Grandi Barolo in degustazione (A.I.S.) a Trento

Sarà questo storico antico edificio, il Palazzo Trautmannsdorf (via del Suffragio 3), costruito verso la fine del ’600, sulle basi di una preesistente costruzione cinquecentesca e appartenuto per lungo tempo alla famiglia dei Trautmannsdorf  trentini, un ramo della omonima famiglia nobile dell’Alto Adige, ad ospitare, venerdì 12 novembre alle 20.30 la degustazione organizzata dai cari amici dell’A.I.S. Trentino, che segnerà il mio ritorno nella città del Concilio a parlare del Nebbiolo delle Langhe.
Per gli appassionati di Trento città e dintorni, otto Barolo in degustazione, di annata 2006 e 2004, otto Barolo a me particolarmente cari, espressione di vigneti posti nei borghi di Verduno, La Morra, Castiglione Falletto, Barolo, Monforte d’Alba e Serralunga d’Alba, proposti da aziende in larga parte tradizionaliste e sicuramente rappresentative del meglio che questo grande vino di terroir per antonomasia possa offrire.
Saranno, in questo ordine di servizio, questi i vini di una serata che io stesso, che sarò chiamato a condurla, attendo con trepidazione e grande curiosità:

Comm. G.B. Burlotto Barolo Acclivi 2006
Mario Gagliasso Barolo Torriglione 2006
Cavallotto Barolo Bricco Boschis 2006
Brezza Barolo Bricco Sarmassa 2006
Giacomo Fenocchio
Barolo Bussia 2006
Elio Grasso Barolo Ginestra Vigna Casa Maté 2006
Massolino Barolo Serralunga 2006
Giuseppe Mascarello
Barolo Monprivato 2004

Mi sa che mi divertirò proprio quella sera…
Se volete divertirvi anche voi e godere di cotante barolesche delizie, contattate per tempo gli amici dell’A.I.S. Trentino, a questo indirizzo di posta elettronica oppure a questo numero di telefono: 348 1486308

0 pensieri su “Grandi Barolo in degustazione (A.I.S.) a Trento

  1. Pingback: Grandi Barolo in degustazione (A.I.S.) a Trento | Trentinoweb

  2. Ho avuto l’opportunità di partecipare a questa EMOZIONANTE serata.
    Pur nella elevatissima qualità media dei vini bevuti volevo partecipare la piacevolissime sensazione avute prima dal Bussia di Giacomo Fenocchio e poi dall’elegantissimo e raffinatissimo Monprivato di Giuseppe Mascarello.
    Non avendo grandi doti da scrittore mi è impossibile provare a descrivere le sensazioni provate, ma davvero gran serata.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *