La scomparsa di Bepi Quintarelli “anima” dell’Amarone della Valpolicella

Questo crudele gennaio fa registrare un’altra gravissima perdita nel mondo del vino italiano, dopo la morte di Giulio Gambelli.
E’ scomparsa oggi l’anima più vera e straordinaria dell’Amarone della Valpolicella, quel grand’uomo e produttore sommo che corrisponde al nome di Giuseppe “Bepi” Quintarelli. Per il momento non si hanno molti dettagli sulle circostanze della morte, ma poco conta.
Con Quintarelli, produttore leggendario noto e apprezzato in tutto il mondo, autore di vini di straordinario e unanimemente riconosciuto valore, scompare un’idea storica e classica di Amarone, di vino raro, prezioso, prodotto con infinite cure e meticolosità e lontano anni luce dalla wine commodity, dal vino ripetitivo e con ben poca anima che il grande rosso da uve appassite della Valpolicella è diventato.
Ma rimane, per chi vorrà seguire il suo esempio, un’idea alta, nobile, artigianale, piena di poesia, così personaggio poetico e d’altri tempi era Quintarelli, dell’Amarone. Che resterà, come la figura di Bepi, nel mondo del vino per sempre.
Vino al vino esprime a nome di tutti i suoi lettori le più sentite condoglianze alla famiglia per questo gravissimo lutto.

___________________________________________________________

ATTENZIONE!

Non dimenticate di leggere

anche Lemillebolleblog, qui

 

 

 

 

16 pensieri su “La scomparsa di Bepi Quintarelli “anima” dell’Amarone della Valpolicella

  1. Ha fatto scuola,ha fatto storia,ha parlato poco e fatto tanto e i risultati dicono che umiltà e forza delle idee gli hanno dato ragione,grazie per esseci stato………..

  2. Pingback: Giuseppe Quintarelli has died… « Do Bianchi

  3. Pingback: Valpolicella Classico Superiore DOC, Quintarelli 1996 | enoiche illusioni

  4. Pingback: Giuseppe Quintarelli dies « Polish Wine Guide

  5. Pingback: dobianchi.com: giuseppe-quintarelli-has-died | Wein-News SigiHiss

  6. Bel ricordo di Quintarelli a firma del wine writer polacco Wojciech Bońkowski sulla sua Polish wine guide: http://blog.polishwineguide.com/2012/01/16/giuseppe-quintarelli-dies/ E bello il breve ricordo di Angelo Peretti su Internet gourmet http://www.internetgourmet.it/2012/01/ciao-bepi.html
    Adam Lechmere lo ricorda così su Decanter.com http://www.decanter.com/news/wine-news/529663/guiseppe-quintarelli-dies
    Luciano Ferraro ne ha scritto sul blog del Corriere della Sera Di Vini http://divini.corriere.it/2012/01/16/e-morto-giuseppe-quintarelli/ E Filippo Bartolotta sulla Gazzetta Gastronomica: http://www.gazzettagastronomica.it/2012/un-ultimo-saluto-a-giuseppe-quintarelli/
    E anche Intravino, a firma di Giampaolo Giacobbo, ha pubblicato un ricordo di Bepi: http://www.intravino.com/persone/addio-bepi-quintarelli/
    Un capolavoro il ricordo più meditato scritto da Jeremy Parzen su Do Bianchi: http://dobianchi.com/2012/01/16/hemingways-valpolicella-and-the-quintarelli-legacy/

  7. Nel nostro piccolo oggi al BAO si è parlato molto di Bepi. Per noi sarà sempre il riferimento e il motivo di orgoglio nazionale!
    “Grazie…presto ti saluteremo con una serata dedicata a te!”
    BAO Varese

  8. Pingback: Decanter messes up « Polish Wine Guide

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *