Donne del vino italiane, bravissime ma non donne di potere

A proposito di una classifica di The Drink Business

Come “americanata”, pardon, inglesata di fine anno (non c’è fine anno senza classifiche, più o meno incrociate, graduatorie, top 50, 100, 10…) la rivista britannica The Drink Business, seria e ben informata, ci ha regalato, ma non ne sentivamo affatto il bisogno, una classifica delle “Top 50 most powerful women in wine”.
Ne hanno già scritto in molti, alcuni osservando con insospettabile acutezza che trattasi di classifica “troppo ripiegata sul mondo anglosassone”, e che “prende in considerazione tutte le professioni che ruotano intorno al vino”.
Hanno ragione e non entrerò affatto nel merito della composizione della classifica, visto che cose del genere, come ho già avuto modo di dire, lasciano abbondantemente il tempo che trovano.
Nell’ottica di questa women power wine compilation è giustissimo che ai primi tre posti si trovino la chief winemaker di Gallo Family Vineyards, Gina Gallo, la più grossa azienda vinicola del mondo, quindi la wine writer and Master of Wine Jancis Robinson, una buona amica che mi onoro di avere portato in Puglia nel giugno 2011, per la prima edizione di Radici del Sud, quindi Annette Alvarez-Peters, direttrice di Costco, il più grande importatore di vino d’America.
Tout se tient, che siano in classifica le varie Philippine De Rothschild, una Master of wine che dal 2008 risiede ad Hong Kong considerandola come delle capitali del nuovo wine business, oppure Laura Jewell, Master of Wine e consulente della più grande catena di supermercati del Regno Unito, Tesco.
Mi sorprende invece la sorpresa di chi si è lamentato che in questa classifica di donne che si occupano soprattutto di business del vino, di vendere, promuovere per vendere, far conoscere e dare consulenze per aiutare a vendere, ci siano “solo” due italiane, Gaia Gaja (al n. 12), e Albiera Antinori (al n. 18), figlia del Marchese Piero Antinori.
E chi volevano che ci fossero insieme a queste bravissime “figlie di papà” che meritano il più ampio rispetto per il semplice fatto di dove fare i conti quotidianamente con l’opprimente peso del confronto con i loro augusti babbi?
E’ già tanto, con questa classifica molto British oriented, dove prevalgono le manager, e le buyer, che le deliziose Antinori & Gaja daughters siano state selezionate e situate in posizioni non di rincalzo.
Ed è impensabile, pur con tutta la simpatia e considerazione che io nutro per loro, che splendide persone prima che brave produttrici come Pia Donata Berlucchi, Lucia Barzanò, Elisabetta Foradori, Arianna Occhipinti, Elena Martusciello, Tiziana Settimo, Laura Brunelli, Angela Velenosi, Bruna Giacosa, Donatella Cinelli Colombini, Nadia Zenato, Alessia Perrucci, Anna Abbona, Livia Fontana, Clementina Cossetti, Susanna Crociani, Elisabetta Fagiuoli, Emanuela Stucchi Prinetti, Ornella Venica, Marta Rinaldi, per citare solo le prime che mi vengono in mente, potessero aspirare a figurare in classifica.
E’ una compilation, quella di The Drink Business, che premia soprattutto le donne di potere e dove sono nell’Italia del vino di oggi, che pure vede tantissime donne in gamba (perdonatemi la battutaccia da maschiaccio: alcune anche con belle gambe…) condurre con efficacia e grinta le proprie aziende, e non è sessista né maschilista affatto, le grandi donne manager? Nelle grandi aziende del vino italiane, nelle storiche dinastie familiari, Antinori a parte, dove sono le donne amministratrici delegate, le donne che comandano tanti maschietti?
Io non ne conosco una sola, e pretendereste dunque che a conoscerle siano quegli inguaribili filo francesi e anglo-centrici di The Drink Business?

______________________________________________________________________

Attenzione!: non dimenticate di leggere anche Lemillebolleblog
http://www.lemillebolleblog.it/

9 pensieri su “Donne del vino italiane, bravissime ma non donne di potere

  1. Una volta, un carrozziere di Sinalunga mi ha tamponato (guidava una mia amica primario in un ospedale); il suddetto, accorgendosi del contenuto femminile dell’auto tamponata, ci ha apostrofato con un “donne!”, usando il nostro genere come un insulto. Ho cercato di deniunciarlo, ma i carabinieri di allora non hanno capito…
    Ne ho abbastanza delle donne di qui e delle donne di là.
    Parliamo degli uomini: hanno più potere e più spazio; talvolta si nascondono dietro a un’idea che è buonissima (tanto è vero che ce l’ha avuta la loro moglie: conosco un caso che potrei raccontarvi!)…
    Se ne fregano della correttezza, dell’etica e usano il loro potere come la mitica clava della preistoria.
    Parliamo di loro, cominciando con una classifica che ti propongo.
    1-L’uomo del vino più eroticamente interessante,
    2-L’uomo del vino che ha più successo,
    3-L’uomo del vino più simpatico.

    • Va bene Silvana accetto la tua sfida. Scrivi tu il post dove lanci l’idea delle tue tre classifiche e te lo pubblico.
      Comunque per il punto 3 non c’é gara: ho già vinto io… Chiedi per conferma a Montalcino e dintorni :)

      • Uhm, con Ziliani che controlla tutto il mondo dell’informazione sul web e con la lobby degli opinionisti di Montalcino schierati con lui, qualsiasi voto contrario diventa inutile e forse anche pericoloso. :)
        Buon Natale Franco.

        • cerrrrto! Comunque di opionisti a Montalcino non ne conosco proprio… A meno di considerare tale un sito pieno di pubblicità di aziende e consorzi. E poi di wine news.. :)

  2. Franco scusa, per una volta non commento l’articolo.
    VOGLIO FARE GLI AUGURI DI UN FELICE NATALE A TUTTI!
    E SPEREM…. nel 2013!
    RB

  3. La ringrazio per le parole gentili nei miei confronti. Le ho molto gradite. Ho letto la classifica di The drink business e prevedevo di commentarla domani nel mio blog. Purtroppo fotografa una situazione reale, le donne sono 1/3 dei responsabili delle cantine italiane e cominciano ad essere rilevanti fra i consumatori di vino più competenti, tuttavia sono quasi assenti nelle stanze dei bottoni. Il lavoro che porterà a un riequilibrio fra i generi è lunghissimo davanti a noi ma proprio per questo bisogna continuare a impegnarsi e l’associazione Donne del Vino può avere un ruolo decisivo in questo processo. Nel rinnovarle i miei ringraziamenti le invio i miei auguri per il nuovo anno Donatella Cinelli Colombini

    • Grazie e auguri a lei Donatella! Non avete qualche altro fratello o sorella in famiglia, così dopo i commenti suoi e di suo fratello Stefano, una presenza costante, potrei avere i commenti anche di altri Cinelli Colombini… Magari potrebbe intervenire sua figlia Violante, che dice? :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Occhio! Stai cercando di salvare un'immagine non valida. Se la salvi non verrà visualizzata nel commento