WineWebNews 19 novembre 2012 Il wine writer è morto? Parola di Andrew Jefford

8 risposte

  1. silvana biasutti
    19 novembre 2012

    Accidenti che messe di notizie!
    Be’ quella di Obama è un vero colpo di …. , non solo per l’azienda – Poggio Antico – ma moltissimo anche per Montalcino. Obama è un signor testimonial, ma ora ci sarebbe proprio una cosetta da fare….

    Mi entusiasma la news sull’Arneis che per me è il vino del Salone del Libro e della Torino che preferisco – quella un po’ misteriosa e molto intelligente – a cui mi ha introdotto un secolo fa il mitico creatore del Salone, il grande Guido Accornero, che mi ha anche fatto incontrare un Arneis meraviglioso e la grandissima Carol Rama – tutto insieme – . A testimonianza (se mai ce ne fosse bisogno, ma il bisogno c’è!) della grandezza del vino come ponte per l’arte, per il gusto della vita, per la parola scritta, per la bellezza…

    E permettimi anche un commento al “comunicatore multitasking” che mi lascia un po’ scettica. Un giornalista ha le sue sacrosante deformazioni professionali e altrettante specificità; sarebbe interessante (e utile) che facesse il giornalista.
    Non come i “giornalisti” che fanno di tutto un po’ e alla fine sono poco in tanti campi, solo apparentemente simili, in realtà complementari.
    Ma oggi – in tutti i settori – si usa il “multitasking” – più che altro una parola dietro cui ci può essere un genio (raramente) o il nulla.

  2. Nelle Nuvole
    21 novembre 2012

    L’intervento di Andrew Jefford è ottimo e completo, ma ha un difetto: è troppo lungo. Se va bene per un discorso dal vivo, di fronte ad un pubblico in carne ed ossa, non è lo stesso letto da un blog. L’attenzione cala più rapidamente, i riferimenti diventano complicati e si perde il senso del ragionamento. Rimane comunque un bell’esempio di scrittura, in cui la forma divertente e scorrevole incornicia una sostanza piuttosto complessa. Serve per riflettere su chi scrive, cosa scrive e con quali mezzi.

  3. roberto
    3 dicembre 2012

    Caro signor Ziliani, non vedo più le winewebnews dell’inizio 2012 . Come mai? grazie come sempre per la sua gentilezza Roberto

    • franco ziliani
      3 dicembre 2012

      caro Roberto, nel corso dell’anno ho più volte pubblicato, non con la stessa puntuale periodicità settimanale che osservavo quando venivano pubblicate in altra sede, fino alla fine del 2011, la mia rassegna stampa settimanale WineWebNews. Basta verificare nell’archivio e le troverà.
      Conto di dare una maggiore regolarità d’uscita, quantomeno quindicinale, se non sarà settimanale, nel corso del 2013.

  4. roberto
    7 marzo 2013

    Caro Franco non ho più visto questa rubrica. Cerchi di essere un poco più costante.

  5. roberto
    16 aprile 2013

    Io continuo a scriverle perché riprenda questa rubrica. é troppo bella non si può finire così grazie

    • franco ziliani
      16 aprile 2013

      lei ha ragione, ma io spero sempre che quella rubrica possa diventare altra cosa, intanto dovrei continuare a mantenerla in vita qui… però…

  6. roberto
    12 luglio 2013

    Caro Franco mi può spiegare cosa intende per altra cosa ? Mi spiace veramente tanto che lei si sia fermato con questa rubrica. Io ho chiesto più volte all’AIS ,precisamente al Signor Emanuele l’archivio della medesima . Purtroppo mi ha risposto che il tutto é rimasto nel vecchio sito e che non hanno copiato nulla . Che PECCATO !!! . Mi scusi se rompo così tanto, ma la mia é solo grande passione per la meteria e la rubrica é FANTASTICA Grazie Mille

Rispondi

 

 

 

Torna su
cellulare pc desktop