Cirò Doc: chi propone di imbastardirlo con il Cabernet è un nemico di questa denominazione

La “sindrome di Montalcino”, in altre parole la coda di paglia di chi temendo di non essere completamente in linea con le regole (il dettato del disciplinare) di una denominazione si affretta non a rimettersi in regola, ma a cambiare, in corsa, i regolamenti, colpisce ancora.
Dopo il tentativo abortito nella patria del Brunello, dopo Montepulciano, l’area del Primitivo di Manduria, ci tocca scendere ancora più a Sud per trovare manifestazione di una scelta che o è miope, immotivata, fuori tempo massimo, oppure è in malafede. E serve, come ho scritto sopra, a cercare di porre rimedio, prima che sia troppo tardi, a situazioni irregolari, molto border line rispetto alle leggi vigenti.
In Calabria, nella terra della denominazione simbolo regionale, di una delle più storiche aree a vocazione vitivinicola di questa terra bellissima a me cara, qualche “furbetto del vigneto e della cantina” sta pensando, quando non ce ne sarebbe nessuna ragione logica, né viticola, né tecnica, né enologia, né commerciale, di meticciare, peggio, di imbastardire il vino Cirò Rosso Doc, il cui disciplinare vigente prevede l’utilizzo del Gaglioppo nella misura minima del 95% e del Greco Bianco o Trebbiano per il restante 5%.
Non pensano, i furbetti, di modificare il disciplinare eliminando quella quota del cinque per cento di uve bianche che, in fondo, se usata non fa male al vino, bensì, “nella proposta di modifica avanzata dal Consorzio di Tutela del Cirò e Melissa si prevede la possibilità di utilizzare oltre al Gaglioppo tutte le varietà a bacca rossa autorizzate dalla Regione Calabria nella misura massima del 20%. Tra queste varietà sono presenti vitigni internazionali quali Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon e Merlot che nulla hanno a che vedere con la tradizione vitivinicola del Cirò”.
Varietà che sono presenti sul territorio, ma che non vengono utilizzate di certo, almeno ufficialmente, per produrre dei Cirò, bensì delle Igt, la Val di Neto ad esempio, dove vini che prevedono un uso di piccole parti di queste varietà in sintonia con quelle locali, hanno trovato una loro identità parallela all’identità principe del Cirò e si sono messe in luce.
Cosa succede di fronte a questa scelta allucinante del Consorzio? Succede che qualcuno, giustamente, s’inca…vola, che qualcuno decide di non stare zitto e prende posizione e invita altri a non stare zitti e a farsi sentire, ad esprimere pubblicamente l’indignazione per una scelta che non va certo a favore dei viticoltori e dei produttori dell’area cirotana, che rispecchia gli interessi di chi non ha le idee chiare su quale deva essere il futuro di questa denominazione principe calabrese.
Nascono così un appello, sacrosanto, In difesa dell’identità del vino Cirò, che si serve di una pagina Web – vedete qui – dove è possibile aderire e aggiungere la propria firma, e un blog, dallo stesso nome, dove si dà conto di quel che l’appello provoca, le adesioni, ad esempio quella del Sindaco di Cirò, quella dei viticoltori membri di una cooperativa di 150 soci, del professor Mario Fregoni, i siti e blog che linkano la petizione e poi le ragioni, fortissime, di chi si oppone a questa ipotizzata assurda modifica del disciplinare ricordando che “l’utilizzo di varietà internazionali (in quantità rilevanti come proposto nella modifica) porta ad uno svilimento dell’identità territoriale e all’omologazione del prodotto” e chiedendo perché ” un consumatore del nord Italia o estero dovrebbe ricercare il Cirò se le sue caratteristiche sono simili a mille altri vini?
Perchè dobbiamo de-cirotizzare il Cirò? Perchè dobbiamo parificare la DOC Cirò alle IGT presenti sul territorio? Perché centinaia di produttori devono rinunciare alla loro identità di Cirotani?”.
I firmatari dell’appello richiamano un’elementare evidenza, ovvero che “riguardando nei vigneti del cirotano si riscontra che il Gaglioppo è sempre stato predominante, tanto che in altre zone della Calabria veniva denominato anche come “Cirotana”. In un passato non tanto lontano poi, erano presenti in piccole quantità altri vitigni (Greco nero, Malvasia nera, ‘Mparinata, Pedilongo, ecc.) che davano al vino maggiore complessità organolettica e miglioravano la tonalità del colore”.
Se non bastasse, “recenti ricerche scientifiche hanno evidenziato le potenzialità enologiche del vastissimo patrimonio ampelografico calabrese, a dimostrazione che il ricorso alle varietà internazionali non è una scelta obbligata”.
I firmatari dell’appello chiedono pertanto che “in un’eventuale modifica del disciplinare del Cirò Rosso Doc “vengano autorizzate oltre al Gaglioppo esclusivamente varietà autoctone calabresi in quantità massima del cinque per cento”.
Su questa assurda vicenda del Cirò imbastardito da altre uve e sull’appello al quale ho ovviamente dato, come ha fatto il collega di Napoli Luciano Pignataro (leggete qui) la mia adesione, ho pensato di sentire l’azienda che maggiormente, in Italia e nel mondo, è il simbolo del Cirò, ovvero la casa vinicola dei fratelli Librandi.
Nicodemo Librandi preferisce non commentare per non mettere altra benzina sul fuoco, ma fa notare semplicemente due cose. In primis il fatto, clamoroso, che la sua azienda abbia scelto di non far parte del Consorzio, semplicemente perché ha idee diverse rispetto a quelle della maggior parte dei produttori sul futuro della denominazione. In secondo luogo che Librandi, pur producendo vini, di indubbio successo, come il Gravello, che vede il Gaglioppo coesistere armoniosamente con una quota di Cabernet Sauvignon, ed il Rosato Val di Neto Igt Terre Lontane, dove accanto al Gaglioppo c’è anche un 30% di Cabernet franc, oppure il Bianco Val di Neto Igt Critone, mix di uve Chardonnay e Sauvignon, l’azienda, come dimostra il grandissimo lavoro di ricerca e valorizzazione fatto negli anni in collaborazione con i massimi esperti di viticoltura e concretizzato in un esemplare volume come Gaglioppo e i suoi fratelli, individua nei vitigni autoctoni calabresi il futuro ed il nucleo fondante dell’azienda.
Ed è persuaso che, nonostante le difficoltà di coltivazione e di perfetta maturazione che il Gaglioppo presenta, essendo un vitigno caratteriale e “tosto”, ma di grande personalità, il Cirò debba continuare ad essere prodotto unicamente con questa uva locale, senza i contributi, ufficializzati (o sotterranei, aggiungo io) di altre uve alloctone. Più chiaro di così! Vogliamo pertanto dire, chiaramente e fuori dai denti, perché tutti capiscano, che chi si ripromette, non in una Igt ma in una Doc identitaria e di territorio come il Cirò, di unire altre uve estranee al Gaglioppo o propone di imbastardire il Cirò con il Cabernet è un nemico dichiarato di questa denominazione?
Fare entrare, viticoltori e produttori cirotani, i Cabernet, i Merlot e chissà che altro di internazionale nelle mura del vostro Cirò e vi ritroverete puntualmente, proprio come accadde con il mitico cavallo introdotto dai greci per espugnare la città di Troia, la vostra storica denominazione ridotta alla mercé di chi non le vuole certo bene e non ne vuole assolutamente fare gli interessi: meditate cirotani, meditate…
Magari anche sugli “ecomostri” (vedi foto sotto) che sono stati costruiti, senza che nessuno dicesse niente, nel cuore della vostra denominazione e che ne deturpano la selvaggia, inimitabile bellezza…

16 pensieri su “Cirò Doc: chi propone di imbastardirlo con il Cabernet è un nemico di questa denominazione

  1. Non se ne può più di questi ormai innumerevoli tentativi di globalizzazione di qualsiasi vino…!!!
    Strano che non abbiano ancora messo Cabernet e Merlot nelle famose bibite a base di cola, o meglio nei più conosciuti cocktails.
    Forse qualcuno starà pensando a come vinificarli in bianco per aggiungerli al vermentino e al verdicchio, ovviamente “per migliorarne la qualità e renderli più moderni”…che tristezza.

    P.S.: ho già firmato anche questa petizione.

  2. Ho appena sottoscritto la petizione (sono un “fissato” con gli autoctoni) e sono rimasto molto contento della firma del Prof. Fregoni, sui testi del quale ho studiato molto all’Università. Girerò la notizia al mio caro Prof. Scalabrelli, accanitissimo “segugio” di autoctoni: due firme così prestigiose non faranno che bene ad un’iniziativa che deve concludersi con l’italica vittoria!

    Resto deluso invece da quanta “povertà mentale” sussista nel nostro paese e che col tempo, mi sembra, tenda ad aumentare. Per fortuna non tutti la pensano come loro!

  3. Quanto sopra postato è ineccepibile.
    A Lei, dr. Ziliani, che è personaggio di spessore, mi permetto di suggerire di consigliare all’azienda che è protagonista del grandissimo lavoro di ricerca e valorizzazione fatto in collaborazione con i massimi esperti di viticoltura, di mettere a disposizione di chiunque (qualora non già fatto), magari anche sul proprio sito web, i risultati ottenuti e dai quali si individua nei vitigni autoctoni calabresi le potenzialità rinvenute.

  4. Giuseppe, lo sanno anche i sassi, a Cirò e dintorni, che l’azienda Librandi ha più volte detto alle altre aziende del territorio cirotano di essere disponibile a mettere a disposizione di tutti il lavoro di ricerca e valorizzazione fatto in collaborazione con i massimi esperti di viticoltura, nel quale è detto a chiarissime lettere che sono proprio nella riscoperta e valorizzazione dei vitigni autoctoni calabresi le massime potenzialità per la viticoltura della vostra zona! Non faccia accademia, perché non é colpa dei Librandi se questa offerta non é stata, chissà perché, presa in considerazione. E se c’é chi preferisce correggere sotterraneamente i Cirò con uve estranee, salvo poi tentare di legalizzare il pasticcio modificando il disciplinare…

  5. Non bisogna mollare. Firmare non basta: dobbiamo lanciare iun Cirò Day su internet. Un giorno in cui tutti i siti e i blog hanno in home l’appello alla petizione.
    Il 22 luglio a Fabbrica dei Sapori di Battipaglia faremo la notte del rosato. In quella occasione chiederemo di firmare l’appello

  6. Voglio troppo bene alla Calabria e di conseguenza alle cose che ci sono dentro, per veder ridotto il Cirò come il Chianti Classico. Ho firmato l’appello e rilanciatolo sul mio blog, per qualsiasi altra azione fatemi un fischio.

  7. Esimio dr. Ziliani,
    mi scuso, intanto, se Le rispondo a distanza di qualche giorno.
    Preciso intanto, che il mio commento datato 23/6/2009 non è affatto polemico.
    La polemica, invece – E MI DISPIACE TANTO, appare nella Sua risposta.
    Sasso: una roccia, un masso, un frammento di pietra o cosa?
    A “Cirò e dintorni”!!!!!!!!!!!!!!!

  8. Gentilissimo Prof.
    ho letto con molto CURIOSITà il suo giudizio riguardo l’eventuale cambiamento del Disciplinare vino cirò doc.
    In primis l’ha informo di conoscere il Territorio di Cirò ed il vino che come vuole la storia sembrerebbe il + antico del mondo!!!
    Avrei da porle una domanda in merito alla questione in modo da comprendere ancora meglio il problema che oggi alcuni abitanti di Cirò stanno vivendo (compreso il Sig. Librandi).
    Se il vino Cirò doc fino ad oggi è stato realizzato rigorosamente con il 95% di gaglioppo e solo il 5% di greco bianco significa che il vino Cirò doc prodotto dalla casa vitivinicola Librandi / ENOTRIA / IPPOLITO / CAPARRA & SICILIANI dovrebbe risultare uguale di colore sapore etc etc….cosa che a me non risulta!!!
    Lei ha mai assaggiato un rosso Ippolito o un rosso ENOTRIA o un rosso Librandi???Mi potrebbe spiegare da dove nasce la differenza?
    Lei VERAMENTE pensa che il Sig. Librandi non taglia il Rosso Cirò Doc con altre uve?
    Infine, mi permetto di dire che l’azienda Librandi sbaglia a dichiarare di essersi dissociato dal Consorzio per la tutela del vino Cirò e Melissa in quanto lessi molto tempo fà che la stessa Azienda cercò di fondare per puro capriccio un proprio Consorzio senza ISCRITTI e quindi non riconosciuto dal Ministero.
    Personalmente perso che un’azienda che opera in questo modo non ama il proprio territorio, non aiuta la crescita del paese …..ma si ricorda al momento opportuno di rivendicare un pensiero…..sempre poco adatto.
    ——————
    Un vacanziere romano amante della Calabria in particolare di Cirò e del Cirò doc.

    • signor vacanziere romano “amante della Calabria” e di Cirò, sorvolando sulla sintassi un po’ zoppicante prendo atto del suo commento che sotto le specie di osservazioni ingenue contiene non poca malizia. Da come conosco i Librandi, di cui mi onoro di essere amico da 15 anni, escludo quello che lei – provocatoriamente – sostiene, ovvero che taglino “il Rosso Cirò Doc con altre uve”. Ci metterei la mano sul fuoco sicuro di non scottarmi. Invece nel caso di altre aziende cirotane o del circondario e dei loro “Cirò”, eviterei di avvicinarmi al fuoco anche se fossi dotato di una tuta ignifuga. Mi sono spiegato?? Quanto alla fondazione “per puro capriccio” da parte dei Librandi di un altro Consorzio, dica ai suoi amici cirotani che le hanno raccontato questa cosa di informarsi meglio e di non raccontare fanfaluche…

  9. Pingback: Vino Wire » Cirò producers use social media to battle internationalization

  10. Pingback: Soylent Merlot: the Montalcino Syndrome infects Calabria « Do Bianchi

  11. Pingback: From the Archives: Calabria ~ The Epiphany

  12. Pingback: » From the Archives: Calabria ~ The Epiphany Wine Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *