Seconda edizione Concorso enologico Vini rosati d’Italia: un palmarès non esaltante

ConcorsorosatiItalia2

Devo confessare, da rosatista “antemarcia” convinto, e da semplice osservatore esterno dell’andamento del Concorso, delle cui giurie (ancora oggi con componenti che restano misteriosi sul sito Internet della manifestazione) avrei dovuto far parte, se, incredibile ma vero, non avessi perso l’aereo che avrebbe dovuto portarmi a Bari e perso quindi la possibilità di partecipare a tutti i turni di degustazione, di nutrire qualche perplessità circa i risultati della seconda edizione del Concorso rosati d’Italia.
Qui di seguito pubblico l’elenco completo dei vini medagliati nelle 6 categorie, ma con tutto il doveroso rispetto per i premiati, a partire per il Cerasuolo d’Abruzzo Fantini 2012 della Farnese vini del vecchio amico Valentino Sciotti, non mi sembra di vedere tra i premiati nomi notissimi, né di aziende né di vini, né grandi tracce (forse dovrò rileggere l’elenco per l’ennesima volta con rinnovata attenzione) di quei rosati che formano, a mio modesto avviso, l’aristocrazia del rosato italiano.
Non vedo il sommo Girofle di Azienda Monaci della famiglia Garofano, il Mjere di Michele Calò, l’Elatis di Comm. G.B. Burlotto, o altri vini che ho sinora inserito nella mia fortunata rubrica dei rosati che conduco con grande soddisfazione su Il cucchiaio d’argento.
E mi chiedo se questi vini e molti altri che potrei citare, di cui ho scritto in passato e scriverò in futuro, tipo il Cirò rosato di Librandi, Le Pozzelle di Candido, il classico rosato di Rosa del Golfo, il rosato di Gaglioppo ‘A Vita di Francesco De Franco, l’Eloro rosato Rosa nera di Marabino, i Montepulciano d’Abruzzo di Cataldi Madonna, Contesa, Pasetti, Masciarelli, Pientrantonj, il Castel del Monte Pungirosa di Rivera, il Brindisi Vigna Flaminio di Agricole Vallone, il Chiaretto del Garda Rosamara di Costaripa, e tanti tanti altri (da me inseriti in mie iniziative), non siano stati premiati al Concorso perché le giurie non li hanno capiti o non li hanno trovati meritevoli.
O se invece perché questi produttori non abbiano ritenuto opportuno presentarli al Concorso e parteciparvi. E se così fosse, mi chiedo per quali motivi non abbiano partecipato.
Semplici domande che ovviamente rimarranno senza risposta, perché in base al ferreo regolamento del Concorso voluto dall’Associazione Enologi e dal suo “boss”, pardon, direttore, sarà più facile estorcere a Berlusconi il numero dei suoi conti correnti in qualche paradiso fiscale o la confessione del reale andamento dei bunga bunga parties che sapere da Martelli Giuseppe quali vini e quali aziende abbiano partecipato alla seconda edizione di questo concorso.
Però sono domande che di fronte ai non entusiasmanti nomi dei vincitori di questo Concorso, che almeno quest’anno ha visto la Puglia, regione organizzatrice e grande capitale, con l’Abruzzo ed il Garda, degli italici rosati, andare meglio di come sia andata lo scorso anno, non potevo, da amante dei rosati, non fare…

ConcorsorosatiItalia2

Secondo concorso enologico nazionale vini rosati d’Italia Elenco completo dei vini medagliati nelle 6 categorie

http://www.concorsorosatiditalia.it/

Categoria 1 Vini rosati tranquilli Doc – Dop

MEDAGLIA D’ORO

CERASUOLO D’ABRUZZO DOC “FANTINI” 2012
FARNESE VINI di ORTONA (CHIETI)

MEDAGLIA D’ARGENTO

IRPINIA DOC ROSATO 2012
BORGODANGELO SOCIETA’ AGRICOLA  di  SANT’ANGELO ALL’ESCA (AVELLINO)

MEDAGLIA DI BRONZO

BARDOLINO DOC CHIARETTO CLASSICO 2012
CANTINA CAORSA CONSORZIO AGRARIO LOMBARDO VENETO di AFFI (VERONA)

Categoria 2 Vini rosati tranquilli IGT – IGP

MEDAGLIA D’ORO

SALENTO IGP ROSATO “MERULA ROSA” 2012
AZIENDA AGRICOLA CARVINEA di CAROVIGNO (BRINDISI)

MEDAGLIA D’ARGENTO

SALENTO IGP NEGROAMARO ROSATO 2012
CANTINA SOCIETA’ COOPERATIVA VECCHIA TORRE di LEVERANO (LECCE)

MEDAGLIA DI BRONZO

SALENTO IGP NEGROAMARO ROSE’ ROSARO 2012
Feudi di Guagnano di  Guagnano (Lecce)

Categoria 3 Vini rosati frizzanti Doc – Dop

MEDAGLIA D’ORO

LAMBRUSCO DI MODENA DOC ROSATO FRIZZANTE SEMISECCO “ROSA DI PRIMAVERA” 2012
CANTINA DI CARPI E DI SORBARA di CARPI (MODENA)

MEDAGLIA D’ARGENTO EX-AEQUO

LAMBRUSCO DI SORBARA DOC ROSATO FRIZZANTE AMABILE “ALLEGRO” 2012
CANTINA DI CARPI E DI SORBARA di CARPI (MODENA)

LAMBRUSCO DI SORBARA DOP ROSATO FRIZZANTE SECCO “ROSA'” 2012
AZIENDA AGRICOLA GARUTI ELIO ED EREDI GARUTI ROMEO di SORBARA (MODENA)

MEDAGLIA DI BRONZO

COLLI DI SCANDIANO E DI CANOSSA DOP LAMBRUSCO ROSATO FRIZZANTE “ROSSO SPINO” 2012
CANTINA SOCIALE D’ ARCETO SOCIETA’ COOPERATIVA di  ARCETO di SCANDIANO (REGGIO EMILIA)
Puntodomanda

Categoria 4 Vini rosati frizzanti IGT – IGP

MEDAGLIA D’ORO

PROVINCIA DI PAVIA IGT ROSATO FRIZZANTE DOLCE “MOSCA ROSA” 2011
GIORGI FRATELLI & C di CANNETO (PAVIA)

MEDAGLIA D’ARGENTO

DELLE VENEZIE IGT ROSATO FRIZZANTE “TURA'”
GRUPPO ITALIANO VINI – LAMBERTI di PASTRENGO (VERONA)

MEDAGLIA DI BRONZO

VERONA IGP ROSATO FRIZZANTE “MONTE FIASCHETTO” 2012
AZIENDA AGRICOLA RIGHETTI ENZO di CAVAION VERONESE (VERONA)

Categoria 5 Vini rosati Spumanti Doc – Dop

MEDAGLIA D’ORO

VENEZIA DOC VINO SPUMANTE DRY ROSE’ “CANAL GRANDO”
CASA VINICOLA BOSCO MALERA di SALGAREDA (TREVISO)

MEDAGLIA D’ARGENTO

LAMBRUSCO DI SORBARA DOP ROSATO VINO SPUMANTE DI QUALITA’ EXTRA DRY “GIOIA” 2011
AZIENDA AGRICOLA GARUTI ELIO ED EREDI GARUTI ROMEO di SORBARA (MODENA)

MEDAGLIA DI BRONZO

BARDOLINO DOP CHIARETTO VINO SPUMANTE BRUT 2012
AZIENDA AGRICOLA BENAZZOLI FULVIO di PASTRENGO (VERONA)

Categoria 6 Vini rosati Spumanti IGT e VSQ

MEDAGLIA D’ORO

MANZONI MOSCATO VINO SPUMANTE DI QUALITA’ AROMATICO DOLCE 2012
CANTINA COLLI EUGANEI  di VO’ (PADOVA)

MEDAGLIA D’ARGENTO

VINO SPUMANTE DI QUALITA’ EXTRA DRY ROSE’ “JACARANDO” 2011
SAN PAOLO AZIENDA AGRARIA di TORRIONI (AVELLINO)

MEDAGLIA DI BRONZO

PINOT NERO ROSATO VINO SPUMANTE DI QUALITA EXTRA DRY
AZIENDA VITIVINICOLA VANZINI DI ANTONIO, MICHELA E PIER PAOLO VANZINI di SAN DAMIANO AL COLLE (PAVIA)

Premio Speciale della critica

PUGLIA IGT ROSATO ‘MONROSE’
AZIENDA AGRICOLA PRIMIS DI STORNARELLA (FG)

2 pensieri su “Seconda edizione Concorso enologico Vini rosati d’Italia: un palmarès non esaltante

  1. “…il chiaretto del Garda Rosamara di Cosaripa….”
    Ecco, stavo leggendo seriamente e poi leggo questa cosa qua sopra! Dai Ziliani, un po’ di ritegno.

    • il ritegno dovrebbe averlo lei non sparando le solite zakkate a raffica. Confermo che trovo serio e valido il Rosamara di Costaripa. Che a lei piaccia o meno

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>