Campioni d’Europa e del Mondo, ma in Italia a – 20!

E bravi cuginastri rossoneri, continuate pure a vincere le vostre coppe, d’Europa, del Mondo, planetarie, stellari, continuare a sollevarle al cielo e a gonfiarvi, come il vostro presidente, ancora di più! Ma com’é che in Italia, da due anni a questa parte, finite ad anni luce, a 10-20-30 punti (ho perso il conto…) dall’Inter? Provinciale, per voi interplanetari, splendidi e splendenti, mondiali, il campionato italiano, che vi vede comprimari, lontani dal vertice, oppure “provinciali”, nel senso di troppo facili, soprattutto quest’ultima giapponese le vostre coppe?
Datemi pure del rosicone, ma provate a rispondere a questa semplice, banalissima domanda, se ci riuscite…
Una cosa é certa: noi non vinciamo le coppe da quando ero bambino, ma noi non siamo mai stati in B (gli unici in Italia) e voi invece?

0 pensieri su “Campioni d’Europa e del Mondo, ma in Italia a – 20!

  1. Si rosica si rosica da queste parti, è inutile negarlo…Capisco sia dura per voi cuginastri accettare che ogni volta vincete qualche cosa, il Milan vi oscuri puntualmente! E poi caro Ziliani…noi siamo stati in B (nonostate questo siamo la squadra più titolata del mondo, per non parlare d’Italia) ma voi non siete MAI stati a Tokio!!
    Saluti.

  2. caro Pato, un nome una promessa (sperem!) ma perché mai dovremmo andare a Tokyo (a parte che voi oggi avete vinto in provincia a Yokoyama…)? Non c’é stata una persona che profeticamente, riferendosi più ai cinesi che ai giapponesi, aveva parlato di “pericolo giallo”? Un buon motivo per stare alla larga dal Paese del Sol Levante, dove pure ho qualche amico e collega e, credo, qualche lettore… Se poi i casi della vita, tra un anno (toccando ferro e altro), vorranno che tocchi anche a noi nerazzurri andarci, ci andremo. Ma sapendo sempre che si tratta di ben altra cosa dalla Coppa Intercontinentale che vincemmo quando andavo alle elementari, e che forse, senza sminuire i vostri successi, che sono lì chiari e netti e negarli sarebbe stupido, vincere uno scudetto é impresa se non più difficile sicuramente non meno probante… Si coccoli dunque, tra il rosichio e l’incazzatura interista (il Boca ci ha proprio lasciato a… Boca asciutta…), l’ennesima coppa, ma risponda alla mia domanda. Perché in Italia arrivate così sideralmente lontano dalle prime posizioni? Sia razionale e intelligente e lasci che sia quella rana gonfia del vostro tracotante presidente a raccontare barzellette mentre arringa le folle… 🙂

  3. Caro Franco,
    lasciamela dire tutta: ai cari cugini è andata bene che l’inchiesta di calciopoli abbia coperto solo dal 2005/6 in poi, sennò altro che serie B gli toccava a questi. E poi hanno Ronaldo, quell’affarone…lasciamoli festeggiare di aver vinto questo torneino dove mancavano solo (ti ricordi le figurine Panini?) il Derthona e il Clodia Sottomarina. E lasciamogli la soddisfazione di aver vinto la Champions su rimpallo di Inzaghi, con il solito…merito. Con quel bel cartello di Ambrosini, poi. Veri signori, altrochè!

    Stefano

  4. Caro Ziliani, rivendico il nome Pato perchè sono chiamato così fin da piccolo…non so perchè (dato che mi chiamo Giulio)! E il nostro futuro(?) gioiellino brasiliano non centra nulla e mi dovrebbe pagare pure i diritti :). Per quanto riguarda il “nostro” Presidente sta tenendo l’ennesimo spot elettoral-sportivo non richiesto su un suo canale…rana gonfia…credo sia solo questo…meglio berci sù!

    P.S.: A dimenticavo…io non ero nemmeno nei pensieri dei miei genitori quando l’inter vinceva (in bianco e nero) qualcosa 😉

  5. Semplice Franco. Per vincere in Italia, oggi, con i distacchi siderali dell’Inter poi, ci vogliono circa 30 titolari come li avete voi, non 13/14, come noi. Noi, con quei 13/14, se in forma, siamo da tornei più brevi e da gare di un giorno, come determinati ciclisti, voi da tornei lunghi e faticosi, stile giro e tour. Questo, per lo meno in questo momento. Ma mi accontento alla grande, di queste coppette. Anzi, più vincete voi in Italia, più noi in Europa e nel mondo, quindi, continuate così, portatevi a casa anche i derby, non c’è nessun problema. Lato serie B, solita storia: sono disposto a tornarci altre 20 volte, se poi si inanellano altre coppe come questa a ripetione, come negli ultimi 20 anni.

  6. Rosiconi, e quando parlate di Europa e’ meglio che vi ricordiate che la coppa dei Campioni che avete vinto voi e’ quella con le orecchie piccine! Vergogna.

    In campionato per ora e’ cosi’, ma non c’e’ fretta, intanto pensiamo ad onorare il nome dell’Italia nel mondo con le nostre imprese, voi pensate al cortiletto di casa.

    E state calmini, perche’ la sola Ronaldo che avete preso voi e’ solo l’ultima di una grande serie. Noi per es., tanto per dire, con un pugno di lenticchie si e’ comprato uno come Kaka’. Tanto per fare un esempio.

  7. però che fazioso sor Morellino! Complimenti ad Alessandro, che dimostra anche scrivendo di vino la sua intelligenza, la sua misura, il suo stile, rispondendo, unico ad averlo fatto ed in maniera convincente, alla mia semplice domanda. C’é poco da fare, la classe non é acqua, e non basta produrre buon vino per averla… 🙂

  8. Nonostante sia uno juventuno DOCG devo dire di essere felice delle vittorie del Milan in Europa e in Intercontinentale sono un bel vedere per un italiano sportivo.
    Per l’Inter, dopo tutto quello che si è speso grazie al petrolio, alla Pirelli e alla Telecom prima o poi doveva iniziare un ciclo, naturalmente solo dopo averci tagliato fuori ed aver preso a saldo i pezzi da novanta…
    Godetevela per quanto il bilancio sia ancora in rosso!!!

  9. Caro Franco, di vino ne capisci parecchio, sei un grande. Ma sul calcio mi deludi. Certo, in Italia l’Internazionale (scriviamo il nome per intero) domina, e credo dominerà per parecchi anni. Ma a quale prezzo (nel senso delle decine di milioni di euro spesi per comprare giocatori per vincere a tutti i costi)? E con quanti giocatori italiani in campo? Io non sono ne interista ne milanista, ma anche il fatto che il Milan raggiunga certi risultati con alcuni giocatori scartati dall’Inter fa riflettere un pochino….
    Io opteri per continuare a parlare di vino, che forse è argomento di comune accordo (o quasi). Salutoni e auguri. Daniele.

  10. CHI SI PERDE IN PARTITE DI CALCIO COL RUBA RUBA CHE C’E’ NON MERITEREBBE NEANCHE UN COMMENTO..AUGURI ITALIA SFRACELLONA…CHE NON VEDE I VERI PROBLEMI E SI BEA IN PARTITE RUBATE!
    IL TROGLODITA………..
    CI MERITIAMO BERLUSCONI E PRODI PERCHE’ SIAMO UN POPOLO DI COGLIONI……………………….

  11. Ti confesso, Franco, che un po’ di invidia la provo…….Bisogna solo dirgli BRAVI! Sono tanto forti nella gara “secca” dove c’è in palio la posta grossa…che deboli,quasi demotivati, in tutte le altre gare. Spero solo che presto arriveremo a disputare quelle partite….vorrebbe dire che avremmo finalmente rivinto dopo qualche decennio la Champions …….

  12. Il Milan ha vinto un’altra coppa intercontinentale che verra’ aggiunta a quelle che fanno bella mostra di se’ nella reggia del calcio, lo stadio di San Siro. Viva il Milan. Non l’ho mai gridato cosi forte, e te lo dico da nerazzurro, senza nessuna invidia, perche’ bisogna sfatarla prima o poi questa storiaccia che tra noi e loro ci sia una sorta di malcelata insopportabilita’. Chi dovfremmo “sopportare”? C’e’ forse una seconda squadra di calcio a Milano oltre all’Inter?

  13. Caro Franco,
    noi condividiamo le stesse passioni: il Barolo e l’Inter. Ma con la differenza che io non ho mai visto nè capitan Zanetti, nè Bergomi prima, alzare la coppa con le orecchie e purtroppo devo ammettere che un po’ di invidia la provo! Non tanto per il valore agonistico visto in questa competizione così diversa dal passato, ma in quanto i cuginastri sono stati ad Atene e noi no!
    Domenica purtroppo sarà un derby come tutti gli altri dove se vinceremo, ci saranno in palio solo i tre punti e non la coppa.
    (Vi ricordate i francesi che vedevano una rivincita del mondiale, in una semplice partita del girone di qualificazione degli Europei???)
    E’ vero noi siamo tecnicamente i più forti, ma abbiamo dimostrato (vedi Villareal e Valencia) di essere la solita Inter nelle partite andata-ritorno, ovvero quella di avere paura di noi stessi!!!
    Infine, a chi dice che il nostro presidente ha speso un sacco di milioni di Euro per fare una rosa così, dico che è vero ma in quanti ricordano che il Presidente Berlusconi, vent’anni fa’, quando ha iniziato il “ciclo Milan”, aveva fatto lo stesso? Ovvero quello di metter a disposizione di Sacchi, a suon di miliardi del vecchio conio, una rosa così ampia che nessuna squadra in Europa si poteva permettere, nemmeno il Real di Butragueno e Hugo Sanchez!!!
    Berlusconi sogna un trio brasiliano delle meraviglie con Kakà, Pato e Ronaldo? E perchè non aggiungere anche Adriano?
    Dopo questa affermazione chiedete come si sentono Inzaghi e Gilardino?
    Scusate se mi sono dilungato e FORZA INTER!!!
    Enosaluti,
    Ivano Antonini

  14. Da povero sfigato genoano dico agli interisti (gente che, diamogliene atto, negli anni ha imparato a soffrire e tanto basta a renderla simpatica) di ricordare che il Milan è adesso il club più titolato del pianeta. A me i rossoneri non stanno simpatici (a partire ovviamente dal presidente) ma è impossibile negare che negli ultimi vent’anni nessuno al mondo è stato alla loro altezza. Comunque continuo a dire, contro ogni evidenza, che quest’anno lo scudetto lo vince la Roma. Sette punti non sono poi così tanti…

  15. Caro Ziliani , credo che prima di pretendere di conoscere il calcio e quindi di giudicarlo bisogna averlo giocato e vissuto dall’interno.Io per mia fortuna e con grossi sacrifici ho potuto vivere questo grande sport anche nella sua Inter nel suo periodo migliore,con il grande Helenio che mi faceva correre come un matto!! Se posso darle un consiglio: continui a parlare di vino , il calcio è un altra cosa.Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *