Contaminazioni o imbastardimenti? Storie di un Nerello-Prosecco e di un panettone siciliano

Sì lo benissimo di essere in qualche modo “leopardiano” nel dubitare, proprio come faceva nel 1836 il grande poeta di Recanati nella sua splendida poesia La Ginestra, delle “magnifiche sorti e progressive” e di essere un po’ eno-reazionario di fronte a certe manifestazioni del nuovo che avanza.
Eppure, sfogliando il numero di luglio di Decanter, (quello che riporta la discutibile Power List 2009 di cui ho già scritto, qui) una volta giunto alle selezioni di vini dello Spurrier’s world, firmate da quell’ottimo Steven Spurrier, consultant editor della rivista (e naturalmente previsto nella Power List al numero 15)  non sono riuscito a gioire, anzi ho rabbrividito, imbattendomi in un “best sparkler” italico qule il Nerello Mascalese – Prosecco Rosè della sconosciutissima azienda Borgo SanLeo, regolarmente distribuito in UK (vedete qui) al prezzo di £. 7,59.
Vino definito sulla scheda dell’importatore “Delightful fresh and fruity pink Prosecco – the perfect party tipple!
This is a fantastic party sparkler with enticing, sweet summer fruit aromas. The palate shows strawberry and raspberry flavours with a hint of peach and a fruity yet refreshing finish. Excellent on its own, this soft and fruity sparkler is best served well-chilled”.
Forse mi perdo qualcosa, rispetto all’eccellentissimo confrère british, che ricorda ai lettori della rivista come “Nerello Mascalese, a light red grape, is pressed and fermented with 20% of Prosecco to get this rosé: refresching fruit on the nose and a lifted, almost creamy palate, a perfect wine for a summer’s day”.

A me, che sono nato a Milano e vivo a Bergamo e a Londra ci vado ogni tanto solo per degustare vini italiani per The World of Fine Wine (ma anche qualche volta – mi sa che non mi chiameranno più… – anche per Decanter) questi spericolati mix di una grande uva sicula con l’uva simbolo della Marca Trevigiana più che segni della modernità, delle leopardiane “magnifiche sorti e progressive”, sembrano non tanto eno-contaminazioni, bensì, per parlare pane al pane e vino al vino, eno-imbastardimenti, enoici crossing-over senza alcun senso, fedeli ad un’idea del vino industriale, del vino brand, della wine commodity, del vino prodotto, senza identità e senza radici, che mi fa sempre più orrore.
Imbastardimenti che, da fan del Prosecco qual è, e custode dell’identità veneta e padana delle bollicine di Conegliano, Valdobbiadene e dintorni, della loro “purezza etnica”, se mi è consentito di definirla così, dovrebbero catturare l’attenzione, l’indignazione e le proteste (xo i man dal Prosecco!) dell’implacabile ministro Luca Zaia (con il suo immacancabile fazzoletto verde d’ordinanza nel taschino), veneto di Bibano (frazione di Godega di Sant’Urbano) in provincia di Treviso.
Cosa che potrebbe accadere puntualmente, se il ministro non si “distraesse” impegnanodosi ad inaugurare la fiera “Tutto Food” a Milano, e ad affettare, sempre in tema di gastro-contaminazioni, “un enorme panettone da 65 chili” preparato nientemeno che “dall’azienda dolciaria Fiasconaro di Castelbuono, in Sicilia, tra i fornitori della Nasa”…

0 pensieri su “Contaminazioni o imbastardimenti? Storie di un Nerello-Prosecco e di un panettone siciliano

  1. nessun commento mi lascia perplesso,possibile si commentino solo pettegolezzi o quando c’è da parlar male di noi stessi,,,con la storia del prosecco ci stanno portando via l’identità,ed è solo l ‘inizio,,,,dal canto mio restando in tema bevo soltanto Valdobbiadene e non prosecco,,,bevo soltanto brunello e non supertuscan,,,

  2. Caro Franco , a volte non capisco il suo scopo . Come nel caso Corona cosa c’entrano gli attori del blog con i cinesi che malfanno Valentino o Armani ? tutti abbiamo il diritto di esprimerci ma noi siamo , per grazia di dio , di un altro mondo .

  3. Capisco il punto, ma non ci dice se il vino lo ha assaggiato e se le piace o no. Essere o non essere conformi alla tradizione non mi sembra l’unica variabile da dover tenere in considerazione quando si analizza un vino.

  4. Vedo un legame tra il suo articolo e quello sul sito di Luciano Pignataro “In difesa dell’identità del vino Cirò”, ove c’è anche un appello che ho sottoscritto. Mi chiedo se questi improbabili accostamenti tra prosecco e nerello, o fra gaglioppo e cabernet per fare il cirò, come nell’articolo di Pignataro, possono avere almeno un riscontro commerciale, ma ho i miei fieri dubbi.

  5. Saverio, non ho assaggiato il vino e non ci tengo ad assaggiarlo. Questi esempi di imbastardimento enoico mi fanno orrore, e il mio post non era sulla qualità del vino, che non m’interessa, ma sulla scelta di sposare in maniera incongrua Nerello Mascalese e Prosecco…

  6. Come fa a sapere se il matrimonio fra i due vitigni e’ incongruo se non ha provato il prodotto? Anch’io ho i mei dubbi sullo sposare il Nerello Mascalese con il Prosecco (evoluti per adattarsi a terroir diversi), ma sono dubbi a priori, e questo non basta per criticare la scelta fatta da Steven Spurrier; ne io ne lei sa di sicuro se il prodotto vale o no. Un conto e’ rispettare le tradizioni perche’ fonti di saggezza, e quindi di consiglio; tutt’altro e’ considerarle il punto d’arrivo di una verita’ assoluta.

  7. il punto non è averlo assaggiato , ma il fatto che il prosecco si produce al max con il verdiso non con il nerello mascalese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *