Venerdì 28 Castelvenere celebra le piccole vigne dei piccoli produttori


L’ho già presentata (leggete qui) in tutti i suoi dettagli e ora mi basta solo ricordarlo e richiamare la vostra attenzione.
Venerdì 28 a Castelvenere, la località del Sannio che secondo le statistiche avrebbe la più elevata superficie a vigneto di tutta la Campania, si svolgerà una manifestazione cui mi sarebbe piaciuto tanto (invece in quei giorni sarò in Germania per Mundus Vini) essere presente.
Parlo di Grandi Vini da Piccole Vigne, Primo Festival meridionale delle piccole Vigne, che nell’ambito della Festa del Vino (che proseguirà sino al 30 agosto) propone un’iniziativa assolutamente innovativa per il Sud. L’idea è stata di quello sciagurato dell’amico Luciano Pignataro (www.lucianopignataro.it) che si ostina ad organizzare bellissime cose proprio in giorni in cui sono impegnato altrove e non posso partecipare, ed è stata coordinata tecnicamente da Mauro Erro, wine blogger (http://ilviandantebevitore.blogspot.com/) e collaboratore dell’A.I.S. Napoli.
Per la prima volta sarà possibile conoscere alcuni dei protagonisti della profonda rivoluzione vitivinicola in corso nelle campagne meridionali: storie da ascoltare e vini da bere, fuori da ogni omologazione, spunti per il palato, curiosità della mente, spostandosi dall’isola di Ponza al Vulture, passando per la viticoltura estrema del Cilento e della Costa d’Amalfi, e poi transitando per l’Irpinia, il Casertano con il Falerno e un pizzico di Puglia.
Di scena i diversi volti dell’attaccamento alla terra di giovani, professionisti che hanno cambiato vita, autentici contadini.
La rassegna sarà preceduta dalla degustazione intitolata “Un viaggio rosso: 2004-1998” con il Taurasi di Contrade di Taurasi, una piccola vigna già famosa, condotta da Mauro Erro, il fiduciario dell’Ais Napoli Tommaso Luongo e il giornalista Antonio Paolini con l’enologo Maurizio De Simone. Dalle 19 sarà la volta del banco di assaggio con le seguenti aziende: Agricola San Giovanni (Castellabate, Cilento), Bianchini Rossetti (Casale di Carinola, Ager Falernum), Brunigi Galco (Cascano, Ager Falernum), Carlo Zannini (Falciano del Massico, Ager Falernum), Cantine dell’Angelo (Tufo, Irpinia), Cantina Giardino (Ariano Irpino), Capizzi (Piedimonte di Sessa Aurunca, Ager Falernum), Centrella (Torrini, Irpinia), Eleano (Rionero in Vulture, Lucania), Il Cancelliere (Montemarano, Irpinia), Le Vigne di Raito (Raito, Costa d’Amalfi), Michele La Luce (Ginestra, Lucania), Monte di Grazia (Tramonti, Costa d’Amalfi), Musto-Carmelitano (Maschito, Lucania), Paonessa (Sessa Aurunca, Ager Falernum), Raffaele Moccia (Agnano, Napoli), Regina Viarum (Falciano del Massico, Ager Falernum), Taffuri Pouchan (Ponza), Trabucco (Carinola, Ager Falernum), Varriale (Posillipo, Napoli), Volpara (Sessa Aurunca, Ager Falernum), Zullo (Orsara di Puglia).
Per la prenotazione alla degustazione di Contrade di Taurasi, che si terrà alle ore 18:00 presso il chiostro comunale a piazza Municipio (massimo 30 posti), scrivere a Novella Talamo al seguente indirizzo e-mail. Ulteriori informazioni sul programma generale e sulle tre giornate sul sito Internet della Pro Loco di Castelvenere, che presenta anche le notizie sulla Festa del Vino.
Ehi, cosa aspettate a correre a Castelvenere?

0 pensieri su “Venerdì 28 Castelvenere celebra le piccole vigne dei piccoli produttori

  1. L’avessi saputo un giorno prima….
    PS. Ho comprato recentemente un libro sulle ricette di pesce della Campania curato dal Sig Luciano Pignataro: omonimia o sempre la stessa persona? Uno spettacolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *