Rosati in terra di rosati 2010: panel di degustazione al lavoro in pieno Vinitaly

So bene che l’atmosfera non sarà quella perfetta, da piacevolissimo oziare, di un bordo piscina estivo immortalata in questa foto scattata l’estate scorsa in quel di Monopoli.
Lo so che un salone all’interno dell’Ente Fiere durante il Vinitaly non è la stessa cosa di una bellissima masseria in quella località o di un raffinato wine hotel nella quiete della campagna tra Ceglie Messapica e Ostuni. Ciononostante, cercheremo di fare del nostro meglio, il sottoscritto, che del panel tasting è il coordinatore, e la ventina di eccellenti degustatori, esperti di incontestabile competenza, di diversa provenienza e formazione e storia, che giovedì mattina dalle 10.30 si metteranno d’impegno per esaminare, con passione e curiosità, ovviamente alla cieca (é bene precisarlo per qualche “incredulo” che malignamente pensa a chissà quali “retroscena”), assicurando un giudizio meditato e totalmente oggettivo, gli oltre 30 rosati di Puglia proposti dalle aziende che prenderanno parte all’edizione 2010 della rassegna Rosati in terra di rosati.
Rassegna organizzata anche quest’anno da Francesco Nacci, albergatore pugliese impegnato nell’azienda di promozione turistica della Provincia di Brindisi e animatore dell’associazione Buona Puglia.
Stiamo parlando di un qualcosa che effettua una selezione dei migliori rosati pugliesi, dove non esiste un vincitore unico, bensì è il prodotto rosato di Puglia il vincitore, rappresentato dai 15/18 rosati selezionati che saranno presenti per una intera settimana nella kermesse “Rosati in terra di Rosati” sulle migliori tavole di Puglia con appositi menù, nelle migliori enoteche della regione in degustazioni e laboratori di degustazione, in una grande festa d’estate finale con tutti i produttori, giornalisti e appassionati, oltre che per tutta l’estate nel “Rosato in Tour” con degustazioni in tutte le piazze turistiche di Puglia (da Otranto a Trani, da Ostuni a Taranto, da Ceglie Messappica a Margherita di Savoia).
Dalla nostra degustazione fatta al Vinitaly, un assaggio nel corso del quale ci concentreremo sull’aspetto visivo (sulla bellezza e naturalezza del colore) dei vini, sull’intensità e fragranza aromatica, sul loro gusto e sulla loro piacevolezza, dovrebbe emergere, questo il nostro auspicio, una fotografia fedele, uno spaccato abbastanza rappresentativo (anche se si devono registrare, purtroppo, alcune assenze significative: l’adesione o meno alla degustazione è ovviamente demandata alla decisione dei singoli produttori), della produzione in rosa di Puglia.
Come coordinatore e punto di riferimento del panel, di cui anch’io farò parte, ho ottenuto la preziosa collaborazione dei seguenti amici ed esperti di vino, italiani ed esteri:
Carla Capalbo Usa, collaboratrice di Decanter e di altre riviste, autrice di libri
Juancho Asenjo Spagna, collaboratore del principale sito Internet spagnolo Elmundovino.com
Kyle Phillips Stati Uniti residente in Toscana responsabile del sito Internet Italian wine review
Alfonso Cevola Usa, importatore di vino in Texas e wine blogger On the wine trail in Italy
Carlo Macchi giornalista toscano, responsabile del sito Wine Surf
Luciano Pignataro giornalista napoletano, redattore del Mattino di Napoli curatore del blog Luciano Pignataro collaboratore della nuova guida dei vini di Slow Food
Elia Bolandrini valtellinese, sommeliers professionista degustatore ufficiale A.I.S.
Antonello Maietta vice presidente dell’A.I.S. sommelier professionista e degustatore ufficiale A.I.S.
Giancarlo Gariglio, co-curatore della nuova guida dei vini di Slow Food, curatore del sito Internet Slowine e della Guida al vino quotidiano
Angelo Peretti, gardesano, collaboratore di diverse testate, curatore del sito Internet gourmet
Massimo Di Cintio, abruzzese, collaboratore di diverse testate, autore di guide dei vini rosati italiani
Alessandro Franceschini giornalista e sommelier, collaboratore di LaVINIum e Porthos, della rivista dell’A.I.S. De Vinis
Roberto Giuliani curatore del sito Internet LaVINIum
Francesco Muci pugliese, tra i responsabili in Puglia di Slow Food e della guida dei vini di Slow Food
Pasquale Porcelli pugliese, giornalista collaboratore di diverse testate tra cui WineSurf
Enzo Scivetti pugliese, sommelier, degustatore, tra i massimi responsabili nazionali dell’Onav
Andrea Terraneo responsabile Enoteca La Barrique (Associata Vinarius) Cantù.

Sono sicuro che insieme, appassionati di rosati come siamo (e non dell’ultima ora, vero Massimo?) faremo un eccellente lavoro….

0 pensieri su “Rosati in terra di rosati 2010: panel di degustazione al lavoro in pieno Vinitaly

  1. Complimenti a chi ha organizzato. Una forma di promozione esemplare ed intelligente. Aggiungo che con la sua meravigliosa Fontanina (il posto migliore, a mio parere, dove si possa mangiare da Ostuni in giù) Nacci é il fiore all’occhiello della gastronomia nel Sud della Puglia, anche per quanto concerne la cantina, dove appunto si possono trovare sia i buoni ed economici rosati pugliesi, sia fior di bottiglie di Langhe e Toscana.
    Io ho festeggiato lì i miei 40 anni ed è stata una gran serata…
    Luca Delle Canne

  2. Pingback: Rosati in terra di rosati 2010: panel di degustazione al lavoro in pieno Vinitaly | Trentinoweb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *