Il Nebbiolo nell’albese: degustazione A.I.S. il 23 marzo a Lecco

Siete, anche voi, dei grandi appassionati del magnifico, inimitabile Nebbiolo e vivete in Lombardia?
Bene, allora segnatevi questa data, martedì 23 Marzo e questo posto, l’Hotel N.H. “Pontevecchio” di Lecco, per un appuntamento, ore 20.45, credo piuttosto interessante.
A cura della delegazione dell’A.I.S. di Lecco, e del suo delegato Fabio Folonaro si terrà difatti una Serata che abbiamo voluto intitolare “Il nebbiolo nell’albese”, ovvero Barbaresco, Barolo, Roero e Langhe Nebbiolo.
Otto vini scelti in quattro denominazioni diverse della zona di Alba per illustrare le differenze d’espressione che il Nebbiolo presenta a seconda del terroir.
Dal Nebbiolo fresco, immediato, con invecchiamento limitato ad un anno o poco più, di cui solo una parte effettuata in legno, al più impegnativo Roero, più strutturato, anche se proveniente da terreni più leggeri, sabbiosi calcarei, sino a passare al Barbaresco e al Barolo, ovvero l’apoteosi del Nebbiolo in terra di Langa.
Per questo incontro, che avrò ancora una volta il grande piacere di condurre, ho scelto queste aziende e questi vini:
Langhe Nebbiolo
Giuseppe Mascarello Langhe Nebbiolo 2007
Cavallotto Langhe Nebbiolo 2007
Roero

Cà Rossa Roero Monpissano 2006
Matteo Correggia Roero 2007
Barbaresco

Rizzi Barbaresco Pajoré Suran 2006
Dante Rivetti Barbaresco Bricco riserva 1999
Barolo
Vajra Barolo Bricco delle Viole 2005
Maurizio Rosso Barolo Arione 2005

Mica male come menu nebbiolesco, non trovate?
Per informazioni e modalità di partecipazione tel 039 5310002 / 340 8071309 / 3357357383
e-mail

0 pensieri su “Il Nebbiolo nell’albese: degustazione A.I.S. il 23 marzo a Lecco

  1. splendida serata, come spesso accade, con si’ grandi interpreti…
    grazie per le emozioni suscitate e per le scoperte.

    i due barbaresco danno dei punti a tutti: come si bevono bene, e come se ne vuole bere ancora, e ancora…davvero pericolosi…
    lo stesso dicasi per il roero Ca’ rossa, s-t-r-e-p-i-t-o-s-o, per quanto mi riguarda
    anto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *