Per l’avvio della vendemmia in Puglia Chardonnay e vendemmia meccanizzata: una singolare comunicazione…

Sicuramente non è colpa dell’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia ma di un’addetta alla comunicazione un po’ inesperta o sbadata o digiuna di cose di vino e delle antichissime tradizioni di quella bellissima regione.
Certo che fa un certo effetto ricevere un comunicato stampa, diffuso dall’azienda che ospitava “l’evento”, che per annunciare l’avvio simbolico della vendemmia nella terra del Primitivo, del Negroamaro, dell’Uva di Troia, del Sussumaniello e del Minutolo, della Verdeca e del Bombino, sceglie di informarci che mercoledì 8 agosto l’Assessore Dario Stefàno assisterà (a questo punto ormai ha già assistito) “all’avvio delle operazioni di raccolta manuale e meccanizzata di uve Chardonnay”. Il tutto alla presenza del Presidente di Assoenologi di Puglia, Basilicata e Calabria Leonardo Palumbo. Ci manca solo l’elogio del Petit Verdot proditoriamente introdotto in Salento da qualche enologo pseudo à la page e siamo a posto….
Chardonnay e raccolta meccanizzata: c’è davvero ben poca Puglia, e poca conoscenza e rispetto della storia e delle radici della viticoltura pugliese in annunci del genere…

 

4 pensieri su “Per l’avvio della vendemmia in Puglia Chardonnay e vendemmia meccanizzata: una singolare comunicazione…

  1. Come in Franciacorta, propri ieri, 8 agosto 2012, qualcuno ha cominciato a vendemmiare. A mano o meccanizzato poco importa, ma che uva si potrà mai raccogliere l’8 agosto? Che anche in Puglia si faccia metodo classico da chardonnay?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *