A Rovereto per il Trentino dei Vignaioli

Continua, per la serie wine trotter on the road, la serie delle mie trasferte vinose. Questa volta, lunedì e martedì, “volo” in Trentino, a Isera in Vallagarina dove presso l’attiva Casa del Vino farò una full immersion, questa volta riservata ai vini bianchi e ai TrentoDoc di una ampia serie di aziende aderenti all’Associazione Vignaioli del Trentino, nata nel 1988 e cresciuta sino a comprendere un numero importante di piccoli produttori che rappresentano la crema della produzione vitivinicola trentina.
Loro si definiscono, sul sito Internet dell’associazione, “dinamici imprenditori del nuovo modo di fare agricoltura montana. Produttori responsabili e rispettosi dell’ambiente, ecologi non per moda o tendenza del mercato, ma per consuetudine.
Operano per la qualità, difendendola in tutte le sue sfumature, le sue diversità. Per vini di e con personalità. Vini anti-omologazione. Che rispettano (e rispecchiano) differenze dettate dall’andamento vendemmiale, dallo specifico microclima, composizione del terreno, indole stessa del singolo coltivatore. Produzioni mirate. Solo alla qualità”. E’ per saggiare questa qualità che ho chiesto al neo presidente Nicola Balter di organizzarmi questa interessantissima degustazione, che sono sicuro mi offrirà indicazioni molto confortanti non solo circa la vitalità dell’Associazione ma circa una filosofia del fare vino che in questa regione dove continuano a spadroneggiare e a fare il bello e soprattutto il cattivo tempo le Cantine cooperative non può che piacermi e soprattutto piacere ai consumatori più esigenti.
Prossimamente un primo report sulla mia due giorni di assaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *