Basta barrique: Giampaolo Paglia racconta i perché di una decisione “storica”

Nel pieno della pausa agostana, quando anche le attività via Web (comprese quelle di molti siti Internet e blog) se ne vanno in vacanza, uno dei produttori di vino italiani più attivi sulla Rete, con una sua apprezzata attività di wine blogger che si è distinto proponendo problemi di carattere generale legati al vino (l’inutilità dell’Ice, le commissioni di degustazione delle Camere di Commercio da rifondare, l’eccessivo parlare di vino, ecc.) e non solo parlando dei propri vini e della propria azienda, sto parlando di Gianpaolo Paglia, alias Poggio Argentiera, ha lanciato sul suo blog una vera e propria bombettina.
Con un post dal titolo facilissimo da capire e quanto mai emblematico, basta barriques, ha annunciato una svolta non certo da poco.
Se non è una “rinuncia a Satana”, poco ci manca, perché anche se Paglia ha scelto i toni bassi e dice “nessuna sconfessione del passato, nessun ripudio; molto semplicemente si evolve, personalmente e come azienda”, informandoci di aver rinunciato alla barrique per i Morellino di Scansano, “perché non ci piaceva più quello stile di vino, specialmente abbinato al Sangiovese, al Ciliegiolo”, ha, di fatto, deciso un cambiamento epocale, di quelli da ricordare.
Soprattutto allorché annota che, “in sostanza, in questi ultimi 10/15 anni è cambiato il mondo del vino, e sopratutto sono cambiati i miei (nostri) gusti..”.
Cosa ho fatto dunque, prendendo atto che questo di Paglia è il secondo addio alla barrique che registro (con grande gioia, non lo nascondo…) dopo quello, di cui ho parlato qui recentemente, pronunciato in Valle d’Aosta alla cantina Di Barrò, da Elvira Stefania Rini e Andrea Barmaz?
Ho contattato Paglia e gli ho chiesto di spiegarmi e soprattutto di spiegare a voi lettori di Vino al Vino, i motivi profondi della sua scelta, la sua svolta, in cosa consista il cambiamento di stile e di gusto personale di cui parla nel suo post.
Ne è scaturita una lunga e credo molto interessante conversazione, che ho il grande piacere di sottoporre alla vostra attenzione. E ai vostri, come sempre benvenuti, commenti. Buona lettura!

Paglia, com’è maturata la sua scelta, annunciata sul suo blog in un post dal titolo che più chiaro non si può, “basta barrique”, – leggete qui – di rinunciare ad utilizzare i piccoli fusti di rovere francese per buona parte dei vini prodotti in azienda, soprattutto per i Morellino?
E’ l’approdo naturale di un percorso mio personale e aziendale. Con il tempo mi sono reso conto di non apprezzare più quel tipo di espressione che dà al vino il legno piccolo, specialmente per il Sangiovese.

Da quanto tempo pensava che era venuto il momento di cambiare e voltare pagina?
Come tutte le cose che nascono dal nostro interno, c’é una fase cosciente, dove si prende atto di quello che pensiamo e desideriamo, ed una fase incosciente, dove si forma la volontà, ma non è ancora chiaramente manifestata.
Per la prima fase, almeno un paio di anni, per la seconda non saprei, sicuramente qualcosa di più. Di sicuro ci sono stati momenti che hanno contribuito alla mia crescita personale. Uno di questi è senz’altro la mia frequentazione di persone del mondo del vino che mi hanno aperto degli orizzonti più ampi.
Ho intrapreso un percorso di studio dei vini, qualificandomi con l’Advanced Certificate del W.S.E.T. (Wine and Spirits Education Trust), che continuerò in inverno con il corso di Diploma.
Inoltre da più di una anno una mia società e diventata distributrice e rappresentante di vini per la provincia di Grosseto, con dei mandati importanti come Sarzi Amadé e Les Caves de Pyrène.
Insomma, più si conosce e si frequenta il vino, più si diviene esigenti anche rispetto ai propri vini.

Si è trattata di una scelta di gusto del produttore – lei ha scritto “sono cambiati i miei (nostri) gusti” – o è stato anche un modo lucido e realistico di tenere conto degli orientamenti di larga parte dei consumatori, che, pare, si siano stufati di vini al profumo e gusto di legno?
Anche qui è difficile differenziare. L’attività commerciale è legata indissolubilmente alla produzione agricola, senza di essa non esisterebbe ed è al tempo stesso motore e giudice implacabile delle nostre attività. Tendo a non fidarmi di chi proclama di fare vino senza scopi commerciali. Tutt’al più ci può essere la consapevolezza che è difficile avere successo commerciale senza amare il proprio lavoro e apprezzare il suo frutto.



Lei ha detto “non ci piaceva più quello stile di vino, specialmente abbinato al Sangiovese, al Ciliegiolo”: vuole farmi capire meglio quali aspetti, in quei vini fatti utilizzando la barrique, non la convincevano più, non soddisfacevano il suo gusto?

C’e’ in alcuni vini prodotti con le barriques un eccesso di dolcezza, che può essere visto anche in chiave positiva, ma che per me è un fattore stancante del palato. Si tende a perdere complessità e sfumature a favore di una certa cremosità del gusto, ed in generale credo sia più difficile far emergere il carattere di vitigni come il Sangiovese e il Ciliegiolo, dove una certa spigolosità e nerbo sono alla base della loro identità. In più c’é il fattore bevibilità: mi sono stancato dei vini troppo invadenti.

Perché ritiene che, almeno secondo il suo gusto, la barrique non vada (più) bene per il Morellino, ma funziona ancora bene per le varietà internazionali? Non so se continueremo in futuro ad usarla per il nostro unico vino fatto a base di uve internazionali (il Finisterre, a base di Cabernet Franc, Syrah, Alicante), ma certo se c’é un senso nell’uso della barrique, questo sembra esserci maggiormente quando collegato all’uso di certe varietà.
Faremo delle sperimentazioni e vedremo i risultati e poi prenderemo delle decisioni.

Ha deciso di rinunciare alla barrique per una scelta legata al suo gusto: con questo vuole dirci che i vini devono piacere e convincere fino in fondo soprattutto chi li produce?
Sono totalmente d’accordo con lei, ma allora cosa replica a tanti suoi colleghi che continuano a dire, anche oggi, che i vini devono corrispondere agli orientamenti del mercato e dei consumatori?
Io dico che fare vini che piacciono a chi li fa ha molto più senso commerciale che provare a interpretare i gusti del mercato. La mia sensazione é che tendiamo a sottovalutare chi i vini li acquista e li beve, un po’ per mancanza di conoscenza, un po’, forse soprattutto, per nostra mancanza di coraggio.
Ci sono vini che ci paiono buonissimi, ma che consideriamo “difficili” per il mercato, salvo poi verificare che il mercato è apertissimo ai vini buoni, veri, comunicativi.
Questo lo vedo tutti i giorni, soprattutto da quando, oltre che produrre, mi sono messo anche a commercializzare altri vini.

Cosa pensa di due categorie di suoi colleghi produttori, quelli che hanno deciso di rinunciare alla barrique, o quantomeno di utilizzare solo fusti di terzo, quarto passaggio, o di più, solo perché la crisi economica li induce a risparmiare e a non comprare altre costose barrique nuove, e quelli che invece continuano, imperterriti ed impermeabili ad ogni dubbio, convinti che non si possano produrre vini importanti senza il ricorso al carato?
Penso che ognuno deve essere libero di fare le scelte che ritiene più opportune per lui e la sua azienda. Sarà il mercato a dare un giudizio su questi vini e sarà il produttore che sarà chiamato ad interpretarlo. L’importante è avere l’onestà intellettuale di farlo, proprio per il bene della propria azienda. Bisogna farsi una domanda semplice: mi piacciono i miei vini? Se fossi un cliente li comprerei assiduamente? Li bevo volentieri a casa, in famiglia, tra amici?
Dalla risposta, sincera, a queste domande dipende il futuro, anche economico, di una azienda di vino.

Come cambierà ora il suo Morellino, il celebre Capatosta in particolare, con l’utilizzo di fermentini troncoconici e di botti da 10 ettolitri di Garbellotto? Quali elementi prevarranno rispetto al passato e quali elementi vuole portare maggiormente in evidenza?
Già lo possiamo vedere dall’annata 2009, al momento in affinamento, e anche in parte dalla 2008, dove l’uso del legno piccolo è più misurato.
Bisogna dire che il cambiamento non è soltanto a livello dell’affinamento, ma anche in vigna, dove siamo in conversione al biologico e dove stiamo lavorando con meno ossessione verso le basse produzioni per ceppo e più verso l’equilibrio della pianta, e  in cantina, dove cerchiamo più di privilegiare la semplicità delle operazioni, con macerazioni meno lunghe ed estrattive del passato.
Stiamo anche verificando che l’uso di meno solfiti in cantina non è pregiudizievole della qualità, ma sembra al contrario favorire la “distensione” dei vini e una loro espressione più pulita e naturale.
Insomma, ci sono molte cose in atto oltre alla scelta dei legni. E’ una presa di coscienza che un cambiamento era inevitabile e un metodo di lavoro che ci sembra più in sintonia con i nostri gusti.
Per di più siamo molto felici perché i vini così fatti ci piacciono di più, hanno maggiore eleganza e al tempo stesso maggiore semplicità e bevibilità. Insomma, secondo me sono più buoni, sono vini che mi bevo più volentieri.

Lei vende molto all’estero e ascolta attentamente, anche attraverso il suo blog, le opinioni della clientela e degli appassionati. Come hanno reagito sinora importatori, ristoratori e semplici cultori di Bacco alla sua decisione, che tra l’altro ha scelto di annunciare un po’ in sordina, complice la pausa agostana?
In realtà il post di cui lei parla è nato un po’ così all’improvviso, un giorno che camminando vicino alla rimessa attrezzi ho visto quella pila di baggioli vuoti (supporti per barriques) che mi ha impressionato, e forse mi ha fatto materialmente rendere conto del cambiamento.
Non ho effettivamente comunicato in altro modo a clienti e appassionati, tranne quei pochi che seguono il mio blog, e non ho intenzione di fare di questa scelta una leva di marketing. Mi sembrerebbe lo stesso errore, a posizioni inverse, di coloro che qualche anno fa scrivevano con orgoglio che i loro vini erano “barricati”.
Credo che le scelte tecniche possano essere discusse in modo pragmatico e laico, senza farne delle questioni di interesse primario. A parlare deve essere soprattutto il vino.

Tentando un esame retrospettivo, quali sono stati a suo avviso, in questi ultimi vent’anni, i pregi, i vantaggi tecnici portati dall’uso diffuso della barrique e quali sono stati i problemi che ha causato al vino italiano? Pesandoli sulla bilancia, sono stati più i pro o i contro?
Credo che l’uso della barrique sia stata una forma di riscatto da un passato enologico spesso grigio e triste, almeno per gran parte dell’Italia del vino. E’ stata un po’ come  il bisogno di affermare che nel vino italiano si era girata una pagina, e che il futuro sarebbe stato fatto di vini importanti, senza complessi di inferiorità con i cugini d’oltralpe, in grado di attrarre interesse del pubblico internazionale e di rifondare un enologia fatta di tecnologia, buone pratiche, bei vigneti, cantine supertecnologiche e scintillanti, enologi di grido.
In fin dei conti lo ritengo un passaggio dovuto per chi, come molti di noi, non può rifarsi ad un passato enologico glorioso e ben sperimentato. E’, se vogliamo, un difetto di gioventù del vino italiano, una malattia infantile che deve essere presa, vissuta e dalla quale si deve guarire prima di girare la prossima pagina.
Nel complesso credo che ci siano stati più lati positivi, a condizione di assumere il giusto atteggiamento critico verso questo fenomeno. E’ innegabile che l’immagine dei vini italiani nel loro complesso (senza parlare di quelle poche oasi che pure esistevano) sia cresciuta enormemente negli anni 80 e 90 anche proprio grazie ai vari Tignanello, Sassicaia, ecc., che sono stati un po’ gli emblemi del rinascimento italiano del vino e tutti vini pensati e compiuti con l’uso del legno piccolo.
Passato il periodo giovanile, ora è il momento della maturità, delle scelte consapevoli, delle distinzioni e del lavoro di sostanza sul territorio.
Certo non posso parlare per gli altri, ma questi vent’anni sono serviti anche a me per capire meglio il vino, la sua storia, i suoi terroirs, e per definirmi come persona (si invecchia, ahimè, ma si matura anche) e come conoscitore di vino e dei vini.
Insomma, molto banalmente, anche il mio gusto si è evoluto, così come quello del pubblico che prima era molto più semplice e facilmente impressionabile dal “peso” di un vino, piuttosto che dalle sfumature.

Pensa che la sua decisione farà proseliti e ritiene che un numero crescente di produttori, in Maremma e altrove, “ripudieranno” la barrique, o quantomeno l’uso eccessivo o abnorme che ne è stato fatto, per provare a produrre vini più “food friendly” e maggiormente dalla parte del consumatore?
Ho la sensazione che nel futuro vedremo dei cambiamenti, non per causa mia s’intende,  ma perché i tempi sono maturi. La critica non è più schierata compattamente (anche se lei mi obietterà giustamente che “alcuni” non hanno mai fatto parte di questa schiera) verso vinoni scuri e concentrati, con legno a go gò. Anzi, sembra muoversi nella direzione opposta.
E poi perché la gente si sta accorgendo che di certi vini in fin dei conti si parla molto, ma li si beve molto meno.

Cambiando discorso, come vede, da produttore, la situazione odierna del Morellino di Scansano? Di che salute godono i vini e la denominazione? Quali sono i problemi più urgenti da affrontare e risolvere?
La situazione del Morellino non è diversa da quella di molte DOC o DOCG italiane che hanno avuto un certo successo. C’e’ una stratificazione della qualità abbastanza accentuata, con alcune aziende, spesso quelle più storiche e locali, al top, molta mediocrità, e una buona fetta di vini pessimi fatti dagli imbottigliatori di professione o da chi cavalca il successo di un nome senza troppi scrupoli, senza investire nulla sul territorio, e perché qualcuno glielo permette.
Le aziende, anche nomi importanti e significativi, venute da fuori Maremma non sembrano aver dato impulso o contributi significativi alla DOCG, né dal punto di vista del mercato, né da quello della riflessione e dell’elaborazione di strategie produttive e di promozione.
Purtroppo questa è stata una mia grande delusione a livello personale. Nel complesso è una zona con buone potenzialità, che non sono solamente limitate al Morellino (penso all’Amiata del Montecucco, e alle zone bellissime e poco valorizzate intorno a Pitigliano), ma che é alla ricerca dell’identità. Purtroppo l’identità non nasce da sola, non viene dal genio di uno o due produttori in stato di grazia, ma è il frutto di una lunga opera complessiva di riflessione, di conoscenza del territorio, di lavoro comune.
Qui siamo ancora all’anno zero o quasi. Non si è fatto nulla per la conoscenza del territorio: parlo di zonazioni, studio di varietà e cloni, ecc. Non si è fatto nulla in tema di promozione verso l’estero.
Non si è fatto nulla in tema di regole e disciplinari, ancora retaggio degli anni 70, scritti in italiano ambiguo, che dicono tutto e nulla e non servono a niente. Sono regole che sembrano scritte da azzeccagarbugli, piene di un linguaggio burocratese buono solo per ostacolare chi fa bene, ma con buchi cosi’ grandi da lasciar passare chi produce male o peggio.

E come vede il futuro?
Io credo che il futuro sarà di chi avrà il coraggio di fare tabula rasa e partire dai fondamentali: conosco il mio territorio? conosco le mie varietà? i metodi di vinificazione? i metodi di coltivazione?
I disciplinari devono definire con maggior precisione le zone vocate, e cancellare quelle non vocate, mettendo anche in campo delle agevolazioni per spiantare tutte quelle vigne che si trovano in zone pessime e non vocate e al contempo affidarsi meno ai pali e paletti messi con l’illusione di controllare il mercato.
Le commissioni di degustazione delle Camere di Commercio non possono bocciare i Sangiovese perché hanno poco colore e farne passare altri neri come la pece. Se non si investe in conoscenza è impossibile andare a raccontare al mondo chi siamo.

Non vorrei chiederle del Consorzio, conoscendo i suoi rapporti, non sempre “facili” con l’ente consortile: ma ci sono novità che la riguardano?
Per quanto riguarda il Consorzio del Morellino qualcosa sta cambiando. Io ne uscii quasi 5 anni fa, quando ormai il Consorzio era ridotto ad un luogo di scontro di poteri, completamente bloccato nelle sue finalità più alte, ovvero di essere luogo di incontro dei produttori, di stimolo alla riflessione sul nostro vino, di motore della promozione.
Da quando uno degli attori più importanti di quello scontro, la Cantina Cooperativa del Morellino, é uscito dal Consorzio, qualcosa sembra essersi sbloccato. Il Presidente mi ha chiesto di rientrare nella compagine e di contribuire al cambiamento, che adesso si avverte inevitabile e non più procrastinabile.
Ed io ho accettato con la condizione che si mettano alla guida dello stesso delle persone giovani, appassionate, pulite, e che soprattutto sono lì perché interessate al vino e non alla politica. Il Consorzio deve essere una casa di tutti, e soprattutto una casa di vetro.
Preciso che non sono intenzionato a candidarmi o farmi candidare per nessuna carica, e che darò il mio piccolo contributo solo alle condizioni di cui sopra.

0 pensieri su “Basta barrique: Giampaolo Paglia racconta i perché di una decisione “storica”

  1. E complimenti soprattutto a Paglia. Concordo in pieno su molte delle sue valutazioni, riguardo alla evoluzione e maturazione dei tempi per il mercato italiano, per i produttori e per i consumatori.
    Già ho avuto modo di assaggiare e apprezzare alcuni suoi vini, ma sono sicuro che con questa nuova strada intrapresa li apprezzerò ancora di più!

  2. Bel post, Giampaolo Paglia si conferma sempfre una (bella) testa pensante, leggo i suoi commenti su blog vari e devo dire che è veramente una persona ricca di idee e stimolante. Bellissimo il discorso sul cambiamento, che è poi quello che in molti abbiamo fatto e nel quale quindi ci possiamo identificare, noi dal lato consumatori e lui dal lato produttori. Sono a questo punto curioso di assaggiare il nuovo capatosta barrique-free.
    saluti
    francesco
    PS non per fare il bastian contrario ma, pur apprezzando in linea di massima vini di stile tradizionale (botte grande etc),il tifo anti barrique non lo farei in toto. ricordo infatti che, anche senza citare i tignanelli o solaia (mai stati nelle mie corde)alcuni dei miei vini del cuore fanno (anche) legno piccolo (pergole, cepparello, rodano viacosta etc), per cui è solo il modo/tempo/passaggi in cui viene utilizato che determina il risultato

  3. Questo signor – anzi Signor – Paglia ha rilasciato un’intervista da manuale (io me la stampo e la voglio rileggere su ‘carta’), in cui brillano tre parole, che sono fondamentali (non solo per il mondo del vino):
    INVESTIRE IN CONOSCENZA.
    Questa frase vale l’intervista tutta. Chapeau:imparo.

  4. che bello rileggerla con un post davvero interessante come questo. concordo con GianPaolo quasi su tutta la linea, perchè personalmente i vini troppo “lignei” non sono nelle mie simpatie. inoltre credo che la crescita di qualsiasi azienda passi anche attraverso scelte più o meno forti. auguro al mio amico Gian Paolo di fare vini ancora più buoni e strepitosi!!

  5. Validi i post come questo che fanno conoscere i punti di vista del produttore e il produttore stesso.
    Complimenti a Paglia per la scelta e in bocca al lupo per i risultati.
    No barrique…

  6. In Toscana le botti tradizionali di vini che si fanno da almeno 600 anni sono sempre state i carati e i caratelli, cioe’ botticelle pressapoco della capacita’ delle barriques. Oggi non ci sono artigiani che riescono a farne a spacco a prezzi concorrenziali e percio’ chi ne usava a volumi commerciali elevati ha dovuto giocoforza cominciare a comprare le barriques dalle grandi tonnelleries francesi (e oggi da quelle medie croate, slovene, georgiane, ungheresi). Quello che sono state costrette a fare le grandi cantine. Quindi non demonizzerei le barriques per certi vini toscani.
    Non per tutti, pero’. Ho letto bene l’intervista. Il Morellino la sua collocazione la deve ancora trovare. E Paglia non e’ uno che gioca con i legni, come tanti altri validi produttori. Trasforma la sua cantina (ma ha precisato anche la vigna) per ottenere il massimo. E’ normale dunque che le sue scelte ponderate servano a garantire la qualita’ del vino. Una cosa che il tipo di botte non cambia. Se il vino e’ buono, e’ buono comunque, il legno non dovrebbe mai offuscare, strangolare un vino buono con dei tannini estranei.
    Ragazzi, qui si parla di composti polifenolici, aldeidi alifatiche, flavonoidi, terpeni, esteri, insomma c’e’ tutta la chimica organica nel vino, insieme alla biologia (enzimi, batteri, lieviti selezionati, lieviti selvatici…), cioe’ non si scherza piu’ col vino del contadino che come viene viene ma poi da’ una botta terribile di acidita’ renale che a qualcuno ha dato problemi mica male… altro che il colpo della strega!
    Parlarne puo’ dunque soltanto far bene. Speriamo serva sempre a bere meglio ed in modo consapevole.
    Bravo Paglia, Bravo Franco.

  7. @ Mario Crosta
    Nel mio piccolo lembo di Toscana c’erano botti secolari grandi quanto un appartamento che incutevano timore nel fresco ombroso delle cantine ad un allora bimbetto quale ero.
    Questo nelle fattorie, poi i contadini avevano le loro botticelle di castagnaccio spesso da 5, 10, 15 hl a contenere la loro parte di vino in mezzadria.
    Nei caratelli avveniva il Vinsanto e qualcuno ce lo fa ancora invece di usare le barique stanche e dismesse.
    Gian Paolo Paglia è una eccellente testa pensante oltre un produttore di ottimo vino.

  8. Senza entrare nel merito delle scelte, apprezzando comunque sia le valutazioni stilistiche e storiche sia la consapevolezza che l’ha generate, merita secondo il mio punto di vista sottolineare chiare conseguenze che queste scelte andranno a determinare.
    Noi agenti, semplificando neanche troppo, ci troviamo di fronte due clienti. Chi ti compra il morellino e chi invece ti compra il capatosta. Chi ti compra semplicemente il morellino lo ricomprerà volentieri se, poniamo, un tavolo di tre commensali arriverà ad ordinare la seconda bottiglia. In questo caso la vendita ed il successo commerciale di un vino li determina la sua bevibilità e la sua onestà.
    Chi ti compra il capatosta è di solito cliente piu preparato. Che conosca il prodotto o meno ama sentirne parlare. Ben venga allora questa scelta, perche complessizza il discorso su un vitigno ed un territorio che lo meritano e che necessitano di questa giusta complessità per riuscire ad esprimerli realmente per quello che sono e che rappresentano,e rende il nostro parlare di un vino piu articolato, quindi piu appassionato e divertente. Se poi il vino sarà anche vino vero e appagante nella bevuta le parole spese avranno un peso ancora maggiore.
    Barriques è ormai, per noi agenti, sinonimo di semplificazione nella descrizione di alcuni vini, che spesso tronca il discorso.

  9. Grazie, Andrea, e come certamente puoi immaginare anche dalle mie parti avevamo (e abbiamo) botti da 10, 15 ettolitri, di cui alcune sono centenarie, grazie alle quali mio zio nascondeva dietro delle bottiglie che abbiamo ritrovato con mio cugino cinquant’anni dopo e non ti dico che festa! In un tino addirittura doppio nascose una famiglia ebrea durante i rastrellamenti nazisti, salvando loro la vita. In barrique non l’avrebbe potuto fare…

  10. Mario, quelle botti centenarie con il passare degli anni le ho viste disintegrare per fare posto ale barique.
    Si può discutere del loro valore e della mole a contatto con il vino, ma vederle smembrate, buttate nei piazzali, perdere ogni traccia di un passato mi ha messo addosso un gran magone, un pezzo di storia e di gente che sparisce.
    Il tino che salva una famiglia ebrea dai rastrellamenti è una bella storia, le bottiglie vecchie nascoste lo stesso, dietro le barique invece solo ragnatele…

  11. Si parla tanto e solo di barrique, cosa totalmente secondaria.
    Il vino viene fatto n legno, Medio picoolo o grosso come una stanza.
    Tutto totalmente secondario e senza significato.
    Ma qualcuno potrebbe dire qualcosa sulle uve e sulle vigne di scansano?
    In Francia nessuno mi ha mai detto niente sulle barrique, li si parla
    solo di vigna e uva.
    Mi dispiace, tanta superficie e poca profondita’

  12. Andrea, ne ho viste disintegrare anch’io, ma ne fanno ancora di nuove e ne vedo anche in Piemonte di nuove. ma anche altrove, basta andare infatti per esempio da Bertani giu’ nel cantinone per vedere botti grandi acquistate da poco, ma anche alla Cantina di San Michele Appiano, dove si sfrutta ancora l’apertura nella pavimentazione del cortile per farle scendere giu’ in cantina a sostituire quelle vecchie o a integrarle. Certo che si usano anche i fusti da 1.000, i mezzifusti da 500, i tonneaux e anche le barrique; e’ effettivamente una questione di sapienza ed esperienza nell’uso dei legni (ma dopo la vigna e l’uva come giustamente ci ricorda Francesco) da possedere comunque per non soffocare il vino e i suoi tannini provenienti appunto dalla vigna e dall’uva con i tannini e le altre sostanze cedute dai legni a volte in modo esagerato e spesso incontrollato. Si fa in fretta a rovinare un vino eccellente con l’abuso o l’uso errato dei legni, mentre non lo si migliorera’ mai. Cio’ che conta e’ la materia prima e non la materia seconda. Comunque, per la precisione, il tema della discussione era sulla scelta o no della barrique ed io mi attengo al tema, che sia superficiale o profondo dipende dai commenti.
    Sul Morellino suggerirei di leggere ( oltre al bel blog di Giampaolo Paglia su http://poggioargentiera.com/ ) anche due articoli di Ziliani nonostante che siano un po’ indietro nel tempo (2000, 2005):
    http://www.winereport.com/winenews/vino_settimana/scheda.asp?IDCategoria=-1&IDNews=68
    http://www.winereport.com/winenews/scheda.asp?IDCategoria=6&IDNews=1455

  13. Condivido in toto questi argomenti, già da tempo affrontati.
    … e poi il legno costa troppo. Diciamo la verità, liberiamoci di uno stereotipo. E’ possibile fare grandi vini senza legno, con poco legno, costano meno, più goduriosi, meno omologati. Si sà il legno è un’attrazione fatale per i neofiti… poi ci si evolve. Insomma vedo che la questione sta avanzando. In senso positivo.
    Insomma si sà che il barrique è adatto al merlot o al Cabernet, ma col Sangiovese… è stata una prova, per tutti, ma ora in effetti basta. Sangiovese vuole botte.

  14. ..evviva…”qualcosa si muove”… e poi molto interessante..”gli scontri dei poteri nei consorzi” ,e le camere di commercio ” passatori di brodi neri”??

  15. Ma siamo sicuri che sia il contenitore il colpevole di certi vinacci legnosi?
    Non è che sia il produttore che quei legni non li sa usare?
    Grande rispetto per la scelta di Paglia e per il suo percorso di vignaiolo, ma tutti i commenti a seguito di questo thread sembrano voler demonizzare la barrique a tutti i costi.
    Ricordate che i grandi di Borgogna e di Bordeaux passano in legno piccolo, a Bolgheri i vari ‘aia passano la barrique, in Trentino quello spledido vino che è san Leonardo passa la barrique, Pergole Torte idem e si potrebbe continuare.
    La verità è che nebbiolo e sangiovese chiamano legno grande mentre cabernet, merlot, pinot nero (per fare un esempio) chiamano a gran voce il legno piccolo perchè reagiscono diversamente.
    Non vorrei che si arrivi a creare una nuova moda (che come tutte le mode è passeggera), quella del “barrique? No grazie!”, soltanto per aver qualcosa da raccontare di diverso al cliente.

    • cominciamo con il de-barricare i vini base Nebbiolo e larga parte dei Sangiovese e magari sugli Aglianico del Vulture: sarà già un grandissimo risultato. Se poi si aggiunge l’uso incongruo su buona parte dei vini da vitigni autoctoni, l’opera di bonifica sarà veramente una mano santa…
      Sulla scelta di Paglia di rinunciare alla barrique per il Morellino segnalo questo post di Jeremy Parzen sul suo blog Do Bianchi: http://dobianchi.com/2010/08/25/basta-barriques/

  16. @ il chiaro

    “Non è che sia il produttore che quei legni non li sa usare?”

    Per la precisione, qualche anno fa, quando la polemica era ancora piu’ feroce perche’ ormai tutti barricavano tutto (anche e non soltanto la suocera…), ho avuto modo di conoscere un esperto, il prof. Fedor Malik che continua ad insegnare enologia e a partecipare alle giurie internazionali dei concorsi piu’ prestigiosi, delle cui opinioni (che mi sono costate una faticosa traduzione da una lingua ad un’altra prima che alla terza e cioe’ l’italiano) invito te e tutti a prender nota. Ecco i link: sulla barrique http://www.enotime.it/zoom/default.aspx?id=751
    ed eventualmente sul vino anche http://www.enotime.it/zoom/default.aspx?id=696

  17. Grazie a Franco per l’intervista e a tutti i commenti interessanti che ho letto qui. Di sicuro non e’ mia intenzione “drammatizzare” la scelta del materiale di invecchiamento contrapponendolo al lavoro in vigna. Del resto, se qualcuno di voi fa questo lavoro, sa bene quanto il vero impegno e il vero lavoro avvenga in vigna. Pero’ l’uso del legno puo’ dare una fisionomia completamente diversa al lavoro che si fa in campagna, io rimango dell’idea che se un uva e’ di prima classe il vino che ne verra’ prodotto sara’ sempre buono a prescindere dallo stile, pero’ lo stile e’ importante e fondante del carattere e dell’anima di un vino, non un dettaglio secondario.

  18. Pingback: To barrique or not to barrique (and red wine with seafood in Maremma) « Do Bianchi

  19. Egregio signor Paglia, sono un consumatore moderato di vino, ma che mi trova d’ accordo con lei.
    Non sono un’intenditore però ho bevuto vini di pregio, l’ ultimo un Sassicaia e sono rimasto deluso. Da una decina di anni infatti nella maggioranza dei vini rossi sento un fortissimo sapore di legno che tende quasi al disgusto mentre anni addietro il vino era più bevibile. In alcuni ristoranti ho bevuto vini prodotti dai propietari che non sapevano assolutamente di legno ed erano più assimilabili.
    Credo che questa ossessione della barrique abbia “imbottigliato” troppi cervelli.

  20. Sig. Paglia, anche io come tutti gli altri condivido pienamente la sua scelta.
    Da semplice consumatore ed appassionato del buon bere ‘fatto su misura’, sono anni che auspico l’abbandono delle barrique da parte dei produttori.
    Se non sbaglio, a spanne, solo a livello nazionale, abbiamo più di 350 vitigni (chiamiamoli autoctoni, chiamiamoli come ci pare…). Quindi, tanti vitigni tanti vini, no non è proprio così, almeno per me. Grazie alle tanto blasonate barrique ci ritroviamo si e no con 10/15 tipologie di vino diverse. Tipologie che si differenziano non per acidità, sapidità, tannini ecc, ma per sapore di vaniglia, tostato, glicerina e così via.
    Grazie davvero Sig. Paglia.
    Cortesemente Renato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *