Prime indiscrezioni sul decreto che chiude il “caso Brunello”

Le trovate qui, sul sito Internet Agricoltura on line, rivista telematica del Ministero delle Politiche Agricole, le prime notizie sul decreto “che chiude il caso Brunello” e detta nuove regole e nuovi sistemi di controllo, presentato questa mattina a Montalcino dal ministro Zaia (nella foto), alla presenza dell’ambasciatore degli Stati Uniti Spogli.
Beh, io aspetto di saperne di più ed in maniera più dettagliata prima di giudicare…

0 pensieri su “Prime indiscrezioni sul decreto che chiude il “caso Brunello”

  1. beh,
    non si parla di modifiche al disciplinare e si fa riferimneto alla garanzia ministeriale x il prodotto da inviare negli usa (solo x quello?), vediamo poi nel concreto cosa tirano fuori ma a me i dubbi, alla luce delle dichirazioni fatte rimangono

  2. Dallo Staff di Presidenza della Provincia di Siena ho ricevuto la seguente dichiarazione del presidente Fabio Ceccherini sul decreto del Ministro per le politiche agricole Luca Zaia in merito alla vicenda Brunello: “Ritengo positivo il decreto del Ministro per le politiche agricole Luca Zaia che chiude la questione del blocco commerciale con gli Usa, primo mercato estero per il nostro Brunello. In queste settimane ho condiviso il lavoro svolto dal ministero che ha inteso coinvolgere il territorio nella risoluzione di questo problema. Adesso si tratta di proseguire nella concertazione per individuare tutte le soluzioni tecniche più idonee a risolvere i problemi aperti da questa vicenda. Le istituzioni locali non mancheranno di fare la loro parte. Così come non dobbiamo rallentare quelle azioni di comunicazione e promozione del prodotto, che rimane simbolo principale del made in Italy”.
    Entusiasmo e tarallucci e vino anche da quell’ente assolutamente “indispensabile” che é l’Enoteca di Siena, dove l’ambasciatore americano Ron Spogli è stato accolto da Donatella Cinelli Colombini e da Fabio Carlesi. Il comunicato stampa, vagamente giulebboso, recita: “E’ bellissimo qui, complimenti”. L’ambasciatore americano in Italia, Ronald P. Spogli, in visita nei locali del ‘500 di Enoteca Italiana, alla Fortezza Medicea di Siena, ha così ringraziato Donatella Cinelli Colombini, vice presidente dello storico Ente Vini senese ed assessore al Turismo della città del Palio, che questa mattina assieme al segretario generale Fabio Carlesi, ha accolto l’alto esponente del governo Usa, in procinto di recarsi a Montalcino per l’incontrare la stampa a proposito della nota vicenda del Brunello fuori legge. All’ambasciatore Spogli, accompagnato da alcuni esponenti del suo staff, è stato mostrata l’esposizione permanente di oltre 1200 vini di tutta Italia, allestita nei sotterranei del Bastione San Francesco, consultabile mediante apparecchiature palmari e totem informatici: una soluzione avveniristica che ha molto interessato l’ospite americano, il quale ha rivolto un plauso al direttore Carlesi, che ha invitato il massimo rappresentante della diplomazia Usa in Italia a tornare in visita a Siena e ad Enoteca Italiana, anche in forma privata. “Sono contento di avere incontrato un concittadino…”, ha concluso entusiasta dell’ambasciatore Spogli prima di partire per Montalcino, salutando Fabio Carlesi, il quale aveva poco prima raccontato all’ambasciatore statunitense di avere a sua volta avuto i natali proprio in Umbria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *