Operazione nostalgia: Gino Cervi – Maigret in DVD

Operazione nostalgia ieri sera a casa Ziliani. Catturato dal volto di Gino Cervi colto tra mille altre cose in edicola mi sono portato a casa e mi sono gustato, in compagnia di mia moglie, il primo di una serie di Dvd editi dalla Fabbri editore (vedi) dedicati alle celebri Inchieste del commissario Maigret (dai romanzi di George Simenon) trasmessi dal 1964 al 1972 dalla Rai.
Episodi rigorosamente girati e riproposti in bianco e nero e tutto il fascino (legato anche al fatto che a quell’epoca eravamo molto ma molto più giovani, entusiasti ed ingenui e che la visione di quei filmati si ricollega e rievoca tanti episodi della nostra vita, anche alle prime bottiglie di vino “serio” viste in casa mia, un Dolcetto e un Barolo della Poderi Einaudi acquistate da mio padre nella prima Esselunga milanese) dovuto alla presenza di un volto caro come quello di Gino Cervi (grande attore bolognese indimenticabile interprete anche di Peppone nella serie di film tratti dai capolavori di Giovanni Guareschi) che di Maigret rappresenta uno dei migliori interpreti possibili, anche a detta dello stesso Simenon.
Che fascino quel Natale di Maigret visto ieri sera, con deuteragonisti come la dolcissima Andreina Pagnani, l’ironico Mario Maranzana, il grande Andrea Checchi e altri attori di vaglia e caratteristiche che sarebbe lungo citare!
Un fascino unico, legato all’impostazione rigidamente teatrale dell’episodio, con scene tutte girate all’interno e nemmeno uno scorcio esterno di quella Parigi dove Maigret svolgeva gran parte delle proprie indagini, alla grandezza quasi gigioneggiante di attore di Cervi, che ci offre un Maigret bonario, leggermente severo, ma profondamente buono d’animo, ben diverso dai Maigret impersonato da quei grandissimi attori del cinema francese che hanno interpretato il commissario frutto della geniale fantasia di Simenon, da Jean Gabin (vedi) a Michel Simon sino a quel Bruno Cremer che a mio avviso, soprattutto grazie agli affascinanti episodi girati da France 2 in collaborazione con la Télévision Suisse Romande e proposti anche in Italia da Retequattro, costituisce (vedi) l’interprete più inquietante e fascinoso di Maigret, capace di rendere le sottili inquietudini, l’acuta psicologia dell’uomo, prima che del commissario Maigret.
Ma questo Cervi e quella Pagnani che giganti della recitazione e del teatro e quale nostalgia per la grandezza di una Rai bambina quasi ma cento volte migliore di quella di oggi, capace di fare cultura, mais oui!, con gli sceneggiati televisivi d’autore e anche con questi episodi della serie Maigret – Cervi – Mario Landi (il bravissimo regista) che non mancherò di acquistare senza perdermene uno solo, man mano che la Fabbri li manderà in edicola…
Quanto a ieri sera, ci mancava solo la malinconica voce di Luigi Tenco (ascolta) a cantare Un giorno dopo l’altro, la sigla del Commissario Maigret Rai d’antan e l’operazione nostalgia sarebbe stata perfetta…

0 pensieri su “Operazione nostalgia: Gino Cervi – Maigret in DVD

  1. Pingback: ItalyFilm Blog » Operazione nostalgia: Gino Cervi – Maigret in DVD

  2. Pingback: Blog Cinema » Operazione nostalgia: Gino Cervi – Maigret in DVD

  3. Giacchè hai dato la stura ai ricordi, il mio pensiero affettuoso va anche al Nero Wolfe di Tino Buazzelli, che in più era un fine buongustaio (Wolfe, dico).

  4. “…Che fascino quel Natale di Maigret visto ieri sera, con deuteragonisti come la dolcissima Andreina Pagnani, l’ironico Mario Maranzana, il grande Andrea Checchi e altri attori di vaglia e caratteristiche che sa..”
    Oggi chiamano attrice tale Manuela Arcuri

  5. beh io l’operazione amarcord l’ho fatta cierca 4 anni fa quando
    http://www.elleu.it ha messo in vendita tutte le serie televisive RAI
    penso sia ancora disponibili i 18 DVD di Maigret (quattro serie
    dal 1966 al 1972 … quanti cambiamenti nelle atmosfere) con i
    grandissimi Cervi e Pagnani, ma anche Andrea Checchi, Volonte’
    e altri), poi ho comprato anche i 10 DVD di Nero Wolfe, in una
    unica soluzione, con gli impareggiabii Buazzelli, Ferrari e DeLuca

    confermo che rispetto ad ora e’ un’altro mondo, saranno anche lenti
    ma la recitazione degli artisti lascia bocca aperta!

  6. Caro Franco,
    ho cercato a lungo di resistere, ma alla fine ho ceduto. E allora eccomi a rievocare, oltre al grande Maigret e all’insuperabile Nero Wolfe (davvero strepitoso: ne possiedo la collezione completa), alcuni magnifici sceneggiati dell’epoca, tra i quali il sontuoso, entusiasmante “Il segno del comando” (da non perdere la riedizione in dvd della Elleu, con schede e notizie), il meno bello ma epico “Amaro caso della Baronessa di Carini” (tanto per vedere quant’è brutto il recentissimo rifacimento!), ambedue con Ugo “sugo” Pagliai (il primo però con l’enigmatica Carla gravina, il secondo con la fulgente Janet Agren), il misconosciuto ma affascinante “La pietra di luna” (singolare intreccio angloindiano) e altre piccole gemme come “Un certo Harry Brandt”, “Giocando a golf una mattina”, “Coralba”, “A come Andromeda” (magnifica fantascienza in b/n con il compianto Luigi Vannucchi, quello della grappa Piave, ricordate?). Senza dimenticare la serie “La donna di…” del leggendario Sheridan/Lay. E che dire del “Mastino dei Baskerville” di Conan Doyle interpretato da Nando Gazzolo?
    Meno bello, invece, il tardo “Ritratto di donna velata”, con la colonna sonora di Berto Pisano.
    Poi venne la tv a colori e la ridoppiatura di Stanlio e Ollio, con Giorgio Ariani al posto di Sordi…fate voi.
    Vabbè, fine del flash nostalgico.
    Ciao,

    Stefano

  7. Condivido i pensieri espressi sopra e riguardanti le sensazioni che riesce a trasmetterti uno degli sceneggiati di Maigret in versione Cervi-Pagnani. Io a casa ho la raccolta completa sia in vhs che in dvd e da qualche tempo mi sono messo a vedere anche gli “altri” Maigret, quelli impersonati da Cremer (bravissimo) e dall’altro attore francese (non Gabin, ma quello con i basettoni…) del quale mi sfugge il nome e che comunque è uscito di recente in edicola (una decina di episodi).
    Cervi non si batte e probabilmente sarà perchè a me ed a tanti altri quel Maigret ricorda una infanzia in bianco e nero carica di nostalgia e di cose semplici…
    Sto apprezzando moltissimo il Maigret impersonato da bruno Cremer e mi sto registrando (molti però le ho prersi) gli episodi che manda in onda rete 4. Aspetto con ansia che tutta la serie venga trasferita su dvd e venduta in edicola. Un paio di anni fa in Francia trova il pirmo dvd della serie, lo comprai con la speranza che tra le varie lingue ci fosse anche la versione in italiano, ma niente da fare.
    Se qualcuno di voi ha notizie in merito (Maigret/Cremer in circolazione su dvd), lo pregherei di farmelo sapere…
    Grazie e un saluto a tutti gli appassionati delle “fiction” in bianco e nero…
    Mauro da TERNI

  8. 07/07/2009
    Anch’io sono un “innamorato” di maigret; possiedo tutti i romanzi e racconti (in varie edizioni) ed ho acquistato le serie DVD con Cervi e quello coi basettoni (M. Simon?). Anch’io quando me ne accorgo guardo e registro quelli con B. Cremer e faccio la stessa domanda: esiste questa serie in DVD o Video cassetta in italiano? da chi la si può acquistare? grazie a chiunque saprà fornire indicazioni in merito. Claudio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *