Non conventional wines, vino e moda, designer emergenti? Ma chi se ne frega !

Ditemi voi come si fa a non pronunciare uno stentoreo e ben sillabato “ma – chi – se – ne – frega!” quando in pieno 2007, non nei ruggenti e vacui anni Novanta dell’entusiasmo vinicolo si finisce ancora con il realizzare – e diffondere – un comunicato stampa come questo, che testualmente recita: “Il marchio vinicolo Mät presenterà i vini Puparossa e Tirabaci in esclusiva anteprima che si terrà giovedì 4 ottobre 2007 all’interno dello spazio Q3, vetrina stilistica torinese per designer emergenti, in un inusuale incontro che vede protagonisti vino e moda,per un suggestivo viaggio nei sensi tra contaminazioni metropolitane e rielaborazioni delle tradizioni. In allegato l’invito all’evento mät-Q3 e il relativo comunicato stampa”?
Contaminazioni metropolitane, rielaborazioni delle tradizioni, designer emergenti, inusuali incontri, “non conventional wines”, puperosse e tirabaci?
Ma se invece di vendere fumo e di fare del tardo paroliberismo vacuo e senza significato le simpatiche addette alla comunicazione e alle pubbliche relazioni provassero (ammesso che ne siano capaci) a parlare di vino, di vigne, vignaioli, di emozioni e piaceri regalati da una bottiglia e da un bicchiere? Chiedo troppo?

0 pensieri su “Non conventional wines, vino e moda, designer emergenti? Ma chi se ne frega !

  1. Mah, con le parole si può anche volare liberamente. Basta che poi si capisca di che uve è fatto il vino, da dove arriva, chi e come lo vinifica… ma chiediamo troppo 😉
    Andrea

  2. Grazie mille, Franco, per il tuo flash che mi vede concorde,in the same question!Assolutamente sì! Penserei a un meeting in una fashion location, forse un’industrie, con vari happening, coffé break, workshop, breafing, a base di fingerfood o fusion,invitando vip (speriamo in!) e maitre à penser, opinion leader, con vari sponsor (sponsor è latino, ma l’è istess) e molti media (anche media è latino, ma si dice “midia” con la “i” perché fa più city&urban style… l’è istess), do you think? Why not? E potremmo programmare dei titoli a step, per ogni led della convention: Love%Wine (i vini di San Valentino), Life&Wine (a scopo benefico), Law&Wine (per chi ha problemi di contraffazione) e spingerci a ricorrenze (the right man in the right place!!!) come… HalloWine!!!
    S’è capito niente?!? Nothing?
    S’è capito che usando “food” e usando “wine” ci sentiamo migliori. The best. Chi usa “style”, poi, un genio!!! Perfettamaente, compiutamente provinciali.
    Lovely, assolutamente sì!!!
    Many kisses!!!
    Brisco.La

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *