Franciacorta wine tasting in London: i vini in degustazione

L’ho già scritto, in inglese, come mio commentary per The World of Fine Wine (sito Internet, con possibilità di accendere un abbonamento a prezzo scontato per i lettori di questo blog, vedi qui) e per un nuovo wine blog in inglese, che imparerete a scoprire (ma che mi auguro scopriranno i wine enthusiast di tutto il mondo) e posso ora scriverlo, traducendomi, anche in italiano.
I numeri parlano chiaramente: su 27 Franciacorta Docg degustati lunedì 12 febbraio a Londra, di annate varianti dal 2004 al 1999 (c’erano anche degli NV naturalmente) ben 17, una percentuale altissima di vini, ovvero quasi il 63%, hanno ottenuto un punteggio medio molto positivo variante da 15/20 a 18/20.
Cinque dei 27 vini hanno ottenuto un punteggio superiore a 16,5/20, ovvero una soglia qualitativa che la rivista britannica definisce di “outstanding wine of great beauty and articulacy”.
Pertanto abbiamo tutti i motivi di proclamare che la maggior parte dei vini Franciacorta Docg degustati sono apparsi al panel tasting (Margaret Rand, Tom Stevenson ed il vostro modesto cronista) vini di livello da eccellente a straordinario.
Io stesso, che pure il e la Franciacorta ben conosco, ho trovato un notevole numero di vini di buona personalità e finezza, di stile molto piacevole e grande bevibilità, anche le più ambiziose “cuvée de prestige” e millesimati con 3-4-5 o più anni sui lieviti.
Non so se si possa parlare di un vero e proprio Franciacorta style che differenza lo spumante della zona bresciana letteralmente “inventata” agli inizi degli anni Sessanta dal mio omonimo, dagli altri metodo classico italiani, dagli sparkling wines del Nuovo Mondo o dagli Champagne.
In parecchi vini, anche i vini migliori, non ho trovato francamente la grande complessità, il carattere peculiare e saldo, il senso del terroir che rende unici e speciali i più grandi Champagne. I migliori Franciacorta combinano un frutto maturo e succoso con buon corpo e struttura, grande freschezza e una vibrante acidità ed il risultato sono vini molto equilibrati e food friendly, ovvero particolarmente adatti per essere apprezzati a tavola. Io ho particolarmente apprezzato i Brut e gli Extra Brut e qualche cremoso Satèn oltre ad alcuni non millesimati.
Tra le annate, grande sorpresa per il 2002 (apprezzato molto anche da Margaret Rand sopra nella foto, con l’editor Neil Beckett) e conferma per il 2001, ma anche i 2000 ed il solo 1999 presente, hanno ricevuto alti punteggi da me, i più alti, con la sola eccezione di un ottimo Satèn 2004 ancora molto giovane ma con un bel potenziale di evoluzione nel tempo. In definitiva sono molto soddisfatto, come italiano, della performance dei 27 Franciacorta Docg nel corso della nostra degustazione fatta nel Champagneshire, pardon, nel Regno Unito… E soprattutto da un grandissimo esperto di Champagne, ma molto sensibile ed in grado di cogliere anche i pregi del Franciacorta, come Tom Stevenson (nella foto in compagnia della editor Sara Basra).
Tra qualche giorno alcune note di degustazione, che dovrò tradurre al volo dall’inglese in cui sono state scritte, dei vini che mi sono maggiormente piaciuti.
Ecco invece, come qualcuno ha richiesto e non é un problema dichiarare, (quanto a the winner is non voglio togliere alla rivista l’effetto sorpresa) l’elenco, in ordine di servizio, preparato dal responsabile delle degustazioni, l’ottimo amico Stuart George, nella foto, dei vini che abbiamo degustato, ovviamente alla cieca.

Franciacorta Brut Satèn NV Cavalleri
Franciacorta Satèn Magnificentia NV Uberti
Franciacorta Brut Enrico Gatti
Franciacorta Cuvée Prestige NV Cà del Bosco
Franciacorta Brut San Cristoforo
Franciacorta Extra Brut NV Faccoli
Franciacorta Dosaggio Zero NV Colline della Stella
Franciacorta Satèn 2004 Barone Pizzini
Franciacorta Satèn 2004 Monzio Compagnoni
Franciacorta Brut 2003 Fratelli Berlucchi
Franciacorta Brut Cabochon 2003 Monte Rossa
Franciacorta Brut 2003 Il Mosnel
Franciacorta Satèn Ante Omnia 2002 Majolini
Franciacorta Cuvette Brut 2002 Villa
Franciacorta Brut 2002 La Montina
Franciacorta Brut 2002 Ronco Calino
Franciacorta Satèn 2002 Montenisa
Franciacorta Satèn 2002 Ricci Curbastro
Franciacorta Extra Brut Comarì del Salem 2002 Uberti
Franciacorta Bagnadore Extra Brut 2002 Barone Pizzini
Franciacorta Satèn Selezione 2001 Villa
Franciacorta Gran Cuvée Pas Operé 2001 Bellavista
Franciacorta Cuvée Annamaria Clementi Zanella 2001 Cà del Bosco
Franciacorta Contessa Maggi 2001 Montenisa
Franciacorta Extra Brut Vittorio Moretti 2001 Bellavista
Franciacorta Extra Brut 2002 Ferghettina
Franciacorta Cuvée Annamaria Clementi Zanella 1999 Cà del Bosco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *