizioni di chi ha talvolta cercato di rifarsi una verginità premiando tra tanti vini di dubbio lignaggio prodotte da aziende, diciamo così “amiche”, anche dei vini veri e meritevoli d’elogio.
Si può anche arrivare, come ho tranquillamente fatto su WineReport, senza che succedesse nulla, a criticare e definire inopportuno il fatto che la moglie di Daniele Cernilli, co-direttore in quota Gambero della guida Vini d’Italia, si occupasse di pubbliche relazioni proprio in quel settore, il vino, dove il marito è tanto influente. Ma erano rilievi oggettivi, come quelli che muovevo, pace all’anima sua, a Gino Veronelli, “colpevole” di aver sposato con tanto fervore la causa della barrique mentre la sua compagna, madame carato, pardon Perato, i piccoli fusti di rovere francese alle cantine cercava di venderli, strumentalizzando e servendosi disinvoltamente di Gino.
Ma un conto era scrivere quello, con la necessaria ironia, seppure feroce, un conto è scrivere, senza eleganza, ma con un filo di ruvida e sgarbata rozzezza, le cose che nel suo articolo ha scritto Cambi, affermando cose pesanti tutte da dimostrare e suffragare con precise prove, credo in altre sedi che non siano quelle giornalistiche, come quelle che ha scritto il loro autore.
Come ex lettore, dalla fondazione e sino a pochi anni fa (oggi mi limito a visitarne la versione on line per leggere gli articoli di qualche amico o qualche scampolo dell’antico stile dell’epoca montanelliana o della gestione Feltri) del Giornale, e come ex collaboratore (smisi di scrivere per non avere più a che fare con un “signore” il cui modo di fare mi aveva nauseato già all’epoca), non posso che rabbrividire e prendere idealmente le distanze di fronte ad un simile scampolo di prosa, questo anche se le cose che Cambi afferma fossero, come molti cominciano a pensare, in parte o totalmente vere.
Perché come dicevano i latini est modus in rebus, e c’è modo e modo, credo, di ironizzare e criticare e un conto, utilizzando come pezza d’appoggio niente meno che Dagospia (anvedi!), sostenere che “Petrini costituente del Pd è passato al servizio di Carlo De Benedetti”, che per quanto non sia di certo un Carlin’s fan non me lo vedo come un servitore del finanziere – editore.
Io stesso ho più volte sottolineato la distanza tra i “volontari di Slow Food che si spaccano la schiena per l’ideale, mentre i vertici badano al sodo”, ma il racconto, con gli inconfessabili e inquietanti intrecci politico-editoriali-finanziari, che Cambi fa di questa vicenda sembra troppo inverosimile, anche ad avere molta fantasia ed immaginazione, per poter essere vero.
Quando si fanno affermazioni del genere, e le si fa con tanta sicurezza, sapendo di essere andati ben oltre il sacrosanto diritto di critica, bisogna essere o incoscienti, o avere carte forti in mano, tali da consentirti di non uscire con le ossa rotte nel caso, dall’altra parte, non porgessero l’altra guancia, ma decidessero di replicare. E non sfidando a duello, come sarebbe esteticamente e moralmente bello, con atteggiamento molto ancien régime, lo so bene, l’autore, ma chiamandolo in tribunale.
Divertente, ma piuttosto demagogico, scrivere come ha fatto Carlo Cambi“ litigano sul tesoretto enogastronomico mentre gli italiani fanno fatica a mettere insieme il desinare con la cena. Ma che volete farci, sono i camerieri del Pd: la sinistra di caciotta e di governo”, ma molto più efficace sarebbe stato farlo in punta di forchetta, con graffiante ironia, con cattiveria se necessario e non con questo atteggiamento che sa tanto di un maramaldeggiare nei confronti dell’avversario in palese difficoltà.

Cosa faranno ora il Gambero rosso editore, la GRH, Slow Food nei confronti di quello che, apparso sul quotidiano della famiglia Berlusconi, appare più un attacco politico e una liquidazione di conti privati (c’è da scommettere che tra Bonilli e Cambi non corra certo buon sangue) che una critica, come tante ne ho scritte io, al “dorato mondo delle marchette enogastronomiche” e “ai signori del food&beverage alla moda” ?
C’è da chiedersi, come ha giustamente fatto qualcuno sul forum del sito Internet del Gambero rosso, nella discussione, sull’articolo, che si é aperta, se
Bonilli & Cernilli, ma in questo caso anche Slow Food, parimenti chiamato in causa da Cambi, adotteranno nei confronti di Cambi lo stesso atteggiamento che hanno adottato nei confronti di Sandro Sangiorgi e di Guelfo Magrini, ovvero la citazione in giudizio con onerosa richiesta di danni, e c’è da auspicare, altro intervento di un lettore sullo stesso forum, che il Gambero rosso e la GRH intervengano ufficialmente scrivendo “Ripeto o ripetiamo, tutto ciò che è scritto nell’articolo non ha fondamento e provvederemo ad una ennesima querela nei confronti del soggetto”. Questo per rispetto verso gli appassionati del Gambero, non in risposta a Cambi”.
Brutta storia, comunque la si osservi e la si giudichi, questa storia, dove una bella figura, a guardar bene, non la fa proprio nessuno: né l’autore dell’articolo, che già si era fatto notare in questa sua nuova carriera di columnist al vetriolo de Il Giornale (transfugo, come tanti altri collaboratori del quotidiano, da giornali di quella sinistra che un tempo sul Giornale sparava a zero e non sempre metaforicamente…) né i protagonisti di questo feuilleton, se si avvereranno anche solo una parte delle cose annunciate da Cambi o se non prenderanno una posizione risoluta.
Brutto segno, e lasciatelo dire da uno che la polemica considera il sale del giornalismo, se il discorso sull’enogastronomia italica prende questa piega e se dopo i “furbetti del quartierino” ci tocca prendere atto dell’esistenza di quelli che Cambi, con una sintesi efficace ma impietosa, chiama i “furbetti del bicchierino”.
Se così accade c’è proprio del marcio o quantomeno traffici misteriosi e un’insana passione per il business in questo animato mondo del bere e mangiar bene italico… Ma questo non è scoperta di oggi, purtroppo…
p.s. questo pomeriggio (lunedì 17) sul forum del Gambero rosso Daniele Cernilli ha dato una precisa e circostanziata risposta a quanto affermato da Cambi nel suo articolo. Ai lettori giudicare se la si possa considerare soddisfacente oppure no.

0 pensieri su “Cambi vs Bonilli: il Gambero rozzo spara su Gambero rosso & Slow Food

  1. Io trovo che quell’articolo abbia un fascino perverso: e’ quasi impossibile trovare, riunite in poche righe, una tale quantita’ di scomposto malumore, luoghi comuni beceri, colpi sotto la cintura; c’e’ proprio tutto, l’attacco personale, l’illazione non dimostrabile; e’ talmente perfetto che e’ difficile cogliere un elemento da quotare, la perla; forse, la parte in cui scrive dei finanziamenti pubblici che nutrono il Gambero, come se il Giornale vivesse di fatturato; oppure l’incipit sul proletariato che fa lo sciopero della pasta (il target del Giornale e’ quello, si?). Certo e’ che, dovendo parlare del Gambero, al Giornale hanno pensato bene di far riferimento a questo libero pensatore. Spiace dirlo, ma dal Giornale non c’e’ nulla di serio da aspettarsi.

  2. l’informazione sul vino e sul cibo che desidera la famiglia Berlusconi, é questa: Bruno Vespa su Panorama, Cambi e un certo “signore” che non voglio nemmeno nominare su Il Giornale… Quando la classe non é acqua…

  3. Quando ci sono troppi soldi in ballo, c’entra sempre di mezzo la politica, perché tutti ne vogliono una parte. Se il suo sdegnarsi é nei modi dell’articolo, concordo con Lei, ma Cambi non spara tanto in alto, perché le conosciamo fin troppo bene certe cose, anche relative ai tre bicchieri e non aggiungo altro…

  4. C’è un motivo dietro questo livore, al di là della causa in corso.
    Il passaggio che vi siete persi di questa “querelle” fra Cambi e Gambero lo trovate a questo link:

    http://blog.gamberorosso.it/bonilli/archives/2006/11/furbi_e_rozzi.html

    E’ un pò lungo da leggere, ma vi assicuro che ne vale la pena!
    Dopo di che evitate di chiamare Cambi “giornalista” se avete ancora un minimo di rispetto per la categoria.

    Quanto a Petrini ed al suo “ingresso in politica” che il Cambi critica aspramente, vorrei capire chi in questi anni ha manipolato tanto le menti da far considerare l’ingresso in politica una cosa sporca!
    Secondo il signor Cambi in politica può scendere in campo solo il signor Berlusconi (l’unto): se qualcun altro lo fa, povero lui, viene subito accusato di losche intenzioni!.

    Mi fa sinceramente incazzare il tono dispregiativo con cui questi signori “denunciano” il minimo tentativo di occuparsi di politica di chiunque!

    Tutti noi abbiamo il diritto, anzi il dovere di occuparci di politica e fa bene Petrini o chi per lui ad entrare in un partito per occuparsi, nel suo caso di alimentazione e quant’altro.
    Dite che Petrini cerca finanziamenti pubblici? E perchè non dovrebbe farlo!
    Incazzatevi se scoprirete che li ha usati per comprarsi una villa in Sardegna, non se li spende per aiutare i contadini a scoprire la biodiversità e toglierci dalla dipendenza delle Multinazionali globalizzanti.
    Provi a chiedersi Cambi perché la pasta aumenta mentre i contadini impoveriscono invece di fare demagogia spicciola!

    Dov’era Cambi vent’anni fa quando slowfood ha cominciato ad occuparsi di enogastronomia?
    E come la chiamate questa invocazione alla legalità da parte di un giornale di proprietà di chi della legalità ha fatto strame?
    E perchè in Italia chi ha le prove di malversazioni, ruberie e loschi traffici non va prima a denunciare tutto alla magistratura?
    Ah già, dimenticavo….sono tutti di sinistra!

  5. Come la penso sulle querele ai giornalisti e’ noto da un pezzo, l’ho riassunto su http://www.enotime.it/zoom/default_body.aspx?ID=2423, non lo ripeto e nel caso toccasse anche Cambi rimango dello stesso parere. Franco, siccome hai la memoria lunga, cosa assai rara a questo mondo e che quindi ti fa molto onore, sai bene quanto ti abbiamo stimato, seguito, sostenuto quando a Gino hai detto pari pari quello che pensavi, anche se a volte era pesante. E lui pure con te reagiva sul pesantino. Caratteri bergamaschi, come i fichidindia, tante spine fuori e tanto zucchero dentro. Ma senza mai cadere di stile (e nemmeno di stiletto), percio’ Gino ha lasciato comunque un vuoto e tu vedi di vivere a lungo, molto a lungo.
    Ma quando leggo certe frasi di Cambi (e di quell’altro come lo chiami tu) mi sento male, non riesco a comprendere il livore, che non ha nulla a che fare con la critica, anche la piu’ spietata e capisco molto bene Antonio che e’ intervenuto il 16 settembre. Ma che si rimanga sulla carta stampata, che si usi bene il diritto di replica e si elegga il pubblico a giudice. La carta bollata mi vedrebbe invece alleato dell’accusato, come per Sandro e per Guelfo. Ti ringrazio per aver postato questo tema, che riguarda tutti quelli che scrivono di vino, anche i dilettanti come me. Povero vino se il mondo dei suoi ambasciatori scade a baruffe di questa fatta.

  6. Avevo letto a suo tempo la prima edizione del “Gambero Rozzo” e non mi aveva convinto per nulla, approssimativa, scontata, limitatissima (mancavano moltissime aree importanti), pressoché inutile.
    Quello che è accaduto nel blog di Bonilli, compreso l’episodio raccontato da Muccapazza, la dice lunga su certe situazioni, quelle che a me premono di più. Ovvero l’onestà e la correttezza di chi scrive dando “consigli” o premiando vini e ristoranti per i consumatori.
    Proprio giorni fa mi sono accorto, leggendo la descrizione di un vino di una nota guida di settore, che riportava pari pari la descrizione presente nella retroetichetta di quel vino. Una cosa a dir poco scandalosa. Che si debba pagare 30 e più euro per portarsi a causa guide la cui affidabilità e onestà è tutta da dimostrare, fa incazzare non poco.
    Personalmente credo che nessuno sia pulito al 100% e che sia questa la causa principale per cui si fanno la guerra, conoscendo i punti deboli di ciascuno e sapendo bene quanto il sistema sia marcio. Gli onesti fanno parte di una civiltà molto lontana, e certamente non diventano famosi e ricchi.

  7. Franco, ti ricordi il Corvina/Merlot Raudii della Cantina Sociale di Negrar, meno di 3 euro alla cantina e 10 euro sulla tavola al ristorante a Soave, che abbiamo pubblicato sul Winereport della tua sanissima gestione? Ecco, penso che potresti confermare a Roberto Giuliani che ha millanta volte ragione con quella sua nota “gli onesti fanno parte di una civiltà molto lontana, e certamente non diventano famosi e ricchi”. Ma e’ una civilta’ ancora tenacemente radicata anche fra i produttori, oltre che benedetta. Dura a morire. No, le guide non ci riusciranno a farla fuori. A proposito, avevamo l’Altraguida on line, ma non ce l’abbiamo piu’. Siete certi che non la si puo’ proprio rimettere sul Web?

  8. perché, sarebbe più “autorevole” se avesse fatto il percorso inverso, ovvero se fosse passato dal Giornale a Repubblica, ovvero dall’odiata, vituperata (perdonatemi la parolaccia) “destra”, alla virtuosa sinistra che, ça va sans dire, ha sempre ragione ? Non si tratta tanto della sede dove vengono scritte le cose, ma di come vengono scritte e di cosa si scrive…

  9. Pingback: Quinto quarto » Blog Archive » Analisi della polemica Slow Food Gambero Rosso Espresso

  10. Noi abbiamo avuto sospetti,già da tempo,sul modus operandi delle organizzazioni citate da Cambi,con il quale penso di essere d’accordo.
    E se fosse tutto vero,dovrebbe intervenire la Forleo!!!

  11. Andate a vedere, su “L’Indice” di luglio-agosto, con quanto perfido garbo e con quanta dettagliata informazione un’autrice che non conosco, Simona Bani, dimostra l’inaffidabilità della guida Il Gambero Rozzo. E non per singole delusioni, ma per la presenza di ingredienti fuori territorio nei piatti delle osterie segnalate, per le approssimazioni, per gli errori. Non senza un giudizio sulle qualità dell’autore come giornalista (e mi pare un’autrice che se ne infischia degli schieramenti ideologici e delle attuali liti). E’ una vera recensione, come bisognerebbe farne senza tanta emotività, per questo più efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *