Il “sommelier informatico” vola da Firenze a Londra

Un wine blogger, Andrea Gori, rappresentante italiano al primo Campionato Europeo Sommelier WSA
Ma guarda un po’ te cosa ti combina quel ganzo di un Andrea Gori! Non contento di aver creato, da sommelier informatico quale si definisce, un bel wine blog, Vino da Burde (vedi) condotto in una vivace ottica di comunicatore sul vino, di aver documentato, come ho raccontato in questo articolo (leggi) in maniera eccellente e moderna lo svolgimento del Trofeo per il miglior sommelier d’Italia, con una serie di video e di cronache, chiamato a mostrare il suo spessore di sommelier, la sua cultura vinosa a 360 gradi, il suo sapere enciclopedico anche su questioni (un po’ nozionistiche) come il nome di un vino bulgaro e quello di quattro zone produttrici sudafricane o la data della Doc del Moscato di Scanzo, il nostro ha fatto un’eccellente figura (leggi).
Non si è accontentato difatti di figurare tra i tre (vedi), la fresca campionessa italiana Nicoletta Gargiulo e Marco Grassi, che hanno avuto accesso, dopo la “eliminazione” dei pur bravissimi Michele Garbujo e Rudy Rinaldi, alla fase finale della severa selezione che si è svolta venerdì a Milano (leggi) che doveva selezionare il partecipante unico alla prima edizione del Campionato Europeo Sommelier W.S.A. che si terrà a Londra (leggi) il prossimo 31 gennaio 2008.
Con un ultimo colpo di reni degno di un Cipollini o di un Petacchi, Andrea ha battuto la qualificata concorrenza e ha idealmente staccato (leggi) il biglietto che lo porterà in London a battersi con altri bravi sommelier europei per la conquista del titolo di miglior sommelier europeo W.S.A.
E bravo Andrea, ottimo esempio di moderno wine blogger, di sommelier informatico con il pallino di raccontare il vino anche via Web, con parole, immagini (quando anche con Wine-Web aromi?), che riesce a farsi onore mostrando una strada nuova, ricca di idee e di sviluppi alla sommellierie italiana (ovviamente targata A.I.S., ça va sans dire…) del Nuovo Millennio!
P.S. C’é un’errata corrige da fare, ovvero che prima di volare a Londra, Andrea Gori dovrà tornare a Milano, il prossimo 9 gennaio, per partecipare ad un’ulteriore selezione preliminare (leggi), che dovrebbe vederlo scontrarsi con 12 campioni nazionali europei. Sono però certo che uno dei tre super sommelier che usciranno dalla selezione e andranno a Londra sarà sicuramente il nostro wine blogger, il sommelier informatico fiorentino. Come dubitarne?

9 pensieri su “Il “sommelier informatico” vola da Firenze a Londra

  1. Egregio Franco,
    questo suo post mi ha dato l’occasione, finalmente, di dare un’occhiata a questo blog, Vino da Burde, di cui ho sentito molto molto parlare.
    Faccio i complimenti ad Andrea Gori per essere stato scelto a rappresentare l’Italia al Campionato europeo. Lo descrive come un grande professionista, lei, e non è poco,…. Su quello non ho dubbi, ma me, da inguaribile romantica, pensi un pò, ha molto colpito la semplicità, l’emotività con cui annuncia questa cosa. Ha emozionato anche me! Questo è il bello di chi ama il vino: l’appassionata immediatezza. Non pensa?

  2. Ho conosciuto personalmente Andrea solo venerdì a Milano, passando in sede A.I.S. perché dovevo parlare con il Presidente Medri. Con lui ero in contatto da tempo, via Web, e devo dire che anche se mi ero fatto l’idea di un ragazzo simpatico, scanzonato, il tipico toscanaccio tutto pepe, la conoscenza diretta ha rivelato una persona che, a pelle, mi é sembrata ancora più simpatica. Non potevo pertanto, anche se avrei gioito parimenti anche per la vittoria degli altri contendenti, che ho conosciuto venerdì e che penso fossero tutti degni di rappresentare i colori A.I.S. al grande contesto europeo di gennaio, che esprimere l’allegria, l’emozione (hai detto bene Monica) che la vittoria di Andrea mi ha dato. Un sentimento istintivo che penso sia normale anche in un cronista del vino severo e di lunga esperienza come il sottoscritto…

  3. Carissimo Andrea,innanzitutto congratulazioni per il traguardo raggiunto!!
    Inoltre volevo far sapere a tutti i lettori,una mia considerazione.
    Sono da oramai molto tempo,appassionato di vini,insieme ad un mio amico,facciamo,corsi,degustazioni ecc..,sempre più spesso.
    Quest’anno abbiamo aggiunto nel nostro calendario,le cene,con degustazione,organizzate da Burde.
    Credetemi,siamo rimasti stupiti e più che soddisfatti,delle presentazioni dei vari vini,fatte da Gori.Ci mette tutti i sentimenti e passione,nel presentare ogni vino nei minimi particolari.
    Andrea,complimenti,sei un grande!!!
    Sauro Brandini e Giovanni Torraca

  4. Carissimo Andrea,innanzitutto congratulazioni per il traguardo raggiunto!!
    Inoltre volevo far sapere a tutti i lettori,una mia considerazione.
    Sono da oramai molto tempo,appassionato di vini,insieme ad un mio amico,facciamo,corsi,degustazioni ecc..,sempre più spesso.
    Quest’anno abbiamo aggiunto nel nostro calendario,le cene,con degustazione,organizzate da Burde.
    Credetemi,siamo rimasti stupiti e più che soddisfatti,delle presentazioni dei vari vini,fatte da Gori.Ci mette tutti i sentimenti e passione,nel presentare ogni vino nei minimi particolari.
    Andrea,complimenti,sei un grande!!!
    Sauro Brandini e Giovanni Torraca

  5. Carissimo Andrea,innanzitutto congratulazioni per il traguardo raggiunto!!
    Inoltre volevo far sapere a tutti i lettori,una mia considerazione.
    Sono da oramai molto tempo,appassionato di vini,insieme ad un mio amico,facciamo,corsi,degustazioni ecc..,sempre più spesso.
    Quest’anno abbiamo aggiunto nel nostro calendario,le cene,con degustazione,organizzate da Burde.
    Credetemi,siamo rimasti stupiti e più che soddisfatti,delle presentazioni dei vari vini,fatte da Gori.Ci mette tutti i sentimenti e passione,nel presentare ogni vino nei minimi particolari.
    Andrea,complimenti,sei un grande!!!
    Sauro Brandini e Giovanni Torraca

  6. Andrea è veramente un grande!! Frequento Burde da qualche anno e l’anno scorso ho partecipato al corso di degustazione: Andrea sa spiegare il vino con tanta passione, entusiasmo, professionalità ma anche con semplicità. Insomma è lui stesso, non sale in cattedra, non ti annoi nemmeno un minuto. Bravo Andrea.

  7. @fabio, grazie mille e non mi sono scordato della serata jazz e musica…e volevo ricordarti che ero solo uno dei docenti AIS del corso, ce ne sono anche tanti altri bravi e appasionati quanto se non più di me!

    @tutti: grazie mille e sono quasi arrossito (e non mi capita spesso!) nel leggere i complimenti che mi fate…quindi volevo approfittare del blog di Franco per ringraziare pubblicamente tutti quei blogger italiani e non (e sono centinaia) che ogni giorno usano parte del loro tempo per scrivere sulla rete un sacco di idee spunti e riflessioni che hanno fatto di me un decente blogger.
    La lettura dei post e dei vari RSS ormai occupa un posto piuttosto rivelante della mia giornata e da tutto ciò che ho letto vi assicuro che ho preso veramente tanto.
    E in mezzo a questi, come non ricordate il nostro ospite Tombolini di Simplicissimus? Vai così Antonio!!!

  8. Ho conosciuto per la prima volta Andrea Gori in occasione del Concorso Master del Sangiovese 2005, quando entrambi eravamo alle prime esperienze di gara e i mostri sacri della sommellerie italiana ci sembravano irraggiungibili. Ci ripromettemmo di studiare e di arrivare a quei livelli, ma , caro Andrea, così hai ESAGERATO!!!!!
    Scherzi a parte sono sicuro che ci rappresenterai al meglio al Campionato, ed essendo tu l’unico rappresentante italiano… vedi cosa devi fare…..
    Un saluto a tutti gli appassionati di vino da un lontano avamposto toscano in Molise.

    Rudy Rinaldi
    (fuori dalla finale ma in buona compagnia dell’ex campione italiano Garbuio)

  9. ciao,avrei solo una richiesta, puoi indicarmi dove frequentare un corso per sommelier tra firenze ed empoli? ti ringrazio….mi piacerebbe conoscerti ma…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *