2006: annata da produrre o da saltare? Il punto di vista dei produttori di Barbaresco


La sorprendente decisione non di un pinco pallo qualsiasi, ma di quell’autentica autorità nebbiolesca che é Bruno Giacosa (vedi articolo qui) di non imbottigliare i suoi Barolo e Barbaresco dell’annata 2006 perché, come mi ha detto lo scorso maggio (vedi articolo) “”il 2006 non è un’annata speciale: gli manca tutto, profumo, tipicità, struttura. E’ stata un’annata nata storta e difficile da raddrizzare”, ha scatenato accese discussioni.
Di fronte alle uscite della stampa internazionale, che da Wine Spectator al sito Internet di Jancis Robinson ha prontamente ripreso e commentato la notizia, rischiando di veicolare un’idea sbagliata e negativa dell’effettivo valore dell’annata 2006, siamo stati in diversi a pensare che fosse il caso di farsi sentire e di fare dei salutari distinguo.
Ad esempio il Consorzio del Barolo e del Barbaresco e le Enoteche regionali dei due vini, quella di Barolo e quella di Barbaresco, che hanno ritenuto opportuno farsi sentire con un comunicato congiunto, che potete leggere, nella sua interezza, qui.
Ma anche un decano dell’enologia albese, quel garbatissimo signore, coetaneo di Bruno Giacosa, che corrisponde al nome di Armando Cordero, ha ritenuto fosse opportuno – leggete qui – dire la sua, difendendo il valore di questo, non facile, millesimo in terra di Nebbiolo.  E poi, senza peraltro prendere ufficialmente posizione, sinora, diversi produttori, non proprio contenti (eufemismo) per la liquidazione del 2006 fatta da Giacosa…
Da parte mia, poiché credo, con tutto il massimo rispetto possibile per le scelte di Bruno Giacosa, che il 2006 in Langa non sia da archiviare o da saltare a pié pari manco fosse un 1991, e a questa convinzione sono arrivato sia dalla serie di Barbaresco 2006 che ho degustato nel corso di Alba Wines Exhibition, sia di una serie di assaggi di Barolo 2006 degustati durante visite a singole aziende, ho pensato fosse opportuno, nell’interesse di una corretta informazione sull’annata 2006, interpellare i diretti protagonisti, i produttori di Langa.
Ho così realizzato una corposa inchiesta di cui ho pubblicato per ora, sul sito Internet dell’A.I.S., (leggete qui) solo la prima parte, quella relativa alle reazioni dei produttori di Barbaresco.
Per la seconda parte, relativa ai punti di vista dei produttori di Barolo, dovrete aspettare ancora una decina di giorni…
Come vedete, è solo il grandissimo Bruno, l’uomo dei mitici Barbaresco Asili, Rabajà e Santo Stefano, del Barolo Falletto e Rocche dei Falletto, ad avere rinunciato, e non a cuor leggero, ad imbottigliare e soprattutto porre in vendita, i suoi Barbaresco e Barolo 2006….

0 pensieri su “2006: annata da produrre o da saltare? Il punto di vista dei produttori di Barbaresco

  1. La libertà di pensiero deve essere rispettata, ma rischiare di danneggiare un’intera zona di produzione è altra cosa.
    Le dichiarazioni rilasciate da un portavoce dell’azienda Bruno Giacosa sono decisamente inaccettabili perchè generalizzano erroneamente su un’annata condizionando negativamente il pubblico.
    Mi auguro che tutti, e non solo qualche produttore, si levino a dire il loro pensiero.
    Spero altresì che anche tu Franco esprima pubblicamente le tue impressioni e note sulle degustazioni che hai fatto negli ultimi mesi sull’annata 2006 perchè la tua voce è importante.
    Tutti coloro che ti leggono sanno chi sei e quanto tu sia diretto e scevro da condizionamenti.
    Purtroppo il mercato non è solo composto da conoscitori, ma anche ed ampiamente da “lettori” che si fidano incondizionatamente delle opinioni di un leader.
    Aspettiamo dunque le opinioni degli altri produttori, le tue e quelle dei consumatori che vorranno toccare con naso e bocca personalmente.

  2. e allora perchè fare ancora polemica? Ognuno è libero di fare quello che vuole con i propri vini. Le parole di giacosa NON sono un insulto all’annata, ma solo ai SUOI vini. Loro dicono così e quindi basta credergli e non pensarci più e gustare gli altri barbaresco veramente ottimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *