Tutti a Fornovo Taro domenica e lunedì: Vini di Vignaioli da non perdere

Non scriverò Save the date perché l’espressione in fondo non mi è mai piaciuta granché, e preferisco ricorrere ad un più italico, “non dimenticatevene e fatevi un nodo al fazzoletto” oppure ad un francese Souvenez vous, che suona particolarmente bene, in questo particolare contesto, per invitarvi a non mancare e a non perdervi l’appuntamento con i vini naturali e prodotti da agricoltura biologica di scena domenica 1 e lunedì 2 novembre a Fornovo Taro in provincia di Parma, località posta lungo la strada che conduce a Berceto e al Passo della Cisa.
Anche quest’anno, per l’organizzazione della Proloco e della franco-italiana Marie Christine Cogez Marzani, responsabile dell’Associazione ‘Vini di Vignaioli’/ ‘Vins des Vignerons’, si svolgerà il Salone Vini di Vignaioli, aperto la domenica dalle 10 alle 20 e lunedì dalle 9 alle 12, che propone la degustazione e vendita di vini “naturali” e prodotti dell’agricoltura biologica. Come ho già scritto qui, in sede di ampia presentazione, Vini di Vignaioli è un salone che permette al pubblico di incontrare e dialogare con i vignaioli, assaggiare i loro vini e acquistare direttamente, senza intermediari, i loro vini. Il tema conduttore di questa iniziativa, dimostrare come “la ricchezza dei differenti terreni, in Italia e in Francia, è eccezionale.
L’incontro di quei vignaioli italiani e francesi che lavorano con vitigni autoctoni e propongono un interpretazione personale del loro terreno, permetterà a un vasto pubblico di scoprire ed approfondire la conoscenza di questa ricchezza.
Un ampia proposta di vini prodotti nel rispetto del vitigno e del terreno, offrirà a tutti migliori conoscenze di una viticoltura che punta all’autenticità e al naturale e, nello stesso tempo consentirà di apprezzare le qualità gustative, la digeribilità di questi vini”.
Oltre all’aspetto puramente degustativo Vini di Vignaioli propone lunedì 2 novembre, dalle 9 alle 12 un momento di riflessione sul tema I Vini Naturali mediante una tavola rotonda che sarà condotta dal giornalista Samuel Cogliati, attivo collaboratore della rivista Porthos, che proprio su questo tema ha realizzato un interessante excursus che potete leggere qui.
Per informazioni sull’accesso alla manifestazione, il costo d’ingresso, potete visitare sul sito Internet della rassegna la pagina che contiene tutte le notizie utili.
Troverete invece qui, in ordine alfabetico, l’elenco dei vignaioli e vignerons partecipanti. Tra loro Arpepe, ovvero il Nebbiolo di montagna della Valtellina, Arianna Occhipinti dalla Sicilia, la trentina Elisabetta Foradori, Bera dall’Astigiano, Campi di Fonterenza e Stella di Campalto da Montalcino, Cascina Corte da Dogliani e Cascina degli Ulivi dal Gavi, Dario Princic dal Friuli, la Distesa di Corrado Dottori dalle Marche, l’emiliana La Stoppa, Roagna e Punset dalle Langhe del Barolo e del Barbaresco, Pino Ratto, ovvero il Dolcetto di Ovada, Santa Caterina dai Colli di Luni, Marco De Bartoli, ovvero il grande Marsala. Dalla Francia si segnalano il grande champagnista Francis Boulard, Christian Binner dall’Alsazia, Cazot des Mailloles da Banyuls, C&G Vergé da Mâcon in Borgogna.
Per contattare gli organizzatori via posta elettronica: e-mail 1e-mail 2

0 pensieri su “Tutti a Fornovo Taro domenica e lunedì: Vini di Vignaioli da non perdere

  1. Queste iniziative mi piaciono parecchio, putroppo però sono una sagra paesana e senza un rispetto per chi lavora con il vino… sopratutto con chi vuole proporre cose nuove. Spero che un giorno ne possa ricredere… senza nulla contro questa manifestazione sia chiaro, parlo in generale di tutte queste iniziative da mettere in contatto con produttori e consumatori.

  2. @ Andrea. C’è iniziativa e iniziativa. Questa di Fornovo non è certo una sagra paesana,ma un’ottima occasione per assaggiare validi vini e incontrare i loro seri produttori, che solitamente non sono tra i più noti e non appaiono nella pubblicità di riviste del settore.
    Mi dispiace non poterci essere e quindi di non poter aderire all’invito fattomi, ad esempio da Dottori dell’azienda La Distesa o dall’organizzatrice stessa, in occasione di una discussione effettuata su questo blog.

    • Sagra paesana Vini di Vignaioli? Beh chi pensa questo di una rassegna del genere é meglio che si dia al Tavernello e si metta a frequentare altri siti e blog. Suggerimenti, disinteressati, assicurati… 🙂

  3. @ilconsumatore. Ma infatti non sto parlando di questa (che non conosco) ma il mio era solo un pensiero sulle varie manifestazioni pubblicate o no della loro poca serietà tutto qui…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *