Sempre wine blogger, ma questa volta… “targato” A.I.S.!

Cari amici di Vino al Vino, non stupitevi se da oggi, giovedì 16, sino a tutta domenica 19, anche se ho programmato ugualmente un paio di post, sarò ben poco presente e attivo su questo blog.
Sarò sempre un wine blogger “in servizio permanente effettivo”, impegnato tra post, fotografie e commenti, ma in questi giorni sarò un blogger “inviato speciale” con licenza di scrivere e raccontare, giornalista embedded per conto dell’Associazione Italiana Sommelier (con la quale ho da tempo un’articolata, vivace collaborazione su carta – De Vinis – e su Internet Sommeliersonline ) su questo nuovo blog, on line da pochi giorni, Blog.Sommelier.it.
Con lo stesso spirito di un’esperienza veramente pioneristica (era il lontano 2000) realizzata nell’ambito del Wine Festival di Merano, quando realizzai per WineReport una cronaca on line della manifestazione, mi accingo a raccontare a sommelier e appassionati di vino quello che accadrà in terra siciliana, nella beddissima Catania dell’elefante e del Barocco, presso il Monastero dei Benedettini, dal 16 al 19 ottobre, ovvero il 42° Congresso nazionale dell’A.I.S.
Articoli, interviste, commenti, indiscrezioni, immagini per consentire anche a chi non sarà a Catania di entrare nell’atmosfera del Congresso della più importante associazione dei sommelier italiani e di poter seguire, quasi in tempo reale, quello che verrà detto e discusso.
Un impegno intrigante e appassionante che si carica di un ulteriore, personalissimo, significato. Incredibile ma vero (e mi vergogno un po’ a confessarlo, ma é così) sarà la prima volta, in 52 anni di vita, che sbarcherò in terra siciliana. Bedda madri, che emozione!

0 pensieri su “Sempre wine blogger, ma questa volta… “targato” A.I.S.!

  1. Ahi ahi ahi! Per punizione ti toccherà imparare il dialetto siciliano 🙂
    Comunque la Sicilia è talmente bella che bisognerebbe baciarne la terra all’arrivo e alla partenza.

  2. Pingback: Tutto il Congresso A.I.S.minuto per minuto, sul blog | Le pubbliche relazioni del vino

  3. Pingback: Wine is love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *