Grandi annate di Armand Rousseau attendono al freddo in Danimarca: portiamole da noi!

Cercasi urgentemente mecenate…

E’ una vita, pardon, da 61 anni, che dico tra me e me “la prossima volta che nasco voglio nascere ricco”. E magari anche bello come Clooney, Hugh Grant o quei “figaccioni” che non devono chiedere mai. Cosa si è ben capito. Me lo dico quando vado a Londra e guardo le vetrine di certi negozi di scarpe e di abbigliamento in zona Myafair e Piccadilly, quando entro al Ritz, ma non per prendere possesso di una suite, ma “solo” per andare a trovare il mio caro amico e Head sommelier Giovanni Ferlito, quando entro da Hedonism wines e non posso comprare certe bottiglie che so già mi farebbero andare in brodo di giuggiole. Quando incontro certe elegantissime Signore dell’alta borghesia londinese e mi dico, non guardarle Franco, tanto “non ti cagherebbero mai e soprattutto non te le puoi permettere”.

Me lo dico à Paris, me lo dico anche a Milano, oppure in tante circostanze, dove sono consapevole che “volere non è potere”. Non mi lamento, però mi piacerebbe tanto, almeno un paio di volte nella vita, poter fare lo “splendido” e non avere limiti dettati dal budget.

Ad esempio, vorrei rispondere ai fantastici creatori di RareWine in Danimarca, che ogni volta che mi mandano una news letter con le loro proposte mi fanno uscire di testa, ok ragazzi, compro tutto, che sconto mi fate?, che queste bottiglie storiche di Armand Rousseau, (ripeto, Armand Rousseau, tutti in piedi per favore et silence!) le voglio tutte…

Leggere per sbalordire…

1 * Armand Rousseau – Chambertin 1998 at 1000 euro

2 * Armand Rousseau – Chambertin “Clos de Beze” 1971 at 4825 euro –

3 * Armand Rousseau – Gevrey Chambertin Clos St. Jacques 1976 at 625 euro – 1 Missing Vintage label
3 * Armand Rousseau – Gevrey Chambertin Clos St. Jacques 2007 at 390 euro
4 * Armand Rousseau – Gevrey Chambertin Clos St. Jacques 2014 at 450 euro

11 * Armand Rousseau – Gevrey Chambertin Lavaux St Jacques 1998 at 525 euro
1 * Armand Rousseau – Gevrey Chambertin “Lavaux St. Jacques” 2012 at 175 euro

1 * Armand Rousseau – Clos de la Roche 1990 at 575 euro
2 * Armand Rousseau – Clos de la Roche 1993 at 550 euro
3 * Armand Rousseau – Clos de la Roche 1996 at 429 euro
5 * Armand Rousseau – Clos de la Roche 1997 at 429 euro
1 * Armand Rousseau – Clos de la Roche 1998 at 415 euro

Sono stato una sola volta nella mia vita da Armand Rousseau, ormai tanti anni fa, nella sua cave di Gevrey Chambertin, ero insieme ad un importatore danese e al mio carissimo amico e collega svizzero-toscano Andreas März, alias Merum, ed il ricordo è rimasto indelebile. Cantina piccola e non propriamente linda (…) bicchieri tulipano minimali, assaggiavi dalle barrique nuove e non sentivi un filo di legno, il vino era un nettare e se non ti sbrigavi a berlo lui ti prendeva il bicchiere e rimetteva subito il vino nel legno per non sprecarne una goccia.

Io feci lo “sborone” e preso dall’entusiasmo dissi ad Andreas, dai, gli chiediamo se ci vende qualche bottiglia? Incuranti del pericolo che correvamo (se diceva di sì, con cosa lo pagavamo? Dovevamo fare un mutuo…) gliel’abbiamo chiesto. La risposta fu ovviamente negativa. Al che, improvvisamente rinsavito, tirai un respiro di sollievo dicendo ad Andreas “c’è andata di culo, altrimenti cosa avremmo detto alle nostre mogli?”… Bei giorni, quelli dei Grand Jours de Bourgogne di long time ago…

Morale. Ora ci sono queste grandi bottiglie di Armand Rousseau che giacciono al freddo della Danimarca, in una cave immagino meravigliosamente adatta, ma sempre al freddo del Nord. Ora, c’è un qualche mecenate che, impietosito, vuole fare opera di misericordia duplice?  C’è qualcuno che vuole portare le bottiglie qui in Italia, perché le riscaldiamo con il nostro abbraccio, e c’è qualcuno che vuole fare al povero vostro umile (e squattrinato) stagionato cronista del vino un bel regalo di Natale anticipato? Non fiori e opere di bene, prego, ma bouteilles di Armand Rousseau! Basta mandarmi caviale e tartufi a Natale amici produttori! Meglio un paio di vecchie bottiglie di Clos de la Roche e un bel salame di quelli giusti! What else?

Attenzione!

Non dimenticate di leggere anche

Lemillebolleblog http://www.lemillebolleblog.it/

e Franco Ziliani blog http://www.francoziliani.blog/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *