Un bianco per l’estate? Ma sono pazzi o razzisti?

Mi spiace, ma di fronte a questa discriminazione devo chiamare la Boldrini!

Ho ricevuto questo comunicato stampa, ma indignato, scandalizzato, inorridito da tale ardire, da un testo che dimostra totale spregio delle regole del comune civile democratico, che condanna ogni forma di discriminazione sessuale e razziale, decidendolo di pubblicarlo, perché anche voi, lettori di questo piccolissimo e inoffensivo blog politicamente corretto, possiate prendere le distanze dagli autori, vi informo di una posizione ufficiale che ho preso.

Ho scritto all’ufficio stampa che mi ha inviato questa provocazione, questo testo che disonora il genere umano e il sentimento comune, naturalmente democratico e antifascista, informando di avere espresso all’eccellentissima presidenta della Camera dei Deputati, la nostra “adorabile” compagna Laura Boldrini (tutti in piedi, please!), il mio sdegno e la richiesta di una ferma presa di posizione e dei provvedimenti previsti in base alle leggi vigenti e al dettato della Costituzione nata dalla Resistenza.

Ho scritto a questo spudorato ufficio stampa il testo seguente: “Mi spiace cari amici, ma mi trovo costretto a rivolgermi alla venerabile Laura Boldrini, ed in copia al compagno Gino Strada, per lamentarmi del vostro comunicato chiaramente discriminatorio.
Ma come vi permettete di parlare di “bianco” per l’estate? E noi, “risorse”, o “abbronzati” come direbbe quel pirla del Berlusca, chi siamo? Come potete tranquillamente pensare di discriminarci? Questo é razzismo amici miei, e ora ve la vedrete con la Boldrini. Ve la siete voluta, peggio per voi, cattivoni populisti, identitari, sovranisti! firmato lo zio Tom (sceso dalla capanna, ça va sans dire…)

“G’16”, GRILLO IN PUREZZA DI TENUTA SAN GIAIME: UN GRANDE BIANCO PER L’ESTATE CHE STA PER INIZIARE!

Milano, 26 maggio 2017 – Si propone come uno dei vini che accompagneranno le belle serate dell’estate che sta per iniziare! È “G’16”, Grillo in purezza di Tenuta San Giaime: un grande  bianco prodotto a Gangi, in provincia di Palermo, sulle pendici delle Madonie (a 750 metri di altitudine), disponibile nella ristorazione e nelle enoteche di alta gamma.

“Anche quest’anno, spiega Salvatore Cicco, patron dell’Azienda, il vitigno Grillo, uno degli emblemi dell’enologia siciliana, ha mantenuto le promesse di una vendemmia che, nonostante le piogge estive, è stata ottima per quantità e superlativa per qualità: 40 quintali di uva, che ci hanno dato 3500 bottiglie”.

G’16 si presenta di colore giallo paglierino, con leggere sfumature verdognole. Al naso è floreale e fruttato. L’aroma caratteristico ricorda l’ortica, il pepe verde e il gelsomino. Al gusto è fresco, sapido e con una buona acidità ed equilibrata morbidezza. La percentuale alcolica è del 13%. Si fa apprezzare soprattutto abbinato a piatti di pesce oppure come aperitivo.

Attenzione!

Non dimenticate di leggere anche

Lemillebolleblog

http://www.lemillebolleblog.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *