I Barolo di La Morra in degustazione ad Alba Wines Exhibition

Come promesso ecco l’elenco dei Barolo 2004 di La Morra in degustazione ad Alba Wines Exhibition da cui è nata la mia valutazione, complessivamente negativa, oggetto del post – leggi – sui “noiosi, incorreggibili lamorresi”.
Aurelio Settimo Barolo
Aurelio Settimo Rocche
Bocchino Eugenio La Serra
Bocchino Eugenio Lu
Bosco Agostino Barolo
Cascina Adelaide Fossati
Cascina Ballarin Bricco Rocca
Dosio Vigneti Barolo
Franco Molino Rocche dell’Annunziata
Gagliasso Mario Rocche dell’Annunziata
Gagliasso Mario Torriglione
Gianfranco Bovio Vigna Arborina
Gianfranco Bovio Vigna Gattera
Gianni Gagliardo Serre
Marengo Mario Barolo
Molino Mauro Vigna Conca
Molino Mauro Vigna Gancia
Monchiero fratelli Roere
Monfalletto Cordero di Montezemolo Bricco Gattera
Poderi e Cantine Oddero Brunate
Poderi Marcarini Brunate
Poderi Marcarini La Serra
Renato Ratti Conca
Renato Ratti Marcenasco
Revelli fratelli Vigna Giachini
Revello fratelli Vigna Conca
Rivetto dal 1902 Leon
Rocche Costamagna Bricco Francesco
Rocche Costamagna Rocche dell’Annunziata
Silvio Grasso Bricco Luciani
Silvio Grasso Ciabot Manzoni
Stroppiana Oreste Vigna San Giacomo
Tenuta l’Illuminata Tebavio
Veglio Mauro Rocche dell’Annunziata
Vietti Brunate
Voerzio Gianni La Serra.

Mancavano tanti vini, che (forse) avrebbero potuto modificare e rendere meno negativo il giudizio, che è stato pienamente positivo solo su pochi vini, di cui ricordo i nomi:
Torriglione e Rocche dell’Annunziata Mario Gagliasso
Brunate di Vietti, Rocche e Barolo annata Aurelio Settimo
Rocche dell’Annunziata e Bricco Francesco Rocche Costamagna
Vigna Gattera e Vigna Arborina Gianfranco Bovio
Cerequio Michele Chiarlo.
Abbastanza bene, ma senza entusiasmi
Serre Gianni Gagliardo
Vigna San Giacomo Stroppiana
La Serra e Lu Eugenio Bocchino
Vigna Gancia e Vigna Conca Mauro Molino
Marcenasco Renato Ratti.

Lo ripeto e lo ribadisco: a La Morra, con il Barolo, si può e si deve fare di più e soprattutto avviare una riflessione, che potrebbe vedere l’attivissima Cantina comunale di La Morra (sito) nel ruolo di promotore, su una stilistica che continua ad essere scelta da molti ma che ormai mostra la corda e che rende oggettivamente molti Barolo di La Morra “figlio di un dio minore” barolesco.

0 pensieri su “I Barolo di La Morra in degustazione ad Alba Wines Exhibition

  1. Caro Franco;
    Al proposito, per pranzo ho aperto un 1997 Barolo Rocche del compianto Aurelio Settimo, vino grandioso, pieno di emozioni e gratitudine. Forse era un annata diversa, ma per lo stile non siamo anni luce in distanza.
    Speriamo in bene.
    Grazie

  2. Franco,
    scusami se mi permetto vorrei rispondere a quel gentiluomo di “Edoardo”..
    Grazie per i suoi gentili commenti “positivi” sulle Rocche dell’Annunziata.. ( il concentratore non l’abbiamo mai avuto,bensi la concentrazione è frutto di coloro che in vigna sanno lavorare per la qualità ..)
    Perchè non viene in cantina e le spieghiamo un po di questo meraviglioso cru, chi lo produce e non lo giudica, magari con annate diverse cosi sarà piu libero di sentenziare gratuitamente..
    Luca Gagliasso

  3. caro Gagliasso, il “coraggioso” cialtrone che si firmava, nascondendosi perché é un codardo, dietro il nickname di moreover57, dopo aver sparato le sue scempiaggini si é volatilizzato dimostrando di che razza di personaggio si tratti. Non ti curare delle sue idiozie, so bene che voi, a differenza di altri produttori di La Morra, che lo usano, con i risultati che ho descritto, il concentratore non lo avete e non lo usate. Quanto ai vostri vini, continuerò a sostenerli, perché anno dopo anno dimostrano una personalità e una capacità di esprimere al meglio i terroir di La Morra, che merita di essere sottolineata.
    p.s. ho visto che si é volatilizzato anche quel Davide difensore a spada tratta e a prescindere della grandezza dei vini di La Morra, evidentemente dopo aver provato a darmi dell’incompetente e aver messo in dubbio che sapessi di cosa stessi parlando, si é fatto un esamino di coscienza e ha preferito tacere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *