Ecco tutti i Barolo stellati: i vaticini delle guide a confronto


Per pura completezza dell’informazione e per avere un’idea di come siano stati giudicati i Barolo (annata 2005, ma anche una serie di 2004 e qualche riserva di annate precedenti) ecco l’elenco dei Barolo top secondo le principali guide del vino italiane.
Provate a dire quale sia la Barolo’s selection che vi convince di più e se a vostro avviso ci siano vini, rimasti fuori da questo immaginario wine-Gotha, che avrebbero invece meritato di farne parte.
Una domanda mi nasce spontanea: ma come si fa a non considerare indiscutibilmente grandi e di conseguenza a premiarli, i Barolo di Beppe Rinaldi?
Come si fa, come fanno talune guide, a premiare i vini della Spinetta e di Pecchenino e non i Barolo di Giacomo Fenocchio, Sobrero, Comm. G.B. Burlotto, Guido Porro, Giovanni Sordo, Paolo Manzone, Giovanni Rosso, Costa di Bussia? Sicuramente gusti personali, ma che gusti, perbacco!

Tre bicchieri Gambero rosso
Barolo 05 Bartolo Mascarello
Barolo Arione 05 Enzo Boglietti
Barolo Boscareto 05 Batasiolo
Barolo Bricat  05 Giovanni Manzone
Barolo Bricco Boschis 05 Tenuta Bricco Boschis -Cavallotto
Barolo Bricco delle Viole 05 G. D. Vajra
Barolo Bricco Visette 05 Attilio Ghisolfi
Barolo Broglio 05 Schiavenza
Barolo Brunate 05 Poderi Marcarini
Barolo Brunate 05 Mario Marengo
Barolo Cannubi 05 E. Pira & Figli
Barolo Cannubi Boschis 05 Luciano Sandrone
Barolo Cascina Francia 05 Giacomo Conterno
Barolo Cerretta 05 Ettore Germano
Barolo Ciabot Mentin Ginestra 05 Domenico Clerico
Barolo Costa Grimaldi 05 Einaudi
Barolo Ginestra 05 Paolo Conterno
Barolo Ginestra V. Casa Maté 05 Elio Grasso
Barolo Gramolere 05  F.lli Alessandria
Barolo Lazzarito 05 Vietti
Barolo Lazzarito V. La Delizia 04 Fontanafredda
Barolo Le Coste 05 Pecchenino
Barolo Le Rocche del Falletto 05 Bruno Giacosa
Barolo Margheria 05 Gabutti – Franco Boasso
Barolo Margheria 05 Vigna Rionda – Massolino
Barolo Mondoca di Bussia Soprana 04 Oddero
Barolo Ornato 05 Pio Cesare
Barolo Prapò 05 Bricco Rocche – Bricco Asili
Barolo Ravera 04 Flavio Roddolo
Barolo Sarmassa 05 Brezza & Figli Giacomo
Barolo Sarmassa 05 Marchesi di Barolo
Barolo Sorano 05 Claudio Alario
Barolo Sotto Castello di Novello 05 Giacomo Grimaldi
Barolo Vigna Elena 04 Elvio Cogno
Barolo Vigneto Brunate 05 Andrea Oberto
Barolo Vigneto Gattera 05 Mauro Veglio


Cinque grappoli Duemilavini

Barolo Arborina 2005, Renato Corino
Barolo Boscareto 2005, Ferdinando Principiano
Barolo Bric dël Fiasc 2005, Paolo Scavino
Barolo Bricco delle Viole 2005, G. D. Vajra
Barolo Bricco Rocche Bricco Rocche 2005, Ceretto
Barolo Bricco Rocche Prapò 2005, Ceretto
Barolo Brunate 2005, Marcarini
Barolo Brunate 2005, Marengo
Barolo Brunate 2005, Roberto Voerzio
Barolo Brunate Le Coste 2005, Rinaldi
Barolo Bussia 2005, Fratelli Barale
Barolo Ca’ Mia 2005, Brovia
Barolo Campè 2005, La Spinetta
Barolo Cannubi Boschis 2005, Sandrone
Barolo Cascina Francia 2005, Conterno
Barolo Cerequio 2005, Roberto Voerzio
Barolo Cerretta 2005, Ettore Germano
Barolo Ciabot Mentin Ginestra 2005, Domenico Clerico
Barolo Cicala 2005, Poderi Aldo Conterno
Barolo Lazzarito Riserva 2003, Ettore Germano
Barolo Le Coste 2005, Giacomo Grimaldi
Barolo Le Rocche del Falletto 2005, Bruno Giacosa
Barolo Margheria 2005, Massolino
Barolo Monprivato Cà d’Morissio Riserva 2001, Giuseppe Mascarello
Barolo Mosconi 2005, Conterno Fantino
Barolo Percristina 2003, Domenico Clerico
Barolo Ravera 2004, Flavio Roddolo
Barolo Riserva del Fondatore Vigna Sarmassa Riserva 2003, Cabutto
Barolo Rocche 2005, Vietti
Barolo Rocche dell’Annunziata Riserva 2003, Paolo Scavino
Barolo Rocche di Castiglione 2005, Oddero
Barolo Romirasco 2005, Poderi Aldo Conterno
Barolo San Giovanni 2005, Gianfranco Alessandria
Barolo San Rocco 2005, Azelia
Barolo Sarmassa 2005, Brezza
Barolo Vecchie Vigne di Monvigliero e Pisapola 2005, Edoardo Sobrino
Barolo Vigna Cappella Santo Stefano 2005, Podere Rocche dei Manzoni
Barolo Vigneto Rocchette 2004, Accomasso
Barolo Villero 2004, Brovia


Super Tre Stelle Guida Veronelli

Barolo Arborina 2005 – Altare Elio
Barolo Boscareto 2005 – Principiano Ferdinando
Barolo Bric del Fiasc 2005 – Scavino Paolo
Barolo Bricco Rocche Prapò 2005 – Ceretto
Barolo Brunate 2005 – Altare Elio
Barolo Bussia 2005 – Prunotto
Barolo Bussia Vigna Cicala 2005 – Poderi Conterno Aldo
Barolo Bussia Vigna Romirasco 2005 – Poderi Conterno Aldo
Barolo Cannubi Boschis 2005 – Sandrone Luciano
Barolo Cappella di Santo Stefano 2005 – Podere Rocche dei Manzoni
Barolo Cascina Francia di Serralunga 2005 – Conterno Giacomo
Barolo Ciabot Mentin Ginestra 2005 – Clerico Domenico
Barolo Cucco 2005 – Cascina Cucco
Barolo La Serra 2005 – Rosso Giovanni
Barolo Lazzarito 2005 – Vietti
Barolo Lazzarito Vigna La Delizia 2004 – Fontanafredda
Barolo Le Vigne 2005 – Sandrone Luciano
Barolo Liste 2005 – Damilano
Barolo Marenca 2005 – Pira Luigi
Barolo Margheria 2005 – Pira Luigi
Barolo Margherìa 2005 – Massolino – Vigna Rionda
Barolo Mosconi 2005 – Rocca Giovanni
Barolo Ornato 2005 – Pio Cesare
Barolo Per Cristina 2003 – Clerico Domenico
Barolo Persiera 2005 – Saffirio Josetta
Barolo Prapò 2005 – Schiavenza
Barolo Riserva Bricco Boschis Vigna San Giuseppe 2003 – Cavallotto – Bricco Boschis
Barolo Riserva del Fondatore Vigna Sarmassa 2003 – Cabutto – Tenuta La Volta
Barolo Riserva Ginestra 2003 – Conterno Paolo
Barolo Riserva Rocche dell’Annunziata 2003 – Scavino Paolo
Barolo Riserva Triumviratum 2004 – Chiarlo Michele
Barolo Riserva Vignolo 2003 – Cavallotto – Bricco Boschis
Barolo Rocche 2005 – Cantina Vietti
Barolo Rocche di Falletto 2005 – Giacosa Bruno
Barolo San Giovanni 2005 – Alessandria Gianfranco
Barolo Vecchie Vigne 2004 – Corino Giovanni
Barolo Vigna Elena 2004 – Cogno Elvio
Barolo Vigna Rionda 2005 – Pira Luigi
Barolo Vigna Rionda 2003 – Oddero Luigi e Figli
Barolo Vigneto Campè Vursù 2005 – La Spinetta
Barolo Vigneto La Villa 2005 – Seghesio Aldo e Riccardo

Cinque bottiglie Guida Espresso
Barolo 2005 Mascarello Bartolo
Barolo Acclivi 2005 Burlotto G. B.
Barolo Arione 2005 Gigi Rosso
Barolo Bricco delle Viole 2005 Vajra G. D.
Barolo Brunate – Le Coste 2005 Rinaldi Giuseppe
Barolo Cannubi S. Lorenzo – Ravera 2005 Rinaldi Giuseppe
Barolo Cascina Dardi Bussia 2005 Fantino Alessandro e Gian Natale
Barolo Cascina Francia 2005 Conterno Giacomo
Barolo Castelletto 2005 Veglio Mauro
Barolo Ciabot Tanasio 2005 Sobrero Francesco e Figli
Barolo Cicala 2005 Conterno Aldo
Barolo Colonnello 2005 Conterno Aldo
Barolo La Serra 2005 Poderi Marcarini
Barolo Le Coste 2005 Pecchenino Fratelli
Barolo Le Gramolere 2005 Manzone Giovanni
Barolo Le Rocche del Falletto di Serralunga d’Alba 2005 Giacosa Bruno
Barolo Mariondino – Bussia – Le Coste – Mosconi 35° annata 2005 Parusso
Barolo Massara 2004 Castello di Verduno
Barolo Monprivato Cà d’Morissio Riserva 2001 Mascarello Giuseppe e Figlio
Barolo Monprivato in Castiglione Falletto 2004 Mascarello Giuseppe e Figlio
Barolo Parafada 2005 Vigna Rionda – Massolino
Barolo Prapò 2005 Germano Ettore
Barolo Riserva Bricco Boschis Vigna San Giuseppe 2003 Cavallotto
Barolo Riserva La Rocca e La Pira 1995 I Paglieri – Roagna
Barolo Riserva Pernanno 2003 Sobrero Francesco e Figli
Barolo Riserva San Pietro 2003 Viberti Giovanni
Barolo Rocche Rivera 2004 Oddero Luigi & Figli
Barolo S. Stefano di Perno in Monforte d’Alba 2004 Mascarello Giuseppe e Figlio
Barolo Sorì Gepin 2003 La Spinona
Barolo Vigna Broglio 2004 Palladino
Barolo Vigna dei Pola 2005 Ascheri
Barolo Vigna Elena 2004 Cogno Elvio
Barolo Vigna Liste 2004 Borgogno Giacomo & Figli
Barolo Vigneto Cannubi 2005 Burlotto G. B.
Barolo Vigneto Corda della Briccolina 2005 Batasiolo

24 pensieri su “Ecco tutti i Barolo stellati: i vaticini delle guide a confronto

  1. A mio modesto parere, anche per i Baroli la scelta più affidabile è quella compilata dalla Guida dell’Espresso. IL taglio della scelta “VEronelli” va in direzione totalmente opposta. Se la direzione del Gambero ha spiegato i motivi dell’esclusione dei vini di Beppe Rinaldi, mi piacerebbe anche sapere i motivi che hanno portato alla scelta di alcuni baroli mediocri o i pregi di altri considerati tali da consentir loro di far parte dell’eccellenza. La selezione inizia dopo aver stabilito uno numero di baroli da premiare a priori? 30-35? Si sceglie un numero eccessivo e così si rischia di inserire qualcuno che potrebbe stare tranquillamente nel gruppo dei validi e nulla di più? Meglio sfoltire il numero, concetto valido in generale.
    Inoltre, Beppe Rinaldi e Mascarello Mauro se non saliranno domani sul palco in quel di Roma, dicono, è per un eccesso di “volatile”. Allora, non è meglio scartare anche quei baroli che, riassaggiati dopo poche ore – 3-4 ore – dall’apertura della bottiglia, si presentano evoluti e hanno cambiato in buona parte le sue caratteristiche?!?! E tra i premiati ce ne sono, eccome!

  2. e poi siamo sicuri che Beppe Rinaldi ( come il compianto Balbo Cappellano ) ci tenga cosi’ tanto a essere premiato ?
    Penso che invece conoscendolo farebbe volentieri a meno di far giudicare i suoi vini alle commssioni delle guide.
    Vi ricordo che anziche’ visitare quel baraccone da circo che e’ Vinitaly faremmo meglio a provare nello stesso periodo VINI VERI 🙂
    e poi mi saprete dire..
    salutoni Giorgio

  3. Certo che la guida Veronelli è un esempio di coerenza! Ma io dico, come si fa a mettere sullo stesso livello e quindi premiare, Cascina Francia 2005 di Conterno (l’ho degustato alcune sere fa, è un bambino ancora in fasce, grandissima potenzialità, scalpitante e scontroso nella sua eleganza ma da attendere) e due barolo di Sandrone e uno di La Spinetta? Ma il panel dei dagustatori era sempre lo stesso o tiravano a sorte per ogni bottiglia?
    La domanda che mi sorge spontanea è: ma cosa si cerca in una bottiglia di Barolo? Valgono ancora i punti di riferimento quali la tipicità del vitigno che deve essere lasciata il più possibile all’espressione del nebbiolo senza caricaturarlo con concentrazioni assurde e tannini da barrique? Veramente non capisco, ma sicuro, è un mio limite.
    ps. per Franco: concordo con la tua affermazione sui Barolo di Beppe Rinaldi ma, non sono proprio così sicura che gliene freghi qualcosa dei premi anche perchè, assieme a Maria Teresa, sembra che le guide si siano accorte di loro solo in questi ultimi anni e qui si parla di famiglie che hanno scritto la storia del Barolo, non vignaioli dell’ultima ora. Detto questo devo spezzare una lancia a favore di Beppe, nonostante il clamore delle guide, i suoi Baroli sono tra quelli con il miglior rapporto qualità prezzo, anche qui si vede la differenza dell’uomo che ha una sola etica, in vigna come sul mercato…
    Un caro saluto,
    Barbara.

    • giuro: al primo che scrive ancora “Baroli” declinando il Barolo, che resta uno e indivisibile, al plurale, tre giorni di castigo in ginocchio dietro alla lavagna! Barolo, NON “Baroli”!

  4. Sicuramente una cosa che non possiamo discutere è il carattere dei barolo del Citrico. Ho bevuto sere fa un Brunate-LeCoste 2004. Tanto,tanto carattere. Tanto Alcool.
    Al punto che freschezza e tannini erano sommersi. Bello, a me piace,me lo metterei via in cantina, è un barolo rustico,vero,come si dice “di carattere”.Ma probabilmente,non raggiunge l’eccellenza andando ad analizzare le singoli voci che compongono una normale scheda valutativa. Un conto quindi sono i gusti personali (ripeto a me ad esempio i barolo di Rinaldi piacciono), un conto sono le valutazioni delle guide,fatte da panel di degustatori che valutano tutto.

    • valuteranno sicuramente tutto, ma spesso non ci “azzeccano” proprio e non colgono la grandezza dei vini veri come quelli di Beppe Rinaldi. In compenso premiano i vini del rinoceronte e certe patetiche spremute di legno che non le berresti nemmeno sotto tortura…

  5. Se un Barolo deve durare 20 anni, banalmente e a semplice sensazione, ne ha maggiori probabilità un Barolo col carattere tipo Rinaldi che un Barolo tipo Voerzio o con il leone in etichetta, che costano 4 volte tanto. Forse ci si dimentica che un Barolo appena imbottigliato è scontroso e con tannini affilati.

  6. Buongiorno.
    Signor Consumatore perchè un vino con acidità volatile molto alta (vale a dire con palese difetto tecnico) dovrebbe durare nel tempo più di quello di Voerzio, come cita lei?

  7. buongiorno.
    mi sono preso la briga di vedere quanti Barolo erano stati inseriti nelle eccellenze da almeno 3 delle 4 guide. s. e & o. sono:
    Barolo Bricco delle Viole 05 G. D. Vajra
    Barolo Cannubi Boschis 05 Luciano Sandrone
    Barolo Cascina Francia 05 Giacomo Conterno
    Barolo Ciabot Mentin Ginestra 05 Domenico Clerico
    Barolo Le Rocche del Falletto 05 Bruno Giacosa
    Barolo Margheria 05 Vigna Rionda – Massolino
    e nessuno è segnalto da tutte.
    Mi sorgono spontanee delle domande:
    le diverse guide hanno valutato tutte gli stessi vini o le aziende hanno presentato alle varie guide prodotti diversi?
    se in una degustazione alla cieca come quella di “Fine Wine” i giudizi possono a volte essere così diversi, come pensare che in un guida (che può avere notevoli risvolti commerciali) valutazioni ed influenze da blasone e storia di una azienda non vadano ad influire i giudizi?
    Visto l’ultimo articolo di Ziliani anche l’enologo può avere la sua importanza nell’influenzare il giudizio della guida?

  8. Per tornare al tema del confronto tra le Guide, ho notato una cosa interessante: ci sono notevoli differenze tra di esse nell’importanza che assegnano al Barolo nel panorama del vino italiano.
    Questo si può verificare mettendo al confronto il numero di Baroli premiati con il totale dei vini premiati dell’anno.
    Si va da un minimo di 1 su 11 (36 Baroli su 396 premiati, il 9.1%) a un massimo di 1 su 6 circa (35 Baroli su 214 premiati, il 16.4%): le guide sono rispettivamente quella del Gambero Rosso, che risulta quindi quella più tiepida nei confronti di questo vino (almeno in questa edizione) e quella dell’Espresso, la più entusiasta.
    Delle altre due guide, Veronelli è più vicina al Gambero Rosso in termini di incidenza (41 su 375, il 10.9%), mentre l’AIS si colloca in posizione intermedia (39 su 298, il 13.1%).

  9. (PS: per la precisione, i vini premiati del Gambero Rosso sono 391, non 396. Questo comunque sposta di poco la percentuale di Baroli premiati, che con il 9,2% resta la più bassa tra le 4 guide a confronto)

  10. Signor Ag, non mi pare abbia confrontato un vino con acidità volatile molto alta con un vino di Voerzio. I vini di Rinaldi hanno acidità volatile molto alta per definizione?

  11. “Se un Barolo deve durare 20 anni, banalmente e a semplice sensazione, ha maggiori probabilità un Barolo col carattere tipo Rinaldi che un Barolo tipo Voerzio” questo lo dice lei, non io.
    Se sapere la quantità di volatile presente basta portare il vino in un normalissimo laboratorio di analisi, no?

  12. @ Edoardo. A mio personale parere, la Guida dell’Eccellenza non aggiunge nulla di nuovo a quanto è già a disposizione di un appassionato o dell’utilizzatore finale. Leggo l’elenco di Barolo e trovo l’ennesimo elenco di voti, due 94, più di dieci 93, una ventina di 92, una ventina di 91, ecc. Voti mediamente alti: ovvio trattandosi di eccellenza, ovvio trattandosi di produttori che regalano il vino alla Guida e che devono essere giudicati…bene. Oltre 50 Barolo sono stati valutati 90 e più. Sembra che invece Mauro Mascarello debba essere cancellato dalla Guida visti gli scarsi risultati dei suoi Barolo, i peggiori! Nei piani alti della classifica invece si notano, tra gli altri, i vini dei produttori che hanno ricevuto i responsabili della Guida per intervista e video in cantina.

  13. Vi chiedo soltanto, come può la guida veronelli aver premiato barolo e(non baroli),di altare,spinetta e sandrone senza considerarare i BAROLO di giuseppe mascarello, maria teresa mascarello, giuseppe rinaldi,fratelli brovia e i fratelli fenocchio questo, per citare i più eclatanti.Si miei cari il barolo è barolo solo quando è capace di marcare la sua identità poichè questa li rende UNICI!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *