Wine Day il 31 maggio a Villa Braida: per le verticali iscrivetevi subito!

Lo so che a lunedì 31 maggio manca ancora oltre un mese, ma visto che i posti a disposizione sono veramente contati e che senza preventiva e tempestiva iscrizione di poter partecipare non se ne parla proprio, vi consiglio di portarvi avanti e di registrarvi qui, all’edizione 2010 del Wineday, organizzato dalla Vinicola Balan, a Villa Braida di Mogliano Veneto, aperto dalle 10 alle 19.30.
Oltre alla “normale” attrattiva rappresentata dalla possibilità di degustare 300 vini e 30 distillati proposti da 80 produttori distribuiti e rappresentati da Balan – qui l’elenco – il Wine Day propone, come già fatto egregiamente nel 2008, una serie di fantastiche degustazioni, per ognuna della quale sono disponibili solo 20 posti, che verranno attribuiti secondo un criterio cronologico delle domande di partecipazione, di quelle che da sole giustificano una trasferta fino a questa bella località del trevisano facilmente raggiungibile (vedete qui) via autostrada.
Fatevi un’idea di quello che bolle in pentola annotandovi che tutto comincerà alle 11, con una
degustazione verticale delle seguenti annate di
Riesling di Schloss Johannisberg:
Silberlack Erstes Gewächs 2008
Silberlack Erstes Gewächs 2007
Silberlack Erstes Gewächs 2006
Silberlack Erstes Gewächs 2005
Grünlack Spätlese 2008
Grünlack Spätlese 2004
Grünlack Spätlese 1964
Grünlack Spätlese 1971
Gelblack 1970
la degustazione sarà guidata da Stefan Doktor.

Alle 13 ci si sposterà in Francia, a Saint Emilion, con una degustazione verticale delle seguenti annate di Château Valandraud:
Château Valandraud, Saint Emilion Grand Cru 2007
Château Valandraud, Saint Emilion Grand Cru 2004
Château Valandraud, Saint Emilion Grand Cru 2003
Château Valandraud, Saint Emilion Grand Cru 2001
Château Valandraud, Saint Emilion Grand Cru 1999.
La degustazione sarà guidata da Jean-Luc Thunevin.

Il tempo di riprendersi per scendere in Toscana e alle 14.30 godervi una degustazione verticale delle seguenti annate dei vini di La Massa:
Giorgio Primo 2009 (anteprima)
Giorgio Primo 2008 (anteprima)
Giorgio Primo 2007
Giorgio Primo 2006
La Massa 2006
Giorgio Primo 2004
Giorgio Primo 2001
la degustazione sarà guidata da Giampaolo Motta

Alle ore 16, ma sembrano non esserci già più posti disponibili, e ci si può solo iscrivere alla lista d’attesa, ancora Bordeaux, con un mito, Château Mouton Rothschild, con i seguenti vini in assaggio:
Aile d’Argent 2005
Petit Mouton, Pauillac 2005
Château Mouton Rothschild, Pauillac 1er GCC 2006
Château Mouton Rothschild, Pauillac 1er GCC 2005
Château Mouton Rothschild, Pauillac 1er GCC 2001
Château Mouton Rothschild, Pauillac 1er GCC 1998
Château Mouton Rothschild, Pauillac 1er GCC 1989
la degustazione sarà guidata da Hervé Berland.

Infine, dulcis in fundo, alle 18 tutti a Montalcino con il Brunello di un’azienda storica, Il Poggione, con la degustazione, condotta dal direttore dell’azienda, l’amico Fabrizio Bindocci, nonché dal sottoscritto, dei seguenti vini:
Brunello di Montalcino Riserva 2004
Brunello di Montalcino Riserva 2003
Brunello di Montalcino Riserva 1999
Brunello di Montalcino Riserva 1985
Brunello di Montalcino 1982
Brunello di Montalcino 1979
Brunello di Montalcino 1973.

Beh, non dite che non mi avevo avvertito per tempo!

2 pensieri su “Wine Day il 31 maggio a Villa Braida: per le verticali iscrivetevi subito!

  1. Pingback: Wine Day il 31 maggio a Villa Braida: per le verticali iscrivetevi subito! | Trentinoweb

  2. Ohhh my Goshhhh!
    tra i vini francesi in degustazione c’è da perdere la testa!! Lo Château Valandraud è davvero un Signor Saint Emilion prodotto da Jean-Luc Thunevin e sua moglie Murielle
    Andraud con 65 % Merlot, 25% Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon 5%, Malbec 5% e Carmenère 1 % tenuto in barrique dai 18 ai 20 mesi con una produzione annuale di 15000 bottiglie. E’ stato anche protagonista di una disputa con l’INAO (Institut National de l’origine et de la qualitè) per aver posizionato in 2 ettari di vigna teli di plastica… per due anni ha continuato a protrarre questo esperimento senza nessuna diffida fino a quando nel 2000 è stato avvisato pena la perdita della denominazione. Lui ha accettato la degradazione chiamando il vino prodotto da quelle vigne “Vin de Table”.
    A mio avviso l’annata migliore in degustazione è la 2001! Mentre il Château Mouton Rothschild non ha bisogno di presentazioni, for me the best is 2005!
    Franco poi ci saprai dire!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *