Piacere Barbaresco 2008: una manifestazione sottovoce…

Pare, corre voce, si dice, di ufficiale non si sa nulla, o quantomeno a me gli organizzatori non hanno ritenuto opportuno comunicarlo, che anche quest’anno, come l’anno scorso (quando pur avendo partecipato alla manifestazione non avevo scritto praticamente nulla…) nei prossimi giorni, si sussurra dal 12 al 15 settembre, si svolgerà tra Barbaresco, Neive e Treiso “Piacere, Barbaresco! Full-immersion nel mondo del Barbaresco, tra storia, territorio, umanità e cultura, dedicata a giornalisti, operatori e consumatori appassionati”.
Gli artefici, un’Enoteca regionale che dovrebbe occuparsi, sempre secondo i pour parler, della promozione e della comunicazione dell’altro grande vino base Nebbiolo prodotto in terra di Langa, dal pomeriggio di venerdì 12 alla serata di lunedì 15 settembre, pare proporranno, secondo la formula del 2007, degustazioni libere dei vini Barbaresco Docg 2004 e 2005 da parte degli ospiti accreditati dalle aziende,  dall’Enoteca Regionale del Barbaresco e dai quattro Comuni dell’area di origine, organizzeranno una festa della vendemmia, degustazioni verticali di Barbaresco DOCG di annate precedenti al 2004, iniziative collaterali quali approfondimento di tematiche specifiche (degustazioni guidate, verticali, presentazioni, tour dei vigneti, proposte di abbinamento cibo-vino.
Si dice anche che ci saranno delle condizioni d’ingresso diverse, per chi è accreditato, che pagherà una modica cifra di 10 euro e per chi non è accreditato (per  potersi accreditare pare che la scadenza sia la sera del 9 settembre), che avrà accesso al banco di degustazione versando la bella sommetta di 25 eurini.
Questo è tutto, quello che sono riuscito a sapere per vie ufficiose, tramite qualche amico produttore leggermente stupito da questo modo di “comunicare” sottovoce, senza comunicati, in sordina, come pare sia d’uopo quando si organizza una manifestazione e magari si vuole evitare che arrivi troppa gente. O che arrivino personaggi indesiderati…
Beh, se voi riuscite ad avere qualche dettaglio in più, a rompere la cortina di silenzio, la discrezione degli organizzatori, beh, fatemelo sapere che magari facciamo un po’ di passa parola e, se la cosa non crea disturbo, facciamo un po’ – posso dirla la parolaccia quella che gli organizzatori non gradiscono? – d’informazione….
p.s. di questa manifestazione “carbonara” ha scritto anche il mio fraterno amico Roberto Giuliani, anche lui, ovviamente, non degnato dai “solerti” organizzatori di un qualsiasi cenno. Leggete qui quel che dice (e che io totalmente sottoscrivo)

0 pensieri su “Piacere Barbaresco 2008: una manifestazione sottovoce…

  1. e bravo Franco, finalmente una notizia in proposito! per una kermesse come questa vorrebbe essere, la meta è di ambire al più alto numero di giornalisti importanti presenti alla manifestazione. winelovers di ogni dove che fanno a gara per poter partecipare….Invece a quanto sembra non sono ben accetti neppure gli ospiti paganti. Parrebbe un fatto assolutamente privato. Le voci circolano, ma tutte sotto banco. Ma siamo poi certi che ci sarà davvero questo Piacere Barbaresco? La scorsa settimana non c’era alcuna comunicazione sul sito dell’Enoteca Regionale. E neppure ho trovato altra fonte di informazione al proposito. Cosa pensare dei produttori di questo grande vino? La chiameremo Sussurropoli? o forse Underopoli?… gostopoli?
    Staremo a vedere e ne discuteremo in un futuro ormai molto prossimo.

  2. Gent. Collega, anch’io ho appreso di Piacere Barbaresco direttamente da un produttore. Non capisco perchè l’organizzazione (ufficio stampa) si ostini a non informare o a informare in maniera parziale i giornalisti. Questa non è una manifestazione che nasce sottovoce, i bravi e onesti produttori non passano mai sottovoce, fanno sempre parlare di sè, piuttosto è una manifestazione oscurata, dove non si fà informazione, per paura o per gelosia o per chissà quale ragione dell’addetto stampa. Non pretendo neppure di essere invitato, il più delle volte l’albergo me lo pago, desidero solo essere informato per dare la notizia. Niente di più. Giorgio Garrone Agenzia Giornalistica AGR

  3. caro Garrone, a volte manifestazioni come questa dovrebbero avere come sottotitolo, per gli organizzatori, non per i contenuti e per il tema trattato “dilettanti allo sbaraglio”… E non aggiungo altro, per pura carità di patria e per amore del Barbaresco…

  4. Caro Ziliani,
    stranamente ero al corrente di Piacere barbaresco da almeno due mesi, dalla sera in cui ho cenato a Barbaresco nell’ambito di Il barbaresco a tavola.
    Mi pare che nei suoi commenti ci sia una malcelata acredine ,non ne conosco i motivi,credo però occorerebbe una maggiore serenità di giudizio.
    In quanto a Giorgio Garrone che si lamenta della mancata informazione,mi sento di dire che la sua agenzia(AGR)dovrebbe dare una regolata ai propri canali informativi.

    Cordialmente

    renzo

  5. eh no Renzo, nessuna acredine! Gli “organizzatori” se così li si può definire hanno dimostrato, e diversi produttori di Barbaresco mi hanno scritto ringraziando per aver scritto quello che ho scritto e solidarizzando, non solo di non sapere di cosa significhi comunicare un evento, ma le più elementari norme di buona educazione. Dilettantismo allo sbaraglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *