Gli enotecari professionisti scendono in campo: nasce A.E.P.I.

Presidente Francesco Bonfio: una garanzia

Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo

Nasce AEPI, l’Associazione che rappresenta gli enotecari professionisti e valorizza la filiera del vino italiano.  Animata dai migliori principi di etica professionale e commerciale, l’associazione si propone di dare una voce agli enotecari italiani.

L’Associazione Enotecari Professionisti Italiani (AEPI), è stata costituita con l’obiettivo di riunire una serie di figure professionali operanti nel settore del vino, per tutelare le loro attività e garantire ai cittadini gli strumenti necessari per avvalersi delle loro prestazioni. Le attività dell’Associazione si muoveranno su due binari: promuovere la cultura e il consumo del vino e definire il profilo dell’enotecario come soggetto professionista a tutti gli effetti.

“La nascita di AEPI è un punto di partenza importante nel panorama enologico odierno – ha affermato Francesco Bonfio, Presidente della neo-costituita associazione – e il valore aggiunto è dato dalla multidisciplinarità che la distingue. L’Associazione non solo si prefigge di dare un volto e una voce agli Enotecari Professionisti, ma vuole mettere in pratica attività di comunicazione, di informazione e sensibilizzazione volte all’educazione del consumatore e al consumo consapevole del vino” – ha concluso il Presidente.

Francesco Bonfio

Accomunati da una profonda conoscenza del vino, degli alcolici e dell’enogastronomia in generale, gli associati avranno la possibilità di vedere le proprie attività rappresentate e potranno avvalersi dell’Associazione come ponte di raccordo con gli organi dello Stato, portando alla pubblica attenzione tematiche sottovalutate o sconosciute.
Professionisti che operano in enoteche, wine bar, ristoranti, osterie, specialisti in servizi sul vino e sugli alcolici sono alcune delle figure che troveranno in AEPI un punto di riferimento. Il tutto è coordinato da un preciso Codice Deontologico a indicare le norme comportamentali entro cui le attività dell’Associazione dovranno sempre rientrare.

Un sostegno tanto atteso quanto fondamentale, che farà fronte alle necessità di molti professionisti, e sopperirà a un vuoto rappresentativo in essere da anni, contribuendo allo sviluppo generale del settore enogastronomico”.

Andrea Terraneo, presidente Vinarius

Fin qui il comunicato. Invito a visitare il sito Internet dell’Associazione, dove troverete tutte le notizie su attività in programma, il tipo di formazione che l’Associazione intende fornire, gli stage di aggiornamento in collaborazione con Vinarius, la più importante associazione degli enotecari italiani, quindi le finalità di A.E.P.I., l’elenco dei soci, lo statuto, il codice deontologico e regolamento interno.

Poiché è inutile mantenere un segreto, che poi sarebbe un segreto di Pulcinella, il sottoscritto dichiara pubblicamente di essere stato onorato dalla proposta, arrivatami dal Consiglio direttivo di A.E.P.I., di far parte del Comitato Scientifico composto da persone di chiara fama e competenza in mezzo alle quali faccio la figura dell’intruso, e che ho accettato con entusiasmo.

Trovarmi insieme ad autentici Maestri come Giorgio Grai, Burton Anderson, Moreno Rossin, Antonino Trimboli, per tacere degli altri, è per me motivo di grande gioia e soddisfazione.

Auguro ovviamente all’Associazione Enotecari Professionisti Italiani e al suo presidente, il fraterno amico Francesco Bonfio, il massimo successo e per quanto possa contribuire farò sicuramente del mio meglio perché questo arrivi.

Attenzione!

Non dimenticate di leggere anche

Lemillebolleblog

http://www.lemillebolleblog.it/

e

Rosé Wine Blog

http://www.rosewineblog.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *