Elda vino rosso 2010 Nusserhof Heinrich Mayr

Champagne-fotodic2014 045
Quando la Schiava conferma la propria grandezza

Dove sta scritto che un vino base Schiava, Vernatsch come la chiamano in Alto Adige, non possa essere considerato un grande vino? E riconoscerlo come tale, come grande vino di territorio, non diventa ancora più difficile, se detto vino non porta la denominazione di riferimento Santa Maddalena cui avrebbe diritto, visto che le vigne crescono nella zona classica della più importante delle denominazioni a basa Schiava, ma semplicemente Vino rosso, vino da tavola?

Voi pensatela come volete, ma per me, grazie alla storicità e accertata vocazione del maso in origine, il maso Nusserhof , Costa di Sotto, posto nella zona sudorientale di Bolzano e proprietà della famiglia Mayr dal 1788, alle condizioni ideali dei terreni di deposito del fiume Isarco, ricchi di porfido e dolomia, giusto ai piedi del Monte Renon, all’età delle vigne, ovviamente Lagrein, ed il rarissimo bianco Blaterle, oltre alla Schiava, qui esistono tutte le condizioni per produrre vini d’eccellenza, vini ricchi di personalità.

Se si aggiunge che si tratta di viti di 80 anni, allevate con la forma super tradizionale, ma non superata, della pergola, che producono naturalmente poco (la resa è di 20 ettolitri ettaro per la Schiava e di 45 per il Lagrein) e che questo Maso ha rischiato più volte di sparire, nel 1944 quando il proprietario del maso stesso, Josef Mayr-Nusser, rifiutò di giurare fedeltà al Terzo Reich e venne condannato a morte, e poi nel dopoguerra dove nella zona del maso doveva estendersi l’espansione urbanistica, e solo nei primi Ottanta, ricordando il sacrificio di Josef Mayr-Nusser, il Nusserhof venne messo sotto tutela, allora i vini che nascono in questa tenuta assumono un significato del tutto particolare.

Un’oasi di biodiversità, 4 ettari con produzione biologica certificata dal 1996 per il Lagrein riserva, per il quale Heinrich Mayr a differenza della stragrande maggioranza dei suoi colleghi vignaioli non ha scelto l’affinamento in barrique, bensì in botti grani da 20 ettolitri e per 30 mesi, che trova nell’Elda, nome dedica alla moglie di Mayr, il suo simbolo.

Perché non si tratta di una Schiava normale, per quanto possa esserla una Schiava “von alten Reben”, da viti vecchie di 80 anni, ma un vino figlio di una vigna, definita “Gemitscher Satz”, che oltre a svariate, rare e antiche varietà di Vernatsch, ha al proprio interno, in regime di promiscuità, circa un 15% di altre uve, ovviamente Lagrein, Blatterle, Teroldego e altre minori.
Champagne-fotodic2014 046

Tutte queste uve vengono raccolte e fermentate insieme, la fermentazione si svolge ovviamente con lieviti indigeni e in acciaio e dopo una macerazione della durata di circa un mese e la malolattica il vino riposa per 20 mesi in botti grandi da 20 ettolitri.

E’ un vino, di grande carattere, che giustifica il prezzo, 18 euro, degno di un Blauburgunder o del Lagrein riserva, che arriva a quota venti.

Un rosso rubino carico, intenso splendente, di assoluta brillantezza e lucentezza e subito un naso fitto, avvolgente, che ti fa entrare nel bicchiere, che ti coinvolge per la sua fittezza densa di frutta rossa, di aromi ed erbe selvatiche, di sottobosco, sfumature di liquirizia e venature minerali, una fittezza che concilia grassezza, densità e freschezza e ha una purezza, un nitore sorprendenti.
Champagne-fotodic2014 050

E poi ancora meglio quando cominci a berlo, quando l’Elda, dotato di un estratto secco significativo, 29,4 grammi litro, e con gli zuccheri praticamente tutti assimilati e una gradazione alcolica contenuta in dodici gradi, entra e si dispone ampio, succoso, ricco di polpa sul tuo palato, con slancio ed energia, una bellissima acidità che equilibra e rilancia la materia, una vena fresca lunga e profonda che regala assoluta piacevolezza e regge l’abbinamento con qualsiasi preparazione a base di carne.

Un grande vino, l’ennesima dimostrazione di quali miracoli possa fare, nei posti e nelle mani giuste, una grande Vernatsch.

Nusserhof Heirich Mayr
Via Josef-Mayr-Nusser 72
39100 Bolzano
Tel +39 0471 978388, Mobil 335 6207558
Fax +39 0471 978388

Attenzione! Non dimenticate di leggere anche:

Le Mille Bolle Blog       www.lemillebolleblog.it

Rosé Wine Blog            www.rosewineblog.com

Un pensiero su “Elda vino rosso 2010 Nusserhof Heinrich Mayr

  1. Pingback: "A big Vernatsch", the Elda red wine 2010 from Heinrich Mayr Nusserhof - VINOREX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *