Bruno Giacosa su Winenews.tv: tanti cari auguri al “grande vecchio” di Langa

Che grande emozione scoprire su Winenews.tv, rassegna stampa audio appendice del celebre sito Internet Winenews.it, questa breve ma succosa intervista (vedi) ad uno dei più grandi uomini del vino piemontese e italiano, presentato, a ragione, come “uno dei pochi produttori importanti di Langa che fa grandissimi Barbaresco e grandissimi Barolo”.
Che gioia vedere e sentire “l’orso”, l’adorabile, inimitabile, Bruno Giacosa rispondere, con sagacia e sottile ironia, nella sua maniera sempre asciutta, quasi “difendendosi” dai complimenti (meritatissimi) alle domande dell’intervistatore!
Mi piace segnalarvi (leggete qui) un’intervista (con qualche ingenuità da parte dell’intervistatore, che gli feci nel 1993 e che riproposti dieci anni dopo su WineReport).
Più ci penso e non posso che concludere che scomparsi Giovanni Conterno e Bartolo Mascarello, pur con tutto il massimo rispetto per grandi figure storiche come Giacomo Oddero, Aldo Conterno, Gigi Rosso, Giacinto Brovia o Beppe Colla, e per i più giovani Mauro Mascarello, Beppe Rinaldi, Baldo Cappellano, Oreste Brezza, per i Luciano Sandrone, i Clerico, gli Elio Grasso, i Roberto Voerzio, i Gaja, il vero “grande vecchio”, la figura di riferimento, il maestro del Nebbiolo non può essere che lui, l’insuperabile artefice di vini come i Barbaresco Santo Stefano, Asili e Rabajà, i Barolo Falletto e Rocche dei Falletto (ed in passato anche magnifiche edizioni di Vigna Rionda), e poi l’ottimo Extra Brut metodo classico, il Roero Arneis, ecc. ecc.
Che dire dunque se non lunga vita ed i più calorosi auguri (all the best, direbbero gli inglesi) a questo straordinario, fondamentale, imprescindibile uomo del vino di Langa al quale non si può che volere bene?

0 pensieri su “Bruno Giacosa su Winenews.tv: tanti cari auguri al “grande vecchio” di Langa

  1. I vini di Bruno Giacosa sono tra quelli che più mi piaciono. In particolare ho una predilezione per il suo Dolcetto d’Alba. Penso sia uno dei più grandi produttori di vino in Italia e di conseguenza del mondo e mi piace che si parli di lui.

  2. Su questo non ci sono dubbi, il Maestro rimane lui: del resto la pensa così anche qualcuno tra i vignaioli che hai citato, che non fa mancare i vini di Bruno Giacosa dalla sua cantina per nessuna ragione al mondo.

  3. Caro Ziliani, grazie per avermi segnalato questo breve ma efficace filmato.

    Vedere il suo viso, ascoltare la sua voce e non soltanto bere i suoi grandissimi vini aiutano a comprendere tutto un modo di vita e di produzione.

    Ciao

  4. Pingback: I sovversivi del gusto » Blog Archive » Quali Bollicine amici sovversivi per il brindisi di Capodanno?

  5. Pingback: Quali Bollicine amici sovversivi per il brindisi di Capodanno? at FRATELLO SOLE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *