Brunello di Montalcino: la parola ai vini (note d’assaggio sui 2003)

Si sono scritte, ho scritto – doverosamente – tante cose poco simpatiche o negative su quanto è avvenuto e continua ad accadere a Montalcino con lo scandalo dei Brunello “corretti” al Cabernet o al Merlot e su una vicenda che ha rischiato di compromettere l’immagine di questo grande vino toscano e italiano, la massima espressione del Sangiovese.
Mi sembra doveroso, a questo punto, pur ripromettendomi di tornare sulla vicenda ogni volta che l’attualità e gli accadimenti me ne daranno motivo, che tornino i vini, con quanto hanno di buono da dire e da raccontare, a parlare.
Ecco perché, solo oggi, ho pensato di pubblicare, alcune semplici note di degustazione dei migliori Brunello di Montalcino della non semplice e non grandissima annata 2003 che ho avuto modo di degustare lo scorso febbraio a Montalcino, nel corso della manifestazione Benvenuto Brunello, oppure al Vinitaly, nei giorni convulsi della sparata dell’Espresso su “Velenopoli”.
Sono vini, questi, che “parlano” esclusivamente Sangiovese e costituiscono, con la sola eccezione del vino di Poggio di Sotto e di Giulio Salvioni, decisamente più cari, delle autentiche blue chips in termini assoluti di qualità e di rapporto prezzo-qualità.

Il Colle
naso fresco vivo floreale, sapido con bella articolazione e sapidità scattante, ben articolato, frutto succoso, tannini ben sottolineati lungo e pieno, di notevole personalità.
Le Gode
colore rubino brillante luminoso, bel naso fresco vivo, con ciliegia succosa fresca viva in evidenza, molto elegante. Al gusto mostra una materia succosa, con freschezza, acidità calibrata, bel sostegno tannico, molto “salato” e articolato nel finale.
Villa a Tolli
colore bellissimo, rubino vivo, splendente, profumi di macchia mediterranea e alloro, molto vivace, naso minerale di grande precisione e freschezza, in bocca ha notevole energia, frutto vivo tannini ben sottolineati e finale lungo e persistente.
Gorelli Le Potazzine
colore rubino violaceo intenso, ai profumi mostra bella freschezza e sapidità floreale e carattere terroso. In bocca salda costruzione, bellissimo frutto succoso pieno consistente lungo, tannini ben rilevati e carattere spiccato.
Poggio dell’Aquila
bella vivacità di colore naso molto floreale e lineare, in bocca buon frutto, bella materia ricca salda struttura tannica piacevole
Citille di Sopra
colore rubino violaceo intenso brillante, mostra un naso cremoso denso caldo fitto, di buona consistenza terrosa. Al gusto ha nerbo sapido, carattere, ottima articolazione finale lungo e persistente

Pecci Celestino
colore rubino violaceo intenso, naso effusivo dolce maturo, pieno con note terrose e selvatiche, in bocca bella materia ricca, polpa, salda struttura tannica, notevole lunghezza
Capanna Patrizio Cencioni
colore rubino violaceo vivo, mostra un naso austero, intensamente minerale e petroso, sapido, al gusto ha bella energia, ricco, pieno ha carattere e polpa con finale lungo
Col d’Orcia
naso caldo alcolico, con buona compattezza del frutto e articolazione, in bocca ha buona estrazione, frutta matura tannino saldo, consistenza terrosa e carattere
La Velona Monade 90
bel naso fresco e vivo con note terrose in evidenza. Bocca di media intensità, piacevole elegante, con una certa sapidità, buon equilibrio frutto succoso e pieno
Uccelliera
colore rubino vivace brillante, naso ancora misterioso e in sé, con tendenza dolce buona ricchezza e consistenza, in bocca frutto vivo e succoso buona lunghezza e carattere terroso spiccato
Innocenti

naso fitto e maturo con prevalenza del carattere selvatico animale, ha bella consistenza, un bel tannino terroso bella lunghezza e continuità saporito e ricco nel finale
Tenuta di Sesta
colore rubino intenso brillante, mostra bella vivacità a naso. In bocca buona dolcezza e intensità, con frutta matura in evidenza, accenni selvatici, una buona costruzione tannini saldi e terrosi piuttosto lungo e persistente
Abbadia Ardenga
bellissima vivacità e brillantezza del colore, naso molto vinoso con frutto maturo ed espansivo, in bocca frutto polputo dolce, molto fresco e vivo e piacevolezza quasi da Rosso
Castello Tricerchi
naso intensamente floreale, sapido terroso, di buona fragranza e freschezza minerale, gusto rotondo succoso di buona consistenza e dolcezza ha spalla salda e tannini ben rilevati
Coldisole
naso floreale selvatico di una certa freschezza e sapidità con note di sottobosco, viola e leggera speziatura. Molto elegante e sapido al gusto, con salda struttura tannica terrosa lunga e persistente
Le Macioche
un bel naso fresco vivo floreale con una ciliegia matura ben rilevata, al gusto bella materia ricca, tannino ben sottolineato, terroso e molto persistente
Sesta di Sopra
colore rubino di media intensità e brillante, naso fitto, selvatico di buona intensità e complessità con note terrose e di sottobosco in evidenza, al gusto una buona materia ricca e articolata molto pieno e succoso al palato
Vasco Sassetti
colore rubino intenso brillante vivo, buona fragranza aromatica, al gusto frutto preciso sapido terroso con leggera tendenza al dolce, materia ricca, strutturato vivo fresco di bella lunghezza
Fossacolle
naso con note selvatiche, di sottobosco, spezie, accenni di cuoio e animale, in bocca un piccolo frutto ampio e succoso di buona espansione e dolcezza, tannini saldi e bella persistenza.
Poggio di Sotto
colore rubino brillante vivo di luminosa intensità, naso sapido, elegante, di grande equilibrio e compostezza, con note di liquirizia, cuoio, macchia mediterranea, viola e ciliegia nera. L’attacco abbina la rotondità succosa e ben polputa del frutto, una notevole dolcezza, una salda e ben sottolineata struttura tannica, un’ampia tessitura ad un grande nerbo, un’acidità perfettamente equilibrata, che dà vivacità e lunghezza e rende il vino, sebbene giovanissimo, perfettamente godibile. Un 2003 esemplare per integrità e freschezza.
Giulio Salvioni
colore rubino intenso brillante, di grande vivacità. Naso vivo, profondo, , con prevalenza delle note terrose e selvatiche, di ricordi di liquirizia, macchia mediterranea, alloro ed un frutto vivo e succoso. In bocca è molto suadente, con un frutto ben polputo e croccante, un saldo corredo tannico, grande nerbo e bella lunghezza. Vino equilibrato e di stampo classico, che mi rincuora dopo un 2001 che mi aveva destato qualche perplessità sullo stile intrapreso da questa piccola storica azienda.
Podere Salicutti Vigna del Piaggione
rubino di bella vivacità e lucentezza, naso caldo, avvolgente, mediterraneo e solare (frutta ben matura, accenni di olio d’oliva, di alloro e rosmarino), con dinamismo, nerbo, mineralità spiccata. In bocca mostra una salda struttura tannica, un bell’equilibrio, con una vena lunga, precisa, salata, nervosa e una notevole articolazione. Ancora molto giovane, ma già di grande personalità.

0 pensieri su “Brunello di Montalcino: la parola ai vini (note d’assaggio sui 2003)

  1. Egregio Ziliani, facevo una riflessione stamattina, durante una visita a un produttore di Brunello di grande, grandissima, reputazione. Uno che che deve la propria reputazione a ciò che mette in pratica, a ciò che fa.
    Mi ha preso un senso di amarezza per l’inutilità della lotta di tanta gente che lavora con l’ambizione di offrire un risultato eccellente, costruendo un tesoro. Un risultato che verrà poi messo a frutto da altri, che pensano SOLO ai grandi numeri.
    Il nostro è un paese di gente che dice, ma che non fa. Che disattende continuamente ciò che promette.
    Se fosse un film, Montalcino sarebbe una diligenza che trasporta un tesoro messo insieme dagli agricoltori che rispettano la terra, la buona agricoltura, l’impegno preso con il mercato; nel film non mancano mai i pistoleros che vanno all’assalto. Nei film western però c’è spesso un lieto fine e una morale. Arrivano i nostri e salvano i buoni.
    (Sì, caro Ziliani, sento anch’io l’eco delle risate.).

  2. Grazie. è esattamente quello che mi aspettavo da te: che tornassimo a parlare del vino. al di là dello scandalo e dei torti che possono avergli fatto alcuni lestofanti.
    Il brunello è un gran vino. nonostante alcuni suoi produttori…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *