Ma con questa “squadra” come possono pensare di vincere?

Secondo le ultime indiscrezioni che appaiono sui giornali di oggi – leggi – questa potrebbe essere la squadra del nascente governo Berlusconi tris, uscito legittimato dal voto del 13-14 aprile.
Leggete i nomi:
Franco Frattini (Esteri); Roberto Maroni (Interni); Elio Vito (Giustizia); Ignazio La Russa (Difesa); Giulio Tremonti (Economia); Claudio Scajola (Sviluppo economico/Attività produttive); Maurizio Sacconi o Gianni Alemanno (Welfare, con un tecnico come sottosegretario alla Sanità); Mariastella Gelmini (Istruzione); Altero Matteoli (Infrastrutture); Luca Zaia (Agricoltura); Sandro Bondi (Beni Culturali); Paolo Bonaiuti (Rapporti col Parlamento).
Uniche novità, l’esclusione di Michela Vittoria Brambilla dal ruolo di ministro dell’Ambiente (affidato a Stefania Prestigiacomo) e l’ingresso di Raffaele Fitto e Angelino Alfano a due dicasteri senza portafogli (rispettivamente Affari Regionali e Funzione Pubblica).
Confermati Gianfranco Fini e Renato Schifani alla presidenza della Camera e del Senato e Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri capigruppo del Pdl a Montecitorio e a Palazzo Madama”.
Tolti alcuni nomi su cui francamente non avrei nulla da dire, Tremonti in primis, quindi Frattini, Maroni, Zaia, la Prestigiacomo, forse l’ex ministro della Regione Puglia Fitto, mi chiedo se possa davvero essere questa la “formidabile” squadra, se possano essere queste le intelligenze e le competenze con le quali si può pensare di vincere il difficilissimo “campionato” della situazione economica italiana e dare all’Italia un “buongoverno” capace e determinato che possa fare bene e durare una legislatura.
Con Bondi ai Beni Culturali, La Russa alla Difesa , Vito (ma chi è, che competenze ha?) alla Giustizia, la Gelmini all’Istruzione, Matteoli alle Infrastrutture, ci manca solo qualche giocatore del Milan ad un ministero inventato per la bisogna, e poi, “ciliegina sulla torta” Schifani, ho detto Schifani, lo ripeto, Schifani, alla seconda carica dello Stato, presidente del Senato, e Fini presidente della Camera?
Presidente Napolitano, faccia resistenza, si rifiuti di avallare e di dare la sua firma ad un governicchio politico e tutt’altro che competente del genere!
Dal canto mio, pur continuando a dichiararmi risolutamente di destra, ma di una mia idea di destra che questi non rappresentano minimamente, come sono felice di non aver avallato con il mio voto l’affermazione di questa maggioranza e del suo A.D. e padrone e la nascita di un governo, che solo a leggerne i nomi fa persino rimpiangere il governo Prodi (ed è tutto dire)!
Di fronte a questa armata Brancaleone come non esclamare “a ridatece Mastella”?

0 pensieri su “Ma con questa “squadra” come possono pensare di vincere?

  1. basta guardarlo, basta sentire come parla per indignarsi che la seconda carica dello Stato, la presidenza del Senato (!!!) tocchi ad un personaggio del genere. Sveglia Tommaso, togliti l’anello dal naso, che sei giovane, sveglio e intelligente! La fedeltà ad un’idea e ad una causa politica, da parte tua, non deve necessariamente passare per l’accettazione di cose allucinanti come la scelta di Schifani per la presidenza del Senato. Non diventi un bolscevico sovversivo se anche tu, come me, e come tanta gente normale, esprime sconcerto e perplessità per una squadra di governo tanto scombiccherata e per la scelta di un personaggio come quello sopra nominato per la presidenza del Senato…

  2. Guardando la maglia che hai scelto per la foto, mi viene da sognare. Ma se ci fossero Cudicini, Hamrin, Rosato, Trapattoni, Schnellinger, Lodetti, Mora, Rivera, Altafini, magari con premier Rocco eccetera chissa’ quanti bei consensi, vero? Te le ricordi, Franco, le sfide con quel Milan? Forse no, perche’ hai qualche anno meno di me ed io ero appena adolescente allora, gia’ interista, ma che bel Milan!!!

  3. perché quella era una squadra, anche se non la mia squadra del cuore, che come sai é nerazzurra, mentre questa che s’annuncia é solo un’armata Brancaleone… Questi sembra che facciano di tutto per dare “argomenti” ad un populista demagogo come Grillo…

  4. Teoricamente sono per una compagine governativa composta esclusivamente da politici puri. Questi demanderanno poi ai tecnici la realizzazione pratica delle idee da essi proposte. Sono quindi per l’assoluta assenza di tecnici nei ruoli di ministro.
    Però sono d’accordo con Ziliani quando dice che determinati politici siano “impresentabili” almeno in quei ruoli (….ad esser buoni).
    Bondi mi risulta difficile crederlo così competente, Schifani idem ma quel che è peggio un Larussa alla Difesa. Ecco su questo ruolo di ministro della difesa ho una vera e propria pregiudiziale antifascista o antiexfascista data proprio per il ruolo molto sensibile che andrebbe a ricoprire.
    Comunque nei prossimi anni ne vedremo delle belle, ci sarà andata di lusso se non saremo ai livelli dell’Argentina del 2000.
    Evidentemente noi abbiamo sbagliato e molto. Stiamo pagando amaramente i nostri errori.
    Come pagheranno quei milioni di Italiani medio piccolo borghesi o dipendenti che hanno creduto Berlusconi come tutore benefico dei loro interessi.

    Ciao

  5. Caro Ziliani, mi trova dinuovo d’accordo!
    Parto da una visione da sconfitto delle ultime elezioni, ma purtroppo se questa sarà la squadra dovremo dinuovo vergognarci diverse volte, soprattutto all’estero, di essere cosi male rappresentati.
    Nel centro destra ci sono sicuramente persone capaci e di spessore etico e culturale, ma se il massimo che possiamo trovare si chiamano Schifani e Vito, siamo messi davvero molto molto male! Spero che queste previsioni siano fasulle, un pò come quando ci dicono che piove e poi…ci troviamo una bellissima giornata di sole…

  6. Non è per difendere Schifani, ma anni fa, all’epoca della sua ascesa come capogruppo, l’Espresso pubblicò un articolo su di lui e la sua attività di avvocato. Un articolo che, nel tentativo almeno parziale di denigrarlo, in realtà gli attirò molti consensi.
    Alla fine non è un ministro, la seconda carica dello Stato è uno che smista gli interventi e che suona il campanello quando c’è troppa gazzarra.

  7. Vito alla giustizia? Si sono bevuti il cervello. Non veniva manco più mandato nelle trasmissioni tv ed ora farebbe il ministro? Povero berlusca.

  8. Farina, vieni giù dalle piante, ti prego! Il Presidente del Senato é la seconda carica dello Stato dopo il Presidente della Repubblica: dovrebbe essere una figura dall’indiscutibile alta statura morale, autorevole, possibilmente super partes. Proprio quello che Schifani NON E’

  9. Accidenti, Ziliani, come faccio a non intervenire….Mi ribolle l’anima nel leggere questo toto-ministri. Il solito manuale Cencelli? Come si fa a non capire che bisogna tirare fuori “IL MEGLIO” e anche gli attributi, che diamine!!! Non ci sono scuse.Con tutto il rispetto per lorsignori, ci vuole che il futuro capo del governo abbia più coraggio che mestiere: solo per questo è stato votato. Non si può e non ci si può accontentare di nulla di meno del meglio. Aggrappata ad una illusione da anima pura? Forse. Ma meglio così che ruffiana. I miei ideali meritano rispetto.

  10. mi rattrista vedere tanti giovani legati ad un idea partitica e non riescono a valutare le persone!…sul forum gr ne ho avuto idea ben precisa di dove sta precipitando l’Italia…davanti ad interviste e prove i peones attaccano insultando dandomi del comunista perche’ parlo di etica!..io che comunista non lo sono mai stato!
    E comunque vedremo col tempo…..

  11. definirli armata brancaleone è un complimento infatti ci accorgeremo nei prossimi 5 anni cosa saranno capaci di fare resta il fatto che gli italiani li hanno votati peggio perloro

  12. Maroni e Frattini, indipendentemente da tutto sono seri e rigorosi.
    Di Gelmini e Zaia so poco o niente, quindi inutie dire.
    Il resto è il lesso della domenica rifatto in umido il lunedi.
    Personaggi che si conoscono e abbiamo già dato, ma Bondi ministro….. è indubbio che la figura del cortigiano alla fine paga.
    Anche Schifani, Presidente del Senato, seconda carica dello Stato, ne potremo venire risparmiati, ma forse non è serietà,sobrietà e autorevolezza che fanno un presidente dei Senatori, bensi la lingua felpata al grande timoniere.

  13. vatti a leggere….e non solo ho dovuto incazzarmi l’altra notte con un paio di forzanovisti….quando gli ho parlato di etica nella politica…..mi han dato dello sporco comunista…avevo il pc in sala acceso gli ho fatto vedere alcune interviste fra cui una di borsellino(notoriamente msi) pochi giorni prima che lo ammazzassero parlare di collusioni…..con nomi e cognomi orsu signorino, bisogna saper vedere chi si ha votato, e questi: tutte cagate, manipolati!…..finche’ esistono celoduristi e italioti di questo tipo l’italia dovra’ salutare l’europa con la manina.
    sul forum gr ci sono tre personaggi interessanti; pietro 5 fabius 81 e Albertone…..i giovin e lucidi e sopratutto sinceri giovani di destra, che incalzati di domande sul nano con i video messi in onda sul forum non han saputo rispondere se non con insulti.

  14. confermo quanto detto da Adriano riguardo i giudizi ricevuti in questo ultimo mese da alcuni frequentatori del forum GR …
    gente che non sa che Adriano nei primi anni di quel forum ha sempre
    espresso simpatie per la Lega, credo quella originaria, ma di allora c’erano e mancano persone del calibro di Formentini;
    del resto Adriano argomentare le proprie idee non e’ facile (mi riferisco ai 3 da te citati)
    se Ziliani continua cosi’ potrebbe capitare anche a lui sentirsi dare del comunista e sovversivo (non solo del mondo del vino)
    tornando al toto ministri, non mi sembra di ricordare un Frattini
    all’altezza di cio’ che mi aspetto da un ministro degli esteri, la volta scorsa lo ricordo come ‘assente’ e ossequiente a B.

  15. Come il Franco qui sopra sono anch’io comunque uno “sconfitto” di queste elezioni ma comunque vedo positivamente la semplificazione del nostro sistema politico che dia luogo ad un sistema di alternanza capace comunque di governare.

    Pero’ ho parecchio da dire su quello che tale compagine di governo rischia di lasciare in eredita’ a un qualunque governo futuro, a partire all’arroganza con cui Berlusconi ha cercato di ammonire la Commissione Europea a non prendere decisioni sbagliate sul prestito Alitalia (cioe’ la bocciatura del prestito) quando e’ evidente che la Commissione non puo’ che bocciare tale (ennesimo) aiuto di stato in contravvenzione a precise regole europee. Immagino che il governo Berlusconi non rispettera’ la decisione e si fara’ portare alla Corte di Giustizia per prendere tempo (sic).

    Ho pero’ anche parecchio da dire su un Tremonti di arroganza pare alla cattiva fede dimostrata che l’altra sera in televisione accusava la globalizzazione e la Cina di ogni disastro italiano, con lo scopo poter diminuire le proprie responsabilita’ passate (e future) come ministro dell’economia.

    Ci vuol ben altro che questo per tirar fuori l’Italia dalle secche in cui si trova ormai (e da cui nulla ha fatto sicuramente il governo precedente per trarla in salvo).

  16. quando pensate agli immani impegni che la nuova “squadra di governo” dovrà affrontare, non dimenticate – e come si potrebbe farlo? – l’emergenza rifiuti della Campania. Un articolo come questo
    http://www.repubblica.it/2008/04/sezioni/cronaca/rifiuti-7/rifiuti-7/rifiuti-7.html
    ci aiuta a ricordare che la catastrofe é dietro l’angolo, questione di mesi…
    aggiungo che tra le tonnellate di cose da affrontare ci sono anche la questione Alitalia e le assurdità legate all’eccessivo numero di aeroporti italiani e alla loro gestione sconclusionata evidenziate domenica sera da questa esemplare puntata di Report cui potrete nuovamente assistere tramite questo link: http://www.rai.tv/mpplaymedia/0,,RaiTre-Report%5E23%5E79349,00.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *